Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli australiani bloccati nel blocco del coronavirus a Shanghai stanno supplicando i funzionari consolari di aiutarli a fuggire

Alcuni australiani intrappolati in un grave blocco di cinque settimane a Shanghai affermano che il governo australiano ha fatto poco per aiutare i suoi cittadini colpiti.

La città più grande della Cina è stata sottoposta a un blocco sempre più severo a marzo nel tentativo di arginare un focolaio di casi di COVID-19 alimentato da Omicron.

Più di un mese dopo, le autorità di Shanghai affermano che i casi in città sono in calo.

Ma la maggior parte dei 25 milioni di residenti sono ancora confinati nei loro appartamenti, complessi o luoghi di lavoro, senza che sia stata annunciata una data di rilascio.

A coloro che sono autorizzati a uscire dai loro complessi è vietato viaggiare al di fuori delle loro immediate vicinanze.

Le autorità continuano anche a costringere i residenti infettati dal coronavirus a lasciare le loro case e a metterli in affollati centri di quarantena di massa in condizioni precarie, come parte di una direttiva politica per ridurre a zero i casi.

Scarica

Alcuni australiani sono stati presi di mira con bussare alle porte a tarda notte da gestori di piscine, autorità sanitarie e polizia nel tentativo di spingerli a lasciare volontariamente le loro case e “accamparsi” nei centri.

Tutti gli espatriati australiani in città che hanno parlato con la ABC affermano di essere sul punto di sciogliersi.

Si chiedono anche se il DFAT possa essere più proattivo nel difendere i cittadini che sono stati costretti a lasciare le loro case o che cercano di lasciare il Paese.

“Se vengo arrestato, avrò un supporto consolare migliore che se vengo gettato in uno di questi centri di quarantena”, ha affermato Nick Oettinger, un uomo d’affari australiano che vive a Shanghai da 15 anni.

“Sicuramente dovrebbe esserci una protesta diplomatica da Canberra su questo”.

Le famiglie temono la separazione nei centri di quarantena

Una famiglia australiana con bambini piccoli è stata costretta in un centro di quarantena di gruppo dopo essere risultata positiva al COVID-19. Hanno allestito tende improvvisate per cercare un po’ di privacy da centinaia di altri pazienti che condividono una stanza.

I residenti riposano in una struttura di quarantena illuminata
A Shanghai sono state allestite strutture di quarantena per le persone che risultano positive ma mostrano pochi o nessun sintomo. (AP)

Un’altra famiglia con bambini piccoli ha dovuto combattere una battaglia di due settimane con le autorità composte per impedire loro di essere separati dopo diversi test positivi al coronavirus in famiglia.

Oettinger indica le lettere diplomatiche francesi e britanniche scritte al governo cinese nelle prime settimane del blocco chiedendo che genitori e figli non vengano separati nei centri di quarantena.

Sebbene l’Australia fosse tra i 30 paesi rappresentati nel messaggio della Francia, ritiene che la situazione sul campo richieda una risposta maggiore.

READ  Le scuole si preparano per una maggiore formazione a distanza, richiedono vaccinazioni per il personale