Giugno 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli asiatici di tutto il mondo parlano di discriminazione sul posto di lavoro

Gli asiatici di tutto il mondo parlano di discriminazione sul posto di lavoro

Inserito il 7 giugno 2021

Non sono solo le strade, e non sono solo gli Stati Uniti.

In Australia, il 66,4% degli intervistati australiani asiatici è A sondaggio Lo scorso ottobre ha riferito di aver subito discriminazioni sul posto di lavoro, con un aumento di quasi il 15% in sei mesi. L’epidemia è peggiorata in modo significativo nel Paese in quel periodo, con i casi di coronavirus passati da 4.862 a 27.109 tra lo scorso aprile e ottobre, secondo il Tenere traccia di dalla Johns Hopkins University.

Gli australiani asiatici hanno anche registrato un calo sproporzionato delle ore lavorate la scorsa primavera, che “è stata più del doppio della riduzione” per il resto della popolazione, secondo i ricercatori dell’Australian National University, che hanno condotto lo studio. Hanno notato che ci sono “una serie di potenziali spiegazioni” per la disparità, incluso “che la discriminazione contro gli australiani asiatici sul posto di lavoro potrebbe avere un impatto”.

Nel Regno Unito, l’occupazione tra i cinesi è diminuita del 4,6% dal primo trimestre del 2020 al secondo trimestre – quasi tre volte il calo registrato da altri gruppi etnici, secondo il dati del governo.

“L’alta rappresentanza di cinesi e dell’Asia orientale in settori duramente colpiti come l’ospitalità probabilmente ne farà parte, ma anche la discriminazione diretta da parte dei datori di lavoro potrebbe svolgere un ruolo”, ha affermato Frances O’Grady, segretario generale del CTU. , un’alleanza sindacale britannica, ha dichiarato alla CNN Business.

READ  La Corte Suprema chiude un procedimento penale in India contro i marines italiani per l'uccisione di pescatori indiani nel 2012

L’epidemia di coronavirus è stata rilevata per la prima volta in Cina l’anno scorso, in primo luogo alcuni politici Per incolpare il Paese della crisi. Le vittime e i gruppi della comunità affermano che ciò ha incoraggiato più persone a mostrare ostilità a coloro che sono percepiti come di origine asiatica, in particolare cinesi.

CNN Business ha parlato con 38 lavoratori in 11 paesi che hanno riferito di aver sperimentato o assistito a pregiudizi in vari modi dall’inizio della pandemia, dalle molestie vere e proprie ai micro-aggressioni sottili.

Sono di varie etnie asiatiche, tra cui cinese, giapponese, coreano, vietnamita e filippino.

Ecco 11 delle loro storie.

La CNN Business ha parlato con dozzine di persone in tutto il mondo.

Leggi, guarda o ascolta alcune delle loro esperienze con la discriminazione razziale sul posto di lavoro.