Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Estremamente raro”: i pinguini antartici si ritrovano in Nuova Zelanda, a 3.000 km da casa | Nuova Zelanda

Un pinguino antartico ha attraversato 3000 chilometri di acque gelide per ritrovarsi lontano da casa e su nuove e sconcertanti coste: la costa sud-orientale dell’Antartide. Nuova Zelanda.

Il pinguino di Adelia in questione, soprannominato “Pingu” dalla gente del posto, è stato visto con l’aria un po’ smarrita a Birdlings Flat, un piccolo insediamento sull’Isola del Sud della Nuova Zelanda.

È solo il terzo caso registrato di un pinguino di Adelia vivo – una specie che vive nella penisola antartica – a raggiungere la Nuova Zelanda. Il suo arrivo ricorda le minacce che gli uccelli devono affrontare a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua, dell’aumento della concorrenza per le scorte di cibo e del cambiamento degli habitat.

Dopo aver notato che il pinguino non stava cadendo in acqua e poteva essere suscettibile ai cani, la gente del posto ha chiamato Thomas Strack della Penguin Rehabilitation a Christchurch.

Stracke ha detto che quando è arrivato con un veterinario, è rimasto scioccato nel trovare un pinguino di Adelia. “Oltre ad essere un po’ affamato e molto disidratato, in realtà non era poi così male, quindi gli abbiamo dato dei liquidi e del succo di pesce”, ha detto Stracke. Il pinguino è stato rilasciato in una baia della penisola di Banks, dove i suoi aiutanti sperano che possa tornare a casa.

una cartina

“Avrei preferito portarlo da Ercole [air force plane] Questo fa cadere lo staff della Scott Base”, ha detto Stracke, ma il Dipartimento di Conservazione gli ha detto che l’idea era inutile. “Si sono incontrati con gli altri grandi cannoni pinguini e hanno detto di no”.

Stracke ha detto che le acque più calde hanno significato che gli uccelli stavano lottando per trovare scorte di cibo.

Quando la temperatura dell’acqua aumenta perché i pesci di solito vanno nell’acqua più fresca. Quindi non ci sono pesci in giro.”

Anche le popolazioni di pinguini gialli della Nuova Zelanda stavano lottando mentre gareggiavano con le compagnie di pesca per il cibo, e il centro di riabilitazione vedeva un numero crescente di pinguini malnutriti o affamati, ha detto, descrivendo la situazione come un “incubo”.

L’arrivo del pinguino Adélie in Nuova Zelanda potrebbe essere un segnale preoccupante che la popolazione soffre di acque più calde. Foto: Alana Purdy/Dipartimento di conservazione

Il professore di zoologia dell’Università di Otago, Philip Seddon, ha affermato che l’aspetto del Pingu era “estremamente raro” e che probabilmente era un uccello più giovane che si era allontanato troppo ed era caduto in un ruscello portandolo nelle acque della Nuova Zelanda.

Seddon ha affermato che mentre le popolazioni di pinguini di Adelia sono apparse stabili per ora – aumentando in alcune aree e diminuendo in altre – c’erano molte potenziali minacce in vista e i cambiamenti nel comportamento dei pinguini potrebbero essere un segnale di allarme precoce che l’ecosistema marino era in difficoltà.

“Tutti i tipi di pinguini sono come i ranger del mare… quando vanno male, ci danno un segnale precoce – i canarini nelle miniere di carbone – una prima indicazione che le cose non vanno bene”, ha detto.

“Penso che se iniziamo a ricevere arrivi annuali dai pinguini di Adélie, andremo davvero, qualcosa è cambiato nell’oceano che dobbiamo capire”, ha detto Seddon, anche se non un singolo arrivo ha fatto tendenza.

“Più studi ci daranno una maggiore comprensione di dove vanno i pinguini, cosa fanno, quali sono le tendenze della popolazione – ci dirà qualcosa sulla salute di questo ecosistema marino in generale”.

Il riscaldamento globale sta colpendo gli habitat dei pinguini antartici in modi irregolari e talvolta imprevedibili: in alcune aree il ghiaccio marino si sta espandendo, ma in altre sta diminuendo. Ciò potrebbe avere un effetto misto sulle popolazioni di pinguini: una certa perdita di ghiaccio marino potrebbe effettivamente aiutare le Adélie, Consentire uno spazio di riproduzione più vitale.

Ma il riscaldamento eccessivo può anche disturbare quegli habitat, o i pinguini fanno affidamento sulle scorte di cibo: secondo la NASA, nelle aree dell’Antartide che stanno vivendo il riscaldamento, le popolazioni di Adélie sono O sta scendendo o è previsto che diminuisca Nei prossimi 40 anni, e con la diminuzione del ghiaccio marino, potrebbe portare a cambiamenti nei modelli migratori dei pinguini nel Mare di Ross.

A volte questi cambiamenti hanno portato al disastro: nel 2017, una colonia di 40.000 pinguini di Adélie era Ha subito un “catastrofico evento riproduttivo” Tutti tranne due dei pulcini sono morti di fame. Questa è stata la seconda morte di massa in soli quattro anni, che rappresenta un gruppo di disastri riproduttivi senza precedenti in oltre 50 anni di osservazione.

READ  Una petroliera esplode ad Akkar, in Libano, uccidendo almeno 20 persone | Notizie dal Medio Oriente