Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Germania, Francia e Italia sostengono lo status di candidato Ue per l’Ucraina – POLITICO

Premi Riproduci per ascoltare questo articolo

I leader di Germania, Francia, Italia e Romania hanno appoggiato l’accettazione di giovedì di Ucraina e Moldova come candidati all’UE, sollevando dubbi sulla loro posizione nel mezzo della guerra della Russia contro l’Ucraina.

“Sosteniamo la candidatura immediata di tutti e quattro i membri”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente francese Emmanuel Macron in una conferenza stampa congiunta a Kiev, dove i leader si sono recati per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zhelensky. Ha parlato con il Cancelliere tedesco Olaf Scholes, il Primo Ministro italiano Mario Draghi e il Cancelliere romano Glas Ihanis.

Scholz ha fatto una conclusione simile: “La Germania è favorevole a una decisione positiva a favore dell’Ucraina. Questo vale anche per la Repubblica di Moldova”. “L’Ucraina appartiene a una famiglia europea”, ha aggiunto.

La dichiarazione di Scholes è particolarmente degna di nota perché nei commenti precedenti il ​​Cancelliere è stato molto riluttante a riconoscere il percorso verso l’adesione all’Ucraina o alla Moldova.

Tuttavia, era chiaro che alcune condizioni sarebbero state subordinate alla candidatura per l’adesione.

Scholz ha sottolineato che l’allargamento dell’UE è “soggetta a criteri chiari che devono essere soddisfatti da tutti i candidati”, definendola “soprattutto la democrazia e lo stato di diritto”. Ma mentre i candidati all’adesione devono riformarsi, ha affermato che c’è un’uguale necessità di modernizzazione da parte dell’UE. “L’UE deve prepararsi e modernizzare le sue strutture e pratiche”, ha affermato, riferendosi a questioni come la necessità di consenso su decisioni importanti come la politica estera, che hanno ostacolato la capacità del gruppo di agire rapidamente e prendere decisioni.

Leader Kiev | Visita Irpin, un sobborgo di War Mullivaikkal tramite Getty Images Jesco Denzel / Bundesrejier

L’UE richiederà richieste più rigorose di riforme democratiche e istituzionali, come la lotta alla corruzione, come parte del processo di espansione dell’UE. L’Ucraina deve raggiungere un accordo di pace con la Russia prima di avviare qualsiasi dialogo con l’UE.

READ  Abbigliamento vendita spagnolo di Filimax: "L'Italia è un mercato molto attivo per noi" Caratteristiche

La Commissione europea dovrebbe nominare formalmente Ucraina e Moldova per l’adesione venerdì, ma la decisione finale spetta ai paesi dell’UE. I leader dell’UE si incontreranno a Bruxelles la prossima settimana giovedì e venerdì per discutere la questione.

Il giorno precedente, i leader europei avevano visitato Irbine, un sobborgo a nord-ovest di Kiev, dove gli invasori russi avrebbero distrutto edifici e torturato i civili durante le settimane di occupazione prima che le forze ucraine li cacciassero via.

Hanno discusso con il ministro ucraino per lo sviluppo regionale Oleksiy Chernyshov sulla ricostruzione della città. In piedi di fronte a un edificio coperto di graffiti, Macron ha scritto: “Rendi l’Europa libera dalla guerra”: “È molto flessibile da guardare”. “Ricostruiremo tutto”, ha aggiunto Draghi, parlando ai giornalisti durante la visita.

A Irbin, Macron ha aggiunto: “È una città eroica, perché altrove gli ucraini hanno impedito all’esercito russo di sbarcare a Kiev, quindi devi immaginare l’eroismo dell’esercito. Il popolo ucraino”.

Scholes ha detto che Irbine è stato un esempio della continua invasione della “brutalità della guerra di aggressione russa, semplicemente per distruggere e vincere” e “indipendentemente dalla vita umana”.

Un funzionario dell’ambasciata francese ha detto ai giornalisti che “un dialogo” tra Mosca e Kiev dopo la fine della guerra russa dovrebbe “scoprire come creare una pace duratura” con le garanzie di sicurezza per l’Ucraina e la natura delle relazioni tra l’Ucraina. E la NATO.

Questo articolo è stato aggiornato.

Chris Miller ha riferito da Kiev.