Luglio 31, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Euro 2020, Italia – Spagna, semifinali, Ciro Immobile Video, tuffi, calendario, a che ora, come guardare l’Australia, ultime notizie sulla squadra

Si apre la finestra di riconoscimento. Ciro Immobile si muove al suo posto e fa un respiro profondo.

“Perdonami, mio ​​Dio, perché ho peccato”.

Infrangendo il protocollo, l’uomo di fede risponde dall’altra parte: “Ciro, non temere. Il peccato copre tante cose, ma tuffarsi per vincere una punizione non è il peggiore”.

“Papà, di cosa stai parlando? Non sono qui per ammettere di fare immersioni”.

Un sopracciglio alzato, il padre rispose: “Beh, allora che c’è?”

“Il peccato non stava vincendo la punizione! Ti guardo per sempre, papà, ma perdi la trama?”

L’Italia è in semifinale agli Europei e Ciro Immobile content non ha passato un attimo di sonno.

È sano ed è già tornato dalla morte. Tutto ciò che serve è segnare un goal. La sua gamba, certamente amputata con un machete, sembra averlo trasportato nell’aldilà.

Kayo è il tuo biglietto per le migliori trasmissioni sportive locali e globali in diretta e on demand. Nuovo per Kayo? Prova subito 14 giorni gratis>

Una volta nella partita di apertura di Nicolò Parilla contro il Belgio, è successo un vero miracolo.

Rigido è salito di nuovo. Congelarsi al nemico. Festeggia impassibile.

Avrebbe dovuto conoscere meglio Thomas Vermaelen. Molto esperto, ma è stato catturato per una frazione di secondo urlando al giudizio. Per una frazione di secondo a giocare fuori. In ritardo di una frazione di secondo per chiudere Barilla.

Immobile è stato consolidato online e negli spettacoli post-partita, con veterani stagionati, che girano intorno al “Ciro l’imbroglione!”

e cosa? Siamo sorpresi?

Il calcio è sì una religione, ma per squadre come l’Italia vincere è fondamentalismo.

READ  La Lamborghini Huracán EVO è diventata un'auto che mi segue all'aeroporto italiano di Bologna

Ho un amico di origini italiane, Luca, che descrive l’atteggiamento verso la vittoria della partita come “avere il pelo sullo stomaco”.

Si traduce vagamente con “avere i capelli sullo stomaco”. Ciò che significa veramente è essere il figlio a sangue freddo di ab***h nello stesso tempo in cui ti approfitti degli altri con ogni mezzo necessario per vincere il dannato gioco.

Un esempio di “avere il pelo sullo stomaco” è arrivato grazie alla società Immobile. Un altro spettacolo perfetto per lui è accaduto nel corso di nove minuti. Il tempo nella partita Italia-Belgio è dalle 88:00 fino all’alba dell’arbitro a tempo pieno alle 97:00.

Ben nove minuti. Da quanto tempo è in gioco la palla? Due minuti e 33 secondi.

stop, start, stop, stop, pausa, start, stop, ecc.

Luca, l’amico italiano, era stupito che la palla fosse in gioco da così tanto tempo.

Andrea Belotti è sceso, anche se è un legittimo poliziotto gomito accidentale.

Cade il portiere Gianluigi Donnarumma.

Ostello Giovanni di Lorenzo.

Cade il capocannoniere Barilla.

La palla è stata espulsa. Ha commesso un errore in Italia. Domenico Berardi ha preso una punizione solo per il dolore alla schiena. L’arbitro gli ha mostrato un cartellino giallo. Berardi ha visto l’arbitro mostrargli un distintivo d’onore.

C’era un’inquadratura della leggenda francese Thierry Henry che sembrava triste come assistente allenatore sulla panchina belga. Sa un paio di cose sul comportamento del figlio a sangue freddo, e se non mi credi chiedi a un irlandese.

Questo significa che l’Italia non è l’unica squadra a farlo. Dagli stadi delle stalle più robuste, piene di giocatori con un tocco come un elefantino, a Diego Maradona che segna un gol con la propria mano, chiamandolo come Dio – per l’amor di Dio, questa manipolazione emotiva non conosce limiti.

READ  I Red Devils si riprendono per essere sconfitti

Ma l’Italia lo fa bene.

L’Italia vince due volte contro il Belgio in semifinale | 01:07

Dove si sviluppa questa padronanza? Crescendo, ora spiega un buon amico, vena di conoscenza del calcio italiano, Luca. Non si può sfuggire, a tutti i livelli in Italia dal dilettantistico alla Serie A. Si tramanda di generazione in generazione, come il Santo Graal delle arti oscure.

E per chi non è cresciuto così, ogni tappa morente di una grande vittoria italiana è un esercizio di psicanalisi.

Diventiamo troppo predisposti a vedere le buffonate, eppure ci innamoriamo ancora, e se queste azioni avvantaggiano l’avversario, ci arrabbiamo con le buffonate. Diventiamo virtuosi e deridiamo coloro che commettono quello che consideriamo il peccato del calcio.

I giusti possono andare avanti con ciò che vogliono e prendersi gioco di ciò che vogliono. L’arbitro può fare solo così tanto, nonostante la visione opaca del regolamento della simulazione.

Il regolamento supererà sempre le scritture calcistiche scritte molto prima di Ciro.

Una serie di comandamenti che richiedono i peli sullo stomaco per essere veramente compresi. Ecco perché non vediamo queste sciocchezze nel calcio femminile. Non te ne sei accorto?