Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Food2049”, Vevey Alimentarium immagina il cibo del futuro – rts.ch

Come mangeremo in futuro? Vevey Alimentarium cerca di rispondere alla domanda grazie alla mostra “Food2049”. Fantascienza, progresso tecnologico e ambiente immaginano il cibo di domani. In esposizione fino a febbraio 2023.

Molte opere di fantascienza hanno immaginato il cibo del futuro. Ad esempio, nel 1973, il film “Green Sun” di Richard Fleischer, ispirato al romanzo dello scrittore americano Harry Harrison, raffigurava una New York sovraffollata e sovraffollata con l’inquinamento. C’è una carenza di cibo, che sta spingendo le autorità a inventare alimenti industriali e industriali come il plancton e le torte di soia. Come ha colpito il film?

Food2049, un cenno al remake del 2017 del film “Blade Runner”, riflette i percorsi della fantascienza e della tecnologia all’avanguardia per ripensare il cibo. Nella lista: frammenti di film, oggetti insoliti, cibi o robot domestici apparsi direttamente da “Star Wars”, come pubblicità risalenti agli anni ’50 che offrivano cucine completamente automatizzate per liberare le casalinghe dai lavori domestici.Mostra “Food 2049” al Vevey Alimentarium. [Elsa Mesot/William Gammuto Sarl – ©Alimentarium]

Posate destinate a scomparire

Per Nicola Godino, curatore della galleria, tutto è iniziato con lo scrittore newyorkese Hugo Greenback. Editore, romanziere e giornalista, è l’origine del termine “fantascienza”: “Hugo Gernsbach scrisse un romanzo intitolato” Ralph 124C 41+ “. In esso predisse molti sviluppi tecnologici in un lontano futuro, in particolare la completa scomparsa delle posate e servizi a favore del piacere del gusto puro, senza intermediari o sforzi, spiega Nicholas Godino, in un’intervista a RTS. Saremo alimentati solo nei caffè della scienza, attraverso sistemi di tubazioni che ci portano cibi semiliquidi. Altre opere scienza la narrativa punta in questa direzione. Così le arti da tavola saranno costrette a scomparire a favore del puro piacere.”.

READ  I suoi problemi di salute mentale prima del suo "maledetto matrimonio"

Aspettatevi un’educazione di gruppo

Le illustrazioni che si possono raccogliere dal 20° secolo illustrano anche la visione del futuro che la popolazione aveva all’epoca, in particolare il futuro dell’anno 2000. “In un’illustrazione, un giovane contadino depone le uova in una strana scatola. Arrivano piccoli pulcini e mangia semi che li trasformano in polli, come il ciclo di vita accelerato dalla tecnologia. Previsioni abbastanza vicine alla realtà: “Con lo sviluppo dell’industria agroalimentare, anche gli incubatoi si sono specializzati nella schiusa ottimale delle uova. La maggior parte dei polli che consumiamo proviene da incubatoi”.

Ironia della sorte, il grande orrore degli anni Cinquanta non riuscì a sfamare la popolazione in crescita. L’agroingegneria e le soluzioni tecnologiche applicate hanno ampiamente raccolto questa sfida. Ma a quale costo? “Ora comprendiamo i limiti e l’impatto sull’ecosistema”, riprende Nicholas Godinot. “Ci sono cose da cambiare. Se ci uniamo, ci arriveremo”.

Intervista di Florence Greville

Adattamento al Web: Myriam Samaani

“Food2049”, in mostra all’Alimentarium di Vevey fino a febbraio 2023.