Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Fare la sensazione del vino italiano

Il vino italiano non è solo Barolo, Brunello e Chianti. Quattro specialisti italiani parlano delle stelle nascenti dell’Italia.

© iStock
| La sconcertante collezione di vini d’Italia può respingere anche il più fervente studioso dell’uva.

Anche il più devoto wine lover italiano probabilmente ammetterà che non è facile cercare di capire tutte le complessità della vinificazione in quel paese. La maggior parte di noi, anche coloro che da decenni degustano vini di tutta Italia, si impegnano costantemente per rimanere aggiornati su questo argomento.

Allora, dove ti rivolgi per chiedere aiuto? Ci sono molti wine guru e scrittori che possono chiarire la confusione, e i migliori sommelier – specialmente nei migliori ristoranti italiani – hanno un grande valore nello spiegare cos’è il vino italiano, ma se vuoi davvero avere un’idea di tutto, dall’Amarone allo Zibibbo, parla con un importatore di vino italiano negli Stati Uniti.

Di recente abbiamo parlato con quattro importatori americani di vino italiano per avere le loro opinioni sul mercato odierno del vino italiano in America. Sono Iacopo di Teodoro, un toscano originario che ora lavora a New York City, selezionando i vini per i suoi soci presso le Cantine Artisanal a White River Junction, nel Vermont; Paolo Cerruti, piemontese, attualmente partner di Beivuma, importatore e distributore locale di Chicago; Andrea Matini, che attualmente risiede a Montepulciano dove seleziona Strade Producers Bianche Wines a Portland, Oregon; e Oliver Makram di OM Wines a Berkeley, California.

Tutti e quattro hanno riferito che, nonostante il Covid abbia cambiato le loro attività quotidiane, sono relativamente soddisfatti dei loro numeri di vendita in questi giorni. McCrum, che vende solo vini italiani prodotti con varietà autentiche (e quindi nessun vino toscano con Cabernet Sauvignon o Merlot, per esempio), afferma che le sue vendite sono aumentate del 40% quest’anno.

“Il 2020 è stato un po’ più basso dell’anno prima, il 2021 è stato molto alto, il 2022 finora è stato molto alto. Penso che durante il periodo in cui ho lavorato, la vendita di vino italiano in questo paese è stata molto positiva e la vendita del vino è stato Un italiano interessante è una cosa molto positiva”.

READ  Draghi ha accreditato i vaccini per la ripresa economica dell'Italia

Cerruti osserva che le sue vendite sono superiori a quelle prima del Covid. “Spero che questa tendenza continui, perché c’è più volume e le persone acquistano più di prima”.

Matteini crede che il successo del vino italiano negli Stati Uniti e in altri mercati possa crescere solo se i produttori sono costantemente alla ricerca di nuovi modi di fare impresa.

“In Italia abbiamo questa parola che a molti piace usare, ed è tradizione. Italia significa tradizione, ma si sa che non è vero, perché anche noi siamo una terra di persone che inventano tante cose, troviamo nuove modi per fare le cose meglio”.

“Ma per imparare qualcosa di nuovo, devi anche conoscere la tradizione. E l’unico modo per conoscerla è viverla. Ecco perché, quando hai un prodotto di 25 anni pieno di energia, probabilmente loro sono appena uscito dall’università e sanno tutto.Per i giovani produttori è sempre utile trovare qualcuno con cui condividere le loro conoscenze su agricoltura, tempo, potatura, vinificazione e tutto il resto.Ma il problema è che nessuno vuole parlarne,c’è questo problema in Italia per tante generazioni più anziane che non vogliono condividere informazioni con Young”.

tutto cambiato

Nuove idee su come competere con il resto delle aziende vinicole del mondo significano che l’industria vinicola italiana sta cambiando come mai prima d’ora. Per Di Teodoro, “C’è un cambiamento continuo nella sceneggiatura. Tra i giovani produttori che vengono al mondo, alcuni sono molto sensibili, hanno una grossa mano, e piano piano diventano famosi, altri no” I Non vado da nessuna parte, come qualsiasi specialità al mondo. C’è una grande frammentazione – questo è quello che vedo. “

Quali aree ritengono che questi produttori siano le più eccitanti in questi giorni? “La Sicilia, soprattutto l’Etna”, ha commentato Cerruti. “La Sicilia ha sempre fatto bene con il Nero d’Avola, ma ora con il Nerello Mascalese sta esplodendo. Anche l’Emilia-Romagna con interesse per un vecchio Lambrusco”.

READ  La disoccupazione sta diminuendo nei paesi ricchi, ma non tutti i posti di lavoro stanno tornando

Per Di Teodoro, “Le denominazioni minori hanno finalmente capito come creare identità. Apprezziamo i vini rossi brillanti provenienti dall’Italia, come Cezanese (Lazio), Dolciacoa (Liguria) e Frappato (Sicilia).” Vede anche un altro vino Emilia-Romagna guadagnare nuova popolarità in questi giorni. “Finalmente è un grande momento per la Romania Sangiovez”.

Makram ha opinioni forti su questo argomento. “Penso che il sud Italia sia una miniera d’oro. Non vedo l’ora che più aree si indebitino lì. Penso che la Calabria abbia un grande potenziale”.

È ottimista anche sulla Sicilia, che, commenta, “comincia a farsi capire bene. L’Etna è già noto; penso che i vini bianchi e rosati dell’Etna, in particolare i bianchi, siano fantastici, almeno alla pari dei rossi vino a mio avviso e forse anche meglio”. Vite aggiunge Verdicchio e Timorasso, due bianchi molto complessi e degni di invecchiamento alla sua lista dei vini più interessanti del paese.

Cosa pensano questi importatori di vini popolari come Barolo, Barbaresco e Brunello di Montalcino? “Penso che siano abbastanza affermati”, dice McCrum, “Mi sembra che abbiano raggiunto un’altitudine di crociera molto eccellente. Penso che questi siano chiaramente alcuni dei migliori vini del mondo”.

Riguardo al Barolo in particolare, McCrum aggiunge: “Di certo non era vero quando ho iniziato nel 1994. Penso che le persone che tengono davvero ai vini pregiati capiscano che il Barolo è uno dei grandi esempi”.

Cerruti rileva il notevole successo delle vendite di Brunello negli Stati Uniti, soprattutto negli ultimi sei anni. “Il Brunello aveva quattro o cinque vini eccezionali. Non dovevano concentrarsi molto, perché la domanda era così alta. La maggior parte dei produttori di Brunello che ho personalizzato sono stati assegnati in quantità”. Aiuta anche ora che il dollaro USA e l’euro sono più o meno uguali (da 1 a 1:03 al momento della stesura di questo articolo). Cerruti commenta: “Ti dà un po’ di flessibilità per aumentare i prezzi, perché se l’euro torna a 1:20 e non alzo i prezzi, sono arrabbiato”.

READ  Riunione delle principali economie su energia e clima 17 settembre 2021: sintesi del presidente

Che consigli danno questi importatori ai produttori italiani che vogliono vendere il loro vino negli Stati Uniti? “Penso che il mercato americano sia l’unica ambizione di tutti i produttori di vino, soprattutto dei giovani”, afferma Matini. “Molti di loro si preoccupano delle valutazioni. Cercano valutazioni e pensano che l’unico modo per ottenere valutazioni sia ottenere i vini negli Stati Uniti”.

Di Teodoro crede che i produttori italiani debbano mantenere semplicità e onestà. “Inizia con umiltà. Non commettere l’errore che molte persone fanno quando trovano un enologo volante che potrebbe passare la giornata con te e pensare che puoi usare il suo nome per farti conoscere”. Un andamento positivo si osserva soprattutto a Barolo dove oggi i contadini conservano le loro uve per produrre il proprio vino.

Per McCrum, la sua proposta ai produttori non è eccessivamente complessa. “Direi che sei originale. Fai quello che ritieni giusto e poi trova clienti che lo capiscano, piuttosto che cambiare le inclinazioni naturali del vino che fai.” Osserva che il Chianti è “esaurito”, a causa del suo utilizzo di vitigni non domestici. “Non vendevo la mia entità da diversi anni, perché ero così infastidito dal fatto che non ci fosse identità nell’etichetta”. E dopo aver fatto i compiti, aggiunge, ha trovato alcuni produttori di Chianti Classico che fanno il vino secondo i metodi tradizionali e fanno un ‘lavoro fantastico’.

Diamo a De Teodoro l’ultima parola sull’argomento: “La nostra filosofia aziendale è che il vino debba essere essenzialmente un messaggio nella bottiglia, nel senso che il vino parla del territorio, la bottiglia deve assaporare il luogo da cui proviene. Questo è più importante di qualsiasi stile o direzione.” Per me è importante che il vino parli della sua provenienza”.

Per partecipare alla conversazione, commenta sui nostri canali di social media.