Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

En Kobe, le donne in questa Hall of Fame

Questo fine settimana tanto atteso al Naismith Memorial Basketball Hall of Fame sarà incentrato su Kobe Bryant.

Naturalmente, non sarebbe solo Bryant, né vorrebbe che fosse così. Se è qui, è quasi certamente entusiasta delle donne che vanno in sala con lui questo fine settimana.

Bryant era un grande sostenitore e sostenitore del basket femminile, e non era solo perché sua figlia Gianna – una delle otto persone morte insieme a lui in un incidente in elicottero il 26 gennaio 2020 – stava per diventare una giovane eccezionale. giocatore con un futuro luminoso. Non ha nascosto quanto rispettasse il gioco femminile, anche dicendo alla CNN in una delle sue recenti interviste, appena 11 giorni prima della sua morte, che star della WNBA come Diana Tourasi, Maya Moore ed Elena Dele Dawn potevano tenere il passo con l’NBA. Giocatori.

Non commettere errori: le tre donne che sabato sera avrebbero condiviso il palco con lui si guadagneranno la sua stima.

La nuova allenatrice femminile della LSU Kim Mulkey ha vinto tre campionati nazionali dal suo periodo appena completato al Baylor. Tamika Catchings, Vice President of Basketball Operations e General Manager di Indiana Fever, ha quattro ori olimpici. Barbara Stevens ha vinto oltre 1.000 partite come allenatore. Tutti avranno il loro tempo sul palco sabato sera a Uncasville, nel Connecticut – il concerto della Hall of Fame non alla Hall of Fame quest’anno a causa di problemi di virus – e si meritano molto di più di quanto si crede che gli “altri” siano in questo classe.

“Ha reso grande la WNBA”, ha detto Catchings, la cui amicizia con Bryant risale a quando erano bambini piccoli ei loro genitori giocavano insieme a calcio professionistico in Italia. “È stato fantastico per lui e Gigi essere in campo. Puoi sempre vederlo insegnarle cose diverse che stavano succedendo sul campo. Si sarebbe appoggiato indietro e avrebbe iniziato a valutare e dividere le giocate”.

READ  L'originale "Prisma" di Amazon Italia sfida le norme di genere in modi diversi (Esclusivo)

Ogni Hall of Fame in arrivo viene presentata per gli onori da altri Hall of Fame, e le donne in questa classe hanno ottenuto alcuni nomi seriamente grandi per ricoprire questi ruoli.

A recuperare il ritardo ci saranno il campione NBA Alonzo Morning e l’allenatore della Carolina del Sud Don Staley. Stevens sarà circondato dall’allenatore del Connecticut Gino Urima e dall’ex allenatore di Notre Dame Mavit McGraw, vecchi rivali che diventeranno compagni di squadra per una notte per onorare l’ex allenatore Bentley che ha vinto cinque volte il titolo di miglior allenatore nazionale dell’anno NCAA. E Molky viene presentata solo da Michael Jordan, che in qualche modo era la sua seconda scelta per la posizione.

“Lascia che ti dica come è successo”, ha detto Molky questa settimana. “L’allenatore Leon Barmore è a Naismith ed è stato il mio allenatore al Louisiana Institute of Technology, il mio mentore e ha lavorato con me tre anni al Baylor. Gli ho chiesto e non può presentarmi a causa di problemi di salute. Quindi, io e Michael hanno giocato insieme all’84a Olimpiade e ho detto: “Lascia che Michael lo faccia”. “Ed è stato generoso nell’accettarlo. È così che è successo”.

Mulkey ha inviato una lettera alla Giordania ringraziando la sua collega medaglia d’oro alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984 per la sua disponibilità a stare con lei per il momento. Jordan presenterà anche Bryant sabato sera e probabilmente avrà un ruolo in qualsiasi tributo che Hall porterà per commemorare la vita del cinque volte eroe con i Los Angeles Lakers che considera un fratello minore.

“Ho un grande rispetto per Michael, e rispetto l’onore che farà questo per me”, ha detto Molky.

READ  I manifestanti del Primo Maggio chiedono maggiori protezioni sul lavoro in mezzo alla pandemia

Stevens si è ritirato dalla Bentley lo scorso anno dopo 34 stagioni a Waltham, Massachusetts, e 44 anni come allenatore del college. Ha vinto 1.058 partite. Gli unici allenatori del college per le donne che hanno vinto di più sono Tara Vanderwer, Uriema e Bat Summit. Vivian Stringer ha 12 vittorie su quella totale di Stevens; Passeranno molti anni prima che un’altra allenatrice femminile si avvicini a questo numero.

“Guardi tutti questi allenatori.” Ha detto Stevens all’Associated Press nel 2018 prima della sua millesima vittoria. “Non vedo alcun collegamento tra me e loro. Ho trovato la mia nicchia e non ho bisogno di luci. Non ho bisogno di niente del genere. Quello che sto cercando di fare in un piccolo modo è creare un programma che possa avere successo e basta. “

Anche a Bryant sarebbe piaciuto questo approccio.

Può difendere il basket femminile e la WNBA a volte senza dire una parola. Il pezzo più venduto della merce WNBA è la felpa arancione con il logo della lega in rilievo sul petto; Le vendite di questa maglia iniziarono ad apparire quando Bryant la indossò mentre partecipava alla partita dei Dallas Lakers con Gianna nel dicembre 2019. Dopo la sua morte, le vendite sono aumentate di nuovo.

Ha lavorato con giocatori WNBA. Li ha diretti. Il più fortunato aveva il suo numero. Riceveranno testi casuali, videomessaggi e buona fortuna.

“Rispetto la grandezza”, ha detto Bryant all’AP in un’intervista del 2016. “Rispetto quelli che cercano di essere grandi di più, quelli che non hanno paura di lavorare”.

Catchings, Mulkey e Stevens fanno parte di quella che potrebbe essere la classe Hall of Fame più stellata di sempre: Bryant, Kevin Garnett e Tim Duncan come giocatori NBA con 11 tornei congiunti e 48 gesti da star insieme, insieme a due – Rudi Tomjanovic , L’allenatore campione NBA, il tre volte allenatore delle Final Four Eddie Sutton e l’ex segretario generale della FIFA Patrick Bowman, uno dei migliori capitani di basket internazionale di tutti i tempi. Bowman è morto nel 2018 e Sutton è morto l’anno scorso, circa un mese e mezzo dopo aver ricevuto la parola che era stato scelto per l’onore.

READ  Il Papa si trova ancora una volta faccia a faccia con i fedeli mentre il COVID in Italia si allontana

Tutti e nove hanno avuto questo momento.

Bryant sicuramente direbbe lo stesso.

___

Tim Reynolds è uno scrittore nazionale di basket per The Associated Press. Scrivici a treynolds (at) ap.org

___

Altro da AP NBA: https://apnews.com/hub/NBA e https://twitter.com/AP_Sports