Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Giradischi: Maialino apre nella sede di New Manhattan

Il 18 ottobre Danny Meyer e Union Square Hospitality Group (USHG) hanno rianimato il loro ristorante italo-romano Maialino al Redbury Hotel di New York, aggiungendone un altro. Un nuovo hot spot nel quartiere Nomad di Manhattan. USHG ha chiuso il sito dell’originale Gramercy Park Hotel a Maialino — a spettatore del vino Vincitore del premio ristorante – Nel 2020 all’inizio della pandemia di COVID-19 (pur mantenendo la sua sede gemella a Washington, DC, Mayalino Marichi detiene un spettatore del vino Premio Eccellenza).

“Esatto, dopo più di due anni siamo finalmente pronti per riassaporare i tuoi preferiti questo autunno”, ha scritto Mayer in un post su Instagram. USHG ha stretti legami con il Redbury Hotel, dove gestisce una pizzeria, Arta. In precedenza ha curato anche i ristoranti Caffe Marchio e Vini e Fritti, le cui precedenti sedi includono il nuovo Maialino.

detto Maialino (Vicino) – Vicino Essendo italiano “della porta accanto”, il ristorante serve una cucina in stile trattoria che i fan apprezzano da diversi anni. “Siamo molto entusiasti di ricreare il fascino speciale di Maialino a pochi isolati dall’originale”, ha detto Meyer in una nota. Passeggiando per le porte a Maialino (Vicino), i nostri ospiti riconosceranno immediatamente quella scintilla, ancor prima di gustare i loro piatti Maialino preferiti.”

Mayalino (Vicino) L’executive chef Joe Downey-Zayas, che era il capo chef del sito originale e, più recentemente, il vincitore del Best of Excellence Award dell’USHG Caffè di Piazza dell’Unione—Piatti come burrata con zucca arrosto, tonarelli casio e pepe, pollo alla Diavola speziato al peperoncino e maialino al forno servito con patate al rosmarino.

Un altro piatto classico di Maialino, Il mio malese preferito, ritorna nella nuova posizione; La pasta viene servita con prosciutto brasato, grana padano e rucola. (Giada Boulogne)

Il direttore delle bevande Cory Holt e il direttore dell’apertura del bar USHG Patrick Smith hanno messo insieme una nuova linea di cocktail per la riapertura, insieme a una carta dei vini in crescita di 600 marchi concentrati principalmente sull’Italia. “L’obiettivo non è quello di costruire le 1.600 scelte che avevamo nel sito di Gramercy Park, ma di avere comunque una selezione completa sia dell’Italia che dello Champagne”, ha affermato Holt. spettatore del vino Per e-mail.

Come nel sito originale, il menu sarà caratterizzato da molte bottiglie standard, ma ci sarà maggiore attenzione sui piccoli produttori guidati da viticoltori e produttori di vino “visionari”. Giocherai anche in regioni e oggetti meno conosciuti che offrono valore ai sostenitori. “Vogliamo che il vino sia divertente, facile e accessibile a tutti, pur utilizzando la nostra esperienza per assicurarci di fornire la bottiglia giusta per l’occasione giusta”, ha spiegato Holt.

READ  Sei ricette ricercate da "Stanley Tucci: Alla ricerca dell'Italia"

Con più di 40 posti a sedere, la sala da pranzo offre un’atmosfera accogliente simile a una sala romana, con ripiani in marmo, pavimenti in terrazzo e fotografie in bianco e nero alle pareti. Gli ospiti senza prenotazione possono usufruire di Maialino (Vicino) Vino e piccoli piatti nell’annesso wine bar da 30 posti accanto.

“[I] “Bel posto per i bar e per lavorare in piccoli ristoranti”, ha detto Holt. “Questo è esattamente ciò di cui tratta questa nuova iterazione di Maialino. Siamo uno spazio piccolo e intimo, ma con la stessa personalità dell’originale. Per molti versi, è il meglio di entrambi i mondi”.

Questo è stato uno degli ultimi progetti che Mayer ha supervisionato come CEO di USHG. Dal 6 settembre ha smesso, con Chip Wade, l’ex presidente e direttore operativo, che ha assunto l’incarico. Mayer rimarrà nel team del gruppo come CEO e in ruoli consultivi per assistere con nuovi progetti.-CD


    Bar Monterey curvo illuminato con lampade sferiche, con ripiani ovali sezionali retroilluminati che contengono bottiglie di liquori e vino e articoli in vetro

Con l’obiettivo di creare un ambiente affascinante, Monterey inizia l’esperienza culinaria con cocktail creativi e una lista di 200 vini. (Per gentile concessione di Monterey)

Nice Matin apre Monterey a New York

A partire dal 6 ottobre, Midtown Manhattan ha un nuovo ristorante brasserie, Monterey, dal ristoratore Simon Oren e dal famoso team dell’ospitalità dietro il vincitore del primo premio. Bel MattinoVincitore del premio per la migliore eccellenza Barbona E il Premio Eccellenza DagonE il Austria IsabelE il Marsiglia E il mezè. Come i siti fratelli, Monterey offre un impressionante programma di bevande gestito da un leader del settore vinicolo Aviram Tarjman.

Torgman ha detto che la squadra sta portando un approccio “vecchia scuola” ai ristoranti di New York con “un vestito nuovo e brillante”. spettatore del vino Per e-mail. Ha stilato una lista di oltre 200 etichette di vini da tutto il mondo, ordinate per stile. “Ho in programma di ottenere il 400 entro la fine dell’anno completando i modelli posteriori degli scantinati recentemente acquisiti”, ha aggiunto. Il focus principale è sulle cantine leader in California (composizione, considerando il nome del ristorante) e Francia, in particolare Champagne, con più Oregon, New York, Italia, Germania, Austria, Spagna e oltre. dalla Napa Valley Vigneto Beaulieu verso l’Australia PenfoldI nomi di spicco sono tanti. “Mantengo la mia fedeltà ai racconti con cui ho lavorato nel corso degli anni, insieme alle stelle nascenti”, ha spiegato Turgeman. Il menu ha anche una sezione dedicata ai vini Sonoma star a disponibilità limitata Williams Slimcon profondità orizzontale e verticale risalenti al vecchio modello del 2005.

READ  Prime considerazioni sull'efficacia del registro di opposizione così come modificato dal DM 26/2022 - Telecomunicazioni, cellulari e cavi

Gli amanti dei cocktail troveranno una selezione creativa di bevande e potranno persino progettare i propri cocktail di gin, lavorando con un carrello di martini professionale a Monterey.

    Una sala da pranzo Monterey a più livelli con divanetti blu brillante e sedie marroni al primo piano e una cucina aperta lungo la parete di fondo

La sala da pranzo a più livelli di Monterey offre ambienti diversi, così i commensali possono godersi una celebrazione festiva, un appuntamento intimo o un’esperienza simile a una discoteca. (Per gentile concessione di Monterey)

Per il loro menu in stile brasserie, lo chef partner James Tracy porta i suoi anni di esperienza in ristoranti degni di nota come Isabelle’s Osteria, influenze culinarie miste europee (in particolare mediterranee) e americane. Il risultato sono piatti come il prosciutto con pane dolce, l’aragosta croccante con purea di avocado e il rombo intero con mussola di aragosta, oltre a Caviale di OsetraBistecche e crudità eccellenti. I carrelli specializzati in costolette au jus e babà al rum (lato del tavolo fiammeggiato) offrono più varietà e, naturalmente, intrattenimento.

Dudi Sasson, uno dei principali collaboratori e partner di Oren Monterey, ha progettato il ristorante con pavimenti in terrazzo, divanetti blu, ripiani in marmo e una cucina a vista. L’area del balcone offre un’esperienza culinaria più intima, con un tavolo da 12 posti per i festeggiamenti e un DJ che gira di notte in uno spazio vivace e incentrato sullo spirito.

“Ho pensato tra me e me, possiamo trasformarlo nell’edizione 2022 di Old Glam Hollywood”, ha detto Sasson, descrivendo le sue prime impressioni sullo spazio del ristorante. “Ho immaginato i giorni retrò di Palm Springs e le vibrazioni di Frank Sinatra. Volevo che questo fosse un tributo a quell’epoca opulenta”.-CD


    Zona bar Marisi, con bar a forma di mezzaluna, divanetti in castagno e inserti a parete ad arco contenenti scaffali di liquori e bottiglie di vino

La carta dei vini di Marisi si concentra su bottiglie provenienti dall’Italia e dalla California, mentre c’è anche un’interessante selezione di antipasti e cocktail. (Kimberly Motus)

Marisi apre a La Jolla, California.

Cenare a La Jolla, un elegante quartiere balneare a nord di San Diego, offre di tutto, dai chioschi di taco all’aperto alla cucina raffinata sopra la costa panoramica. Negli ultimi anni, l’area oceanica confinata si è trasformata in una città del cibo raffinata e innovativa. Caso in questione, lo chef Chad Huff, in precedenza spettatore del vino Vincitore del premio per la migliore eccellenza Provvidenza A Hollywood, nel sud, lancerà per la prima volta il 31 agosto il ristorante italiano Marisi, in collaborazione con il direttore creativo del bar e degli alcolici Beau du Bois, ex The Restaurant at Meadowood (il vincitore del primo premio della Napa Valley che è bruciata negli incendi del 2020).

READ  I manifestanti per il clima lanciano zuppa di piselli a Van Gogh in Italia

Ospitato in un antico edificio ristrutturato, l’Hotel Marisi si ispira alla Costiera Amalfitana, con allegri colori di blu, verde, giallo e rosa, completati da stampe d’arte antiche, pavimenti in mosaico e fiori freschi ovunque. Il ristorante da 100 posti comprende un enorme patio coperto, un bar a mezzaluna e una cucina aperta con una stufa in mattoni e piastrelle.

Il menu, ispirato anche alla costa italiana, punta su pasta fatta a mano e pietanze cotte al forno a legna. Una serie di classici fatti in casa si fondono con la cucina costiera, spesso con panini unici. “Per i nostri fiori di zucca, abbiamo combinato due piatti tradizionali. Invece del classico ripieno di formaggio, abbiamo farcito i fiori di zucca fritti con la caponata”, ha detto Huff. Per il suo attuale piatto di pappardelle, usa la segale tradizionale del Tehachapi Grain Project, che viene coltivato vicino alle montagne Tehachapi, a nord-ovest di Los Angeles, per la pasta e rende il piatto di anatra con limone conservato per un sapore più leggero. “Manteniamo le classiche tecniche italiane mentre ci riforniamo dei migliori ingredienti locali in California”, ha aggiunto.

    Sala da pranzo Marisi con una parete a cascata, divanetti foderati di rosa e pavimento in mosaico

La sala da pranzo principale di Marisi trasuda un’atmosfera costiera. (Kimberly Motus)

Il direttore del vino Chris Playa ha costruito una lista di 90 offerte suddivise principalmente tra Italia e California, ad eccezione di un po’ di champagne. Ha prestato particolare attenzione ai piccoli produttori di vino italiani, ha detto. “Sono un grande fan dei vini di alcune delle regioni meno esplorate d’Italia, come la Valle d’Aosta, la Liguria e l’Alto Adige. Questi vini hanno un carattere unico per loro e per il loro QPR [quality-to-price ratio] fuori dalle classifiche”. Un buon esempio è la Schiava della produttrice altoatesina Elena Walch.

Creare un menu diversificato di bottiglie per ogni fascia di prezzo era importante, ha aggiunto Plaia, da bottiglie di alta qualità da $ 40 a ottime opzioni, come Emidio Pepe Montepulciano d’Abruzzo o Corison Napa Valley Cabernet Sauvignon. “La maggior parte dei vini della lista sono coltivati ​​biologicamente e biologicamente”, ha osservato Playa. “Tecnicamente, il nostro programma consiste principalmente di vini naturali; tuttavia, sono espressioni di stile molto pulite”. Servendo 20 vini al bicchiere, Marisi offre anche una gamma di classici antipasti italiani, come vermouth e limoncello della casa, e pilsner italiana fatta in casa.— AR