Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Giorgino vince scudetto e vince con Chelsea e Italia | UEFA Champions League

Giorgino è stato selezionato come Giocatore UEFA maschile dopo una grande stagione in cui ha vinto la UEFA Champions League con il Chelsea e UEFA EURO 2020 con l’Italia.

Il variegato centrocampista ha parlato con UEFA.com dell’onore del premio e dei risultati ottenuti negli ultimi 12 mesi per il club e il paese.


Giorgino sta formando la tua squadra di fantasia?

Come viene selezionato UEFA Men of the Year?

È un grosso problema, non è vero? Oh! Ero perso per le parole. Questo è incredibile, davvero. Devo dire quanto sono grato. Non solo per la mia famiglia e i miei amici – niente di tutto questo accade, non per tutte le persone intorno a me – ma sia per il club che per il paese, gli allenatori, i tifosi. A tutti quelli che non mi hanno creduto e mi hanno criticato devo ringraziare anche loro. Mi hanno dato più incoraggiamento. Mi hanno incoraggiato a lavorare sodo per dimostrare che si sbagliavano.

Grazie alle persone che mi hanno supportato in tutto quello che è successo – famiglia, amici, miei agenti, membri della mia squadra, allenatori, fisioterapisti, Kidman – tutti quelli che ne hanno fatto parte e spesso non sono stati menzionati. Fanno un ottimo lavoro dietro le quinte, quindi possiamo essere pronti per la partita. Quindi grazie a tutte queste persone, non solo a me, a queste gambe o alla mia testa. È tutto: prova una squadra di calcio.

Cosa significa per te vincere la UEFA Champions League e UEFA EURO 2020?

Giorgino sfoggia il trofeo della UEFA Champions LeagueChelsea FC via Getty Images

Da dove vengo, questo è vero per me in base al mio background. Vengo da una piccola città chiamata Imbiduba – non so se hai già sentito il nome. Ho ottenuto molto con trofei e premi. È davvero surreale quando parlo con la mia famiglia e i miei amici, e usiamo sempre la parola “surreale” perché è difficile immaginare tutto ciò che accade. Ecco perché dico che vivo davvero il sogno, mi sento davvero realizzato e felice.

Cosa significano per te quei due trofei? Ognuno di loro si sentiva diverso?

Loro fecero. Ci sono due emozioni diverse, perché, in un caso, lavori per raggiungere quell’obiettivo ogni anno, anno dopo anno, e difendi i colori del tuo club: molte nazionalità, molte culture che giocano per un club. Ed è incredibile. Questo è il miglior risultato di un club, non è vero? Non potevo credere di aver vinto, soprattutto contro il Manchester City. L’altra coppa mobilita il tuo paese, la tua gente, e anche questo è potente. Guardavo gli italiani e ricevevo video da tutto il mondo.

A parte la finale, qual è stato per te il momento o la competizione più significativi durante UEFA EURO 2020?

Dopo che Giorgino ha vinto UEFA EURO 2020 con l'Italia

Dopo che Giorgino ha vinto UEFA EURO 2020 con l’ItaliaUEFA tramite Getty Images

Ci sono stati tanti momenti – tutto l’euro è stato molto speciale – ma devo dire, ad eccezione della finale, ovviamente, delle partite contro Belgio e Spagna. Il Belgio aveva il pareggio [against] Alla prima squadra, l’Italia, è stato più volte detto da tutti che non era stata sconfitta in 30 partite perché non aveva affrontato avversari forti. Abbiamo continuato a chiedere tutto. Ci diciamo: “Lasciateli parlare. Lasciateli parlare”. Poi prendiamo la migliore squadra del mondo e otteniamo la vittoria più meritata. È stata una bella sensazione e un momento felice.

La partita contro la Spagna è stata diversa perché abbiamo sofferto. Onestamente, se ci hanno colpito, hanno semplicemente controllato il gioco, hanno creato opportunità, ci hanno ferito, ci hanno ferito perché se ci colpiscono, posso dire umilmente che non possiamo dire nulla al riguardo. Questo è l’unico gioco che ho visto questa volta, e il tempo non passerà. “Dai, finiscilo già! Quando finisce?”

E poi, la sentenza contro la Spagna. È stato un momento speciale per me: colpire il quinto calcio di rigore. Quelle due partite e la finale sono state molto significative.

Scarica il processore della Champions League

READ  Secondo tre chef italiani cosa fare e cosa non fare della cucina italiana