Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Eni-Sonatrach firma un accordo per incrementare le esportazioni di gas dall’Algeria verso l’Italia

Il gruppo energetico Eni e Sonatrach hanno firmato un accordo per accelerare lo sviluppo dei giacimenti di gas in Algeria e lo sviluppo dell’idrogeno verde, in una mossa volta ad aumentare le esportazioni di gas del Paese verso l’Italia.

L’Italia, che importa circa il 40% delle sue importazioni di gas dalla Russia, si sta affrettando a diversificare il proprio mix di approvvigionamento energetico mentre il conflitto in Ucraina si intensifica.

Per gli ultimi titoli, segui il nostro canale Google News online o tramite l’app.

L’Algeria è il secondo fornitore italiano di gas e il gasdotto Transmed – che va dall’Algeria attraverso la Tunisia all’isola italiana della Sicilia – pompa gas algerino verso le coste italiane dal 1983.

Eni ha affermato che i volumi di produzione di gas previsti dalle aree oggetto dell’accordo di giovedì ammontano a circa tre miliardi di metri cubi all’anno e contribuiranno ad aumentare la capacità di esportazione dell’Algeria verso l’Italia attraverso il gasdotto Transmed.

Il protocollo d’intesa è stato firmato a Roma dagli alti dirigenti dei gruppi italiano e algerino in una cerimonia alla presenza del presidente algerino Abdelmadjid Tebboune e del presidente del Consiglio italiano Mario Draghi.

Le esportazioni di gas dall’Algeria verso l’Italia sono aumentate vertiginosamente lo scorso anno, balzando del 76% a 21 miliardi di metri cubi, il 28% del consumo totale e seconde solo a 29 miliardi di metri cubi dal più grande fornitore russo.

L’accordo consentirà a Sonatrach ed Eni di valutare il potenziale del gas e le opportunità di rapido sviluppo in specifici giacimenti già scoperti da Sonatrach in Algeria.

Il protocollo riguarda anche la valutazione tecnica ed economica di un progetto pilota di idrogeno verde a Bir Rabaa North (BRN) nel deserto algerino, con l’obiettivo di supportare la decarbonizzazione dell’impianto a gas BRN gestito dalla joint venture SONATRACH-Eni GSE.

READ  Notizie sulla Brexit: servizi legali del Regno Unito "in surplus di 5,6 miliardi di sterline" - le maggiori aziende prevedono una crescita del 4% nel 2021 | Città e affari | finanza

Eni è la principale compagnia energetica internazionale operante in Algeria, dove è presente dal 1981.

Leggi di più:

L’Unione Europea sta lavorando a un accordo sul gas con Egitto e Israele per sostenere le forniture

La Russia consente al gas di fluire verso Gazprom Marketing and Trade per 90 giorni

Oman e Iran firmano accordi di cooperazione nei settori del petrolio e del gas