Agosto 7, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Eventi come il crollo dei ghiacciai italiani rischiano di aumentare con il riscaldamento del pianeta | montagne

Eventi come la valanga di un ghiacciaio sul Monte Marmolada, che ha ucciso almeno sette persone, è probabile che diventino più comuni con il riscaldamento del pianeta, secondo gli scienziati che trascorrono la loro vita esaminando il ghiaccio sulle montagne.

Con questo particolare ghiacciaio, gli esperti hanno indicato l’ondata di caldo torrido in Italia come un fattore, poiché probabilmente ha sciolto grandi quantità di ghiaccio.

Walter Millan, portavoce del Corpo Nazionale delle Grotte e del Soccorso Alpino, ha confermato quanto fa caldo. Ha notato che le temperature negli ultimi giorni al loro picco hanno superato i 10 gradi Celsius (50 Fahrenheit). “È troppo caldo”, ha detto al culmine. “È chiaramente una cosa anormale.”

Gli esperti del Consiglio Nazionale delle Ricerche hanno affermato che il ghiacciaio non esisterà più nei prossimi 25-30 anni e gran parte delle sue dimensioni è già andata perduta.

Il professor Jonathan Bamber, direttore del Bristol Glaciology Center presso l’Università di Bristol, ha dichiarato: “Le Dolomiti in Italia, dove si è verificato questo tragico incidente, hanno sofferto di siccità durante tutto l’inverno con pochissima neve. Insieme a temperature insolitamente elevate in tutta la regione durante l’estate i ghiacciai si sciolgono rapidamente. La parte che è stata tagliata faceva parte di un ghiacciaio pensile con ghiacciai o ghiacciai che diventavano particolarmente instabili durante condizioni calde come quelle attuali delle Dolomiti”.

Questa storia diventerà più familiare nei prossimi anni, poiché queste condizioni sono invertite attraverso le catene montuose.

Il glaciologo professor Paul Christophersen dell’Università di Cambridge ha dichiarato: “Il crollo del ghiacciaio della Marmolada è un disastro naturale direttamente collegato ai cambiamenti climatici. I ghiacciai d’alta quota come la Marmolada sono spesso molto ripidi e dipendono da temperature fredde sotto lo zero Celsius per mantenersi stabili. Ma cambiare clima significa sempre più acqua di disgelo, che rilascia calore che riscalda il ghiaccio se l’acqua si ricongela, o peggio: solleva il ghiacciaio dalle rocce sottostanti e provoca un crollo improvviso e instabile. Le valanghe catastrofiche come questa stanno diventando sempre più frequente.” .

READ  I legislatori italiani indagano sui motivi della missione per combattere le epidemie russe | Madison.com Salute, sport, salute e fitness

Sappiamo che il nostro pianeta si sta riscaldando e il ghiaccio in tutto il mondo si sta sciogliendo, ma il modo in cui le temperature più calde influenzano le strutture del ghiaccio sulle montagne è complesso, con molteplici fattori che rendono i ghiacciai più deboli e hanno maggiori probabilità di causare valanghe mortali.

Il ricercatore Jacques Morey lavora all’Università di Losanna in Svizzera, dove studia l’impatto dei cambiamenti climatici sullo sport e sul turismo in montagna basato sulla natura.

L’ondata di caldo potrebbe essere stata la causa della valanga, ha detto, ma l’impatto a lungo termine del cambiamento climatico potrebbe aver indebolito il ghiacciaio al punto che è crollato sotto pressione.

“Quando il ghiacciaio si scioglie, significa che c’è acqua di scioglimento che si estende fino al fondo del ghiacciaio, e quando raggiunge il fondo della roccia, fa scivolare il ghiaccio e questo provoca una valanga”, ha spiegato .

Questo è probabilmente l’elemento operativo ma se guardi le foto puoi vedere una grande fessura nella parte superiore che è crollata. Il fatto che ci sia una fessura, questo indica che la parte superiore nella parte anteriore non era collegata alla parte inferiore. Se non ci sono crepe, probabilmente non succederà nulla”.

Iscriviti alla prima edizione, la nostra newsletter giornaliera gratuita – ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00 GMT

Ciò suggerisce che il ghiacciaio potrebbe essersi indebolito a causa dell’aumento delle temperature, ha affermato.

“Più diventa caldo e caldo, meno forte diventa il ghiaccio e diventa più debole. Se prendi la neve con una temperatura di -8 ° C e se provi a romperla, sarà molto più difficile di rompere un ghiaccio che sia esattamente 0°C.”

A causa di queste strutture deboli sulle montagne, ha detto, coloro che scalano prendono sempre più in mano la propria sicurezza.

“Abbiamo già dimostrato che alcune aree stanno diventando molto pericolose o difficili da raggiungere per gli alpinisti e che il cambiamento climatico sta già influenzando l’alpinismo”, ha aggiunto Morey.