Settembre 25, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Evacuazione di emergenza di lavoratori australiani-afghani pianificata durante la prigionia dei talebani = Lashkar Gah, Kandahar, Herat

Il piano, in sviluppo da mesi, sarà annunciato entro pochi giorni.

Nella sua conferenza stampa di venerdì, il primo ministro Scott Morrison ha affermato che il governo è “in stretto contatto, in particolare”. [with] Gli Stati Uniti e altri sono coinvolti in questo campo”.

“Se necessario”, ha affermato Morrison, il governo utilizzerà il personale delle forze di difesa australiane per “contribuire a garantire questo risultato”.

Il governo australiano è stato criticato da alcuni esperti militari per la sua risposta relativamente lenta nel trattare le richieste di interpreti afgani e altri lavoratori locali che affermano di essere presi di mira dai talebani per aiutare le forze straniere.

Dal 2013, più di 1.800 afgani con le forze australiane e i loro familiari idonei hanno ricevuto visti australiani, di cui più di 570 negli ultimi quattro mesi. Più di 400 persone che hanno ricevuto il visto quest’anno si sono già stabilite in Australia.

Gli afgani si riuniscono in un internet café a Herat, Kabul, per richiedere i visti. credito:Paula Bronstein/Getty Images

Un portavoce del ministero degli Interni ha affermato che ora ha meno di 50 domande da afghani e le sta esaminando “il prima possibile”.

Gli afgani che hanno assistito le forze australiane devono passare attraverso un processo in due fasi in cui devono prima qualificarsi come dipendenti assunti a livello locale e quindi vengono valutati per motivi personali e di sicurezza. Ma ci sono potenzialmente migliaia di afgani che hanno legami con il governo australiano che non rientrano nella rigida definizione di dipendente, ma che comunque hanno diritto a un visto umanitario.

Molti afgani hanno anche lavorato con molte ambasciate e le forze di difesa occidentali, creando confusione su quali paesi debbano loro la maggiore responsabilità.

READ  Donald Trump fa saltare in aria il presidente sudcoreano per aver detto di essere stato un `` fallimento '' nei colloqui di Kim Jong Un

Mentre l’Australia Considera di ristabilire l’esistenza In Afghanistan per monitorare la rinascita dei talebani dopo aver chiuso la sua ambasciata a Kabul quasi tre mesi fa, i recenti sviluppi significano che ciò è meno probabile.

L’australiano Evan Jones, coordinatore con sede a Kabul della Piattaforma umanitaria per le soluzioni di spostamento in Asia, ha affermato che la capitale afghana è stata inondata di persone che fuggono dalle loro case nei distretti nelle ultime settimane.

Jones ha affermato che la chiusura dell’ambasciata australiana è stata una sorpresa per lui e “c’è la preoccupazione che una volta chiusa una delle ambasciate, possa portare alla chiusura di altre ambasciate”. Jones ha affermato che molti afghani che hanno lavorato con le forze straniere o il governo avrebbero lavorato per molte organizzazioni.

Non è raro che qualcuno lavori in un posto presso l’ambasciata olandese o per gli americani. Non lo pubblicherebbero mai perché ovviamente si metterebbero a rischio”.

John Blaxland, professore di studi sulla sicurezza internazionale e sull’intelligence presso l’Australian National University, ha affermato che i criteri per la qualifica di dipendente locale sono sempre stati troppo restrittivi.

“Alcune di queste persone avevano connessioni meno formali con la rete australiana in Afghanistan essendo connessioni secondarie, ma sono state strumentali nel facilitare la partecipazione dell’Australia nei vari programmi, che si trattasse di militari, aiuti o polizia”, ​​ha affermato.

“La finestra per farli uscire sembra chiudersi rapidamente, in parte perché abbiamo contribuito a dare slancio allo schianto. Ci siamo voltati e abbiamo chiuso la nostra ambasciata.

“Non è troppo tardi, ma spero che ci sia del lavoro in corso dietro le quinte che renderà orgogliosi gli australiani: fare il possibile nell’undicesima ora per aiutare coloro che ci hanno aiutato”.

READ  La famiglia di Miriam e Arne Notkin dice che stanno ricevendo chiamate dal telefono fisso della coppia

Scarica

Il CEO di Forsaken Fighters Jason Skanes, un ex capitano dell’esercito che ha prestato servizio in Afghanistan, ha affermato che era tempo che l’Australia intervenisse con i soldati americani e britannici per salvare gli interpreti.

Skanes, che si è candidato laburista alle elezioni federali del 2019, ha una lista di circa 186 interpreti e 140 guardie e altro personale ancora in Afghanistan.

Abbiamo un’opportunità ora, e non dovremmo perderla. “C’è sicurezza nei numeri”, ha detto. “Se continuiamo a elaborare le domande come abbiamo già fatto, vedremo i talebani fare gli audit per noi”.

La newsletter Morning Edition è la nostra guida alle storie, analisi e approfondimenti quotidiani più interessanti. Registrati qui.