Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

FOTO AP: I divisori in plexiglas mantengono asciutta la famosa cattedrale di Venezia

VENEZIA, Italia (AP) – È una soluzione semplice, ma che potrebbe proteggere le colonne di marmo e i preziosi mosaici dell’iconica Basilica di San Marco di Venezia dall’erosione dell’acqua marina: una serie di pareti divisorie in vetro installate circa 900 anni fa ha mantenuto i pavimenti della chiesa asciutto durante la marea Frequente più in alto.

Anche dopo l’evaporazione, l’acqua lascia dietro di sé cristalli di sale che erodono le basi marmoree delle colonne e dei mosaici pavimentali, ha detto Mario Piana, l’architetto ed esperto di restauro responsabile di San Marco.

Le nuove partizioni sono realizzate in vetro montato su una base di cemento armato interrata sotto la famosa pavimentazione di Piazza San Marco per resistere alla forza dell’acqua che scorre. Piana ha affermato che il sistema può deviare fino a 1,10 metri (3 piedi e 6 pollici) di acqua per metro quadrato, equivalente a una distesa di 1,90 metri (6,2 piedi) sopra il livello del mare.

“Speriamo che d’ora in poi non ci sia più acqua alta a toccare la base della basilica”, ha detto l’esperto durante una visita al sito, sottolineando la fragilità della struttura in mattoni crudi.

Costruita su pali di legno tra i canali, la maestosa città di Venezia ha dovuto affrontare le inondazioni sin dalla sua fondazione 1600 anni fa. Ma come altre regioni costiere, l’innalzamento del livello del mare e condizioni meteorologiche più estreme che gli scienziati associano al cambiamento climatico significano maree più frequenti.

Mentre la cattedrale fu costruita su uno dei punti più alti di Venezia all’epoca, ora si trova in una delle zone più basse della città a causa della subsidenza e dell’innalzamento del livello del mare.

READ  James May Our Man in Italia: data di uscita, location delle riprese

Di conseguenza, l’area di San Marco subisce più inondazioni rispetto alla maggior parte dei luoghi e rimane vulnerabile nonostante l’attivazione delle barriere sottomarine di Moses. Il giro della città del lago nel 2020 per proteggere Venezia da alluvioni superiori a 1,3 metri.

Inondazioni di novembre 2019 È stato particolarmente devastante perché le acque non potevano ritirarsi rapidamente dopo ripetute inondazioni, lasciando parti della basilica sommerse fino a 24 ore.

Acque di piena che entrano nella basilica Succede spesso anche fuori stagione, rendendolo più vulnerabile e spingendo i funzionari a ideare nuove barriere di vetro come difesa.

Piana ha detto che le barriere di vetro e cemento facevano parte di un progetto ingegneristico più ampio per creare una serie di canali sotto il tetto della chiesa e della sua omonima piazza per attingere acqua dal lago e impedire che allagasse la piazza.

___

La giornalista Trisha Thomas ha contribuito a questo rapporto.