Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Esperto FSU: la libertà economica degli Stati Uniti è al livello più basso degli ultimi quattro decenni

James Guartney, presidente di Jose A. Stavros, ricercatore senior presso la School of Social Sciences and Public Policy, è autore di ogni edizione del rapporto da quando ha contribuito a lanciarlo nel 1996.

Gli Stati Uniti sono scivolati al settimo posto nell’annuale World Economic Freedom Report per il 2022, ma il professore di economia della Florida State University James Gwartney ha affermato che il declino è più ripido di quanto sembri.

Il rating degli Stati Uniti, basato sui dati del 2020, è sceso da 8,25 a 7,97 sulla scala a 10 punti dell’indice.

“Mentre il La classifica degli Stati Uniti è rimasta nella stessa regione negli ultimi anni e forse la cosa più importante che è emersa dal rapporto di quest’anno è stato il downgrade degli Stati Uniti tra il 2019 e il 2020, “ disse Guartney. Anche se quel calo non suona così tanto, un punteggio di 7,97 nel 2019 avrebbe collocato gli Stati Uniti al 20° posto a livello globale. Inoltre, la classifica degli Stati Uniti per il 2020 è la più bassa degli ultimi quattro decenni”.

Guartney, presidente di Jos A. Stavros, ricercatore senior presso la School of Social Sciences and Public Policy, è autore di ogni edizione del rapporto da quando ha contribuito a lanciarlo nel 1996.

Il rapporto è la misura più utilizzata di come le politiche e le istituzioni nei paesi influenzano la libertà economica – la capacità degli individui di prendere le proprie decisioni economiche.

Guartney ha affermato che le persone che vivono in paesi con alti livelli di libertà economica godono di maggiore prosperità, più libertà politiche e civili e vite più lunghe.

Ha detto: “Quando parli di libertà economica, stai parlando della libertà delle persone di commerciare con gli altri, di competere nei mercati e di mantenere ciò che guadagnano”. “La libertà economica è che le persone siano libere di plasmare e modellare la propria vita”.

READ  Italia e Stati Uniti firmano un accordo ferroviario da 16 miliardi di dollari

Il rapporto misura la libertà economica analizzando indicatori tra cui regolamentazione, dimensioni del governo, diritti di proprietà, spesa pubblica e tasse. L’edizione 2022 comprende 165 paesi e regioni.

Hong Kong e Singapore sono in cima all’indice e la loro catena ha continuato a essere rispettivamente la prima e la seconda, mentre Svizzera, Nuova Zelanda, Danimarca, Australia, Stati Uniti, Estonia, Mauritius e Irlanda hanno occupato la top ten.

Altre classificazioni degne di nota includono Giappone (n. 12), Canada (n. 14), Germania (n. 24), Italia (n. 43), Francia (n. 54), Messico (n. 65), India (n. 90), Russia (n. 94) e Brasile (n. 114). ) e Cina (n. 116).

Il Fraser Institute, di cui Guartney è senior fellow, sta producendo il rapporto in collaborazione con l’Economic Freedom Network, un gruppo di istituti di ricerca e istruzione indipendenti in quasi 100 paesi e territori.

Guartney ha preparato il rapporto con Robert Lawson e Ryan Murphy della Southern Methodist University e Joshua Hall della West Virginia University.

“È un lavoro d’amore da parte mia e ad esso ho dedicato gli ultimi 25 anni della mia ricerca accademica e della mia vita professionale”, ha affermato Guartney. “Penso che sia una misura davvero importante per allontanare le discussioni dalle persone che parlano tra loro piuttosto che dire: ‘Guardiamo insieme i dati. “

Per maggiori informazioni visita www.fraserinstitute.org/economic-freedom.

Le richieste dei media relative all’Economic Freedom of the World Annual Report 2022 devono essere inviate a Gwartney all’indirizzo [email protected]