Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Euro 2020: l’Italia parla di giovani, ed è divertente

Da giocatore, quattro decenni fa, Mancini era l’eccezione a questa regola, facendo il suo debutto all’età di 16 anni e diventando un giocatore internazionale prima di raggiungere i 20. Forse, da allenatore, potrebbe essere naturale per lui provare a cambiare la cultura.

Il problema, per lui, è la mancanza di opportunità, non la mancanza di capacità. “Forse avrai un po’ paura di far giocare i giovani giocatori”, ha detto poco dopo aver prestato servizio come allenatore della nazionale. “È un periodo di tempo. Devi crederci.”

Il treno ad alta velocità Friesarosa che giovedì ha assemblato la squadra italiana a Firenze è stato appositamente verniciato, con la parte anteriore a forma di proiettile decorata in blu brillante. Il viaggio a Roma dura solo poche ore. Quando la squadra è arrivata, nel 1990 i giocatori avevano un piano per ritrovare se stessi.

È la prima volta che l’Italia ospita un grande torneo internazionale dai Mondiali di quell’anno. Roma può essere una delle fasi laterali di Euro 2020 – sia con le semifinali che con la finale Londra ha più partite che altrove – ma è abbastanza per evocare la memoria.

I funzionari lo hanno incoraggiato: il locatario Andrea Bocelli interpreterà Luciano Pavarotti alla cerimonia di apertura di venerdì.No dorma, ”La colonna sonora dei Mondiali italiani.

Lo hanno confermato i media: l’Italia giocherà La Cassetta dello Sport nella gara d’esordio Come notato questa settimana, nell’arena in cui molti hanno soggiornato, negli anni ’90, Notti è diventato noto come The Magician: Magical Nights. Anche Mancini ha abbracciato, tre decenni fa, nel tentativo di trovare il proprio Toto Schillesi, l’icona glamour dell’estate italiana, la sua decisione di chiamare l’inaspettato attaccante del Sassuolo Giacomo Raspateri.

READ  Come l'alta velocità ha superato la compagnia di bandiera italiana — Greater Washington

Per la prima volta da molto tempo, il Paese sembra avere una squadra che può portare la sua storia alla leggera. L’Italia di Mancini non compare da 27 partite dall’ultima partita del 2018. Ad un certo punto ha vinto 11 partite di fila, un record. Quest’estate – esclusi i Paesi Bassi – non affronterà nessuno dei suoi rivali per la corona, ma il senso di slancio è innegabile.