Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli attacchi dei droni russi hanno colpito la rete elettrica di Odessa, città di Bakhmut “distrutta” secondo il presidente Zelensky

La città ucraina orientale di Bakhmut è in rovina dopo gli attacchi dalla Russia secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, mentre gli attacchi dei droni hanno lasciato la maggior parte della provincia di Odessa senza elettricità.

Diverse centrali elettriche a Odessa sono state distrutte contemporaneamente, lasciando 1,5 milioni di persone senza elettricità.

Citando l’enorme “scala di distruzione”, la compagnia elettrica DTEK ha dichiarato su Facebook che sono state dispiegate squadre di emergenza e inizieranno a lavorare per ripristinare l’energia non appena i militari forniranno il permesso.

Da ottobre, Mosca ha preso di mira le infrastrutture energetiche dell’Ucraina con ondate di missili e attacchi di droni.

Kiev ha affermato che la Russia ha lanciato centinaia di droni Shahed-136 di fabbricazione iraniana contro obiettivi in ​​Ucraina e ha definito gli attacchi crimini di guerra a causa del loro impatto devastante sulle vite dei civili. Mosca afferma di essere militarmente legittima.

Teheran nega di aver fornito i droni a Mosca.

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha riferito che ci sono stati attacchi missilistici, circa 20 attacchi aerei e più di 60 attacchi missilistici in tutta l’Ucraina tra venerdì e sabato.

Zelensky ha affermato che la situazione è “ancora molto difficile” in diverse città in prima linea nelle regioni orientali di Donetsk e Luhansk in Ucraina.

Insieme, le province costituiscono il Donbass, una vasta regione industriale al confine con la Russia che il presidente Vladimir Putin ha identificato come punto focale dall’inizio della guerra e dove i separatisti sostenuti da Mosca combattono dal 2014.

Una residente locale passa davanti alla sua casa bruciata dopo il bombardamento russo a Bakhmut.
Una donna passa davanti alla sua casa in fiamme dopo i bombardamenti russi a Bakhmut.(AP: Lipkos)

“Bakhmut, Solidar, Marinka, Kremena. Per molto tempo non c’è più posto dove vivere sulla terra di queste aree che non sia stata danneggiata da proiettili e incendi”, ha detto Zelensky nel suo video discorso notturno.

“Bakhmut, un’altra città del Donbass, è stata distrutta dagli occupanti, trasformati in rovine bruciate dall’esercito russo”.

La Russia ha distrutto Bakhmut con missili per più della metà dell’anno.

La cattura di Bakhmut spezzerebbe le linee di rifornimento ucraine e aprirebbe una strada per l’avanzata delle forze russe verso Kramatorsk e Sloviansk, le principali roccaforti dell’Ucraina a Donetsk.

Alcuni edifici sono ancora in piedi a Bakhmut e gli altri residenti vagano ancora per le strade.

Ma come Mariupol e altre città contese, ha sopportato lunghi assedi ed è rimasta settimane senza acqua ed elettricità anche prima che Mosca lanciasse massicci scioperi per spazzare via i servizi pubblici in tutta l’Ucraina.

Il governatore della regione di Donetsk, Pavlo Kirilenko, ha stimato sette settimane fa che il 90 per cento della popolazione prebellica della città di oltre 70.000 persone era fuggita nei mesi da quando Mosca si era concentrata sulla cattura di tutto il Donbass.

Ha messo in dubbio l’inseguimento di Bakhmut da parte della Russia

Un soldato ucraino si mette le dita nelle orecchie mentre spara un colpo di mortaio contro le postazioni russe a Bakhmut.
Alcuni analisti hanno messo in dubbio la logica strategica della Russia nel cercare incessantemente il controllo di Bakhmut.(AP: Lipkos)

Alcuni analisti hanno messo in dubbio la logica strategica della Russia nel cercare incessantemente il controllo di Bakhmut e delle aree circostanti, anch’esse sottoposte a pesanti bombardamenti nelle ultime settimane.

READ  I pantaloni di Donald Trump erano capovolti durante il discorso?