Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Fran Caracic “aspetta con impazienza” i canoni pubblicitari secondo la mitologia italiana

Dopo il suo tanto atteso debutto internazionale a giugno, l’attenzione di Frans Karasik è ora tornata al calcio per club, dove il suo Precia Calcio ha lanciato la sua campagna in Serie B questo fine settimana.

Ma prima di poter giocare la sua parte in un evento di promozione che inizierà alla Ternana lunedì mattina (2am AEST), il terzino deve prima impressionare la leggenda italiana Filippo Inzaki.

La Prussia si è ritirata dal miglior volo italiano due stagioni fa – Serie B. Karachi ha firmato per il club prima della prima stagione a.

In vista del loro ritorno in prima divisione, il nord Italia ha nominato Inzaki come nuovo allenatore il 9 giugno, tre giorni prima che i Karachi Socceros segnassero il suo primo gol con i colori.

Karasik è entusiasta di giocare sotto l’ex attaccante, che ha giocato in 450 partite di Serie A per Juventus e Milan.

“Lui (Inzaki) è un grande giocatore, è un grande allenatore”, ha detto. “E’ stato l’allenatore del Benevento in Serie A l’anno scorso. Adesso è al Brescia e non vedo l’ora di lavorare con lui”.

Nato e cresciuto in Croazia con origini australiane attraverso suo padre e suo nonno, Fran Caracic non ha avuto altra scelta che aprire la strada al suo debutto nel calcio quest’anno.

Il suo primo invito internazionale senior è arrivato prima della Coppa del Mondo 2018, quando un membro della squadra titolare australiana di 25 uomini si è riunito in Turchia.

Dopo non aver partecipato al torneo, tuttavia, dovrà aspettare più di tre anni per la sua prossima opportunità di attirare l’attenzione internazionale.

READ  L'agente di Ronaldo era in Italia, ma non ha incontrato Juventus-Juvef.com

Il terzino destro ha fatto esattamente questo, attirando l’attenzione di molti che hanno esordito contro la squadra kuwaitiana.

Guarda: Fran Karasic ha segnato il suo primo gol con i colori del calcio

Karasik concorda sul fatto che sia una lunga strada verso il verde e l’oro.

Ma dopo un cambio di scenario a livello di club e discussioni con Graham Arnold e lo staff dei Socceros, June ha creato l’occasione perfetta per tornare al campo.

“Dopo quello (Turchia), non sono andato alla Coppa del Mondo. Quando sono tornato in Croazia, ho avuto un momento difficile con il mio club”, ha ricordato. “Ho deciso di concentrarmi sul calcio di squadra e di trasferirmi dalla Croazia in qualcos’altro.

Quando l’ho fatto, la mia testa era chiara ed ero pronto al 100% a darmi il 100% di socross qui.

“Circa sei o sette mesi dopo il mio arrivo in Italia, Graham Arnold mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Ho voglia di giocare a calcio?’ Di nuovo, sì, al 100%, ho detto che mi piace.

Ripensando a giugno, Karachi ha detto che è stata una grande esperienza sia dentro che fuori dal parco.

“Sono molto felice e orgoglioso di fare il mio debutto contro il Kuwait”, ha risposto.

“L’introduzione è stata una grande serata per me. Come tutti i membri della squadra, ho giocato una buona partita e abbiamo vinto la partita, è stato molto importante.

Fran Karasik

“(Segnare) Anche la mia prossima partita contro il Nepal è stata una sensazione meravigliosa. Non avevo idea di cosa pensare quando ho segnato il gol, ero felice e volevo festeggiare”.

Fuori dal campo, Karachi si gode la cultura al campo dei Socceros.

Sebbene l’inglese non sia la sua prima lingua, è cresciuto in contatto con artisti del calibro di Milos Dejenec e Ajdin Hrustik, e il resto del gruppo, assicurandosi che rimanga a casa in verde e oro.

READ  Brexit News: pescatori italiani arrabbiati perché il Regno Unito si impadronisce della quota di tonno dell'UE | Politica | notizia

“Tutto è così buono”, ha detto. “In nazionale, tutti mi supportano, cercano di aiutarmi con la lingua e tutto: sono così felice di essere qui.

“In Italia sto imparando italiano e inglese insieme, quindi è un po’ difficile per me, ma ogni giocatore qui (al campo dei Socceros) cerca di aiutarmi a parlare, a volte lentamente, il che è molto buono per me”.