Dicembre 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Emissioni di carbonio da investimenti super ricchi ‘pari a tutta la Francia’ | emissioni di gas serra

I super ricchi stanno emettendo gas serra a un livello equivalente all’intera Francia dai loro investimenti aziendali ad alta intensità di carbonio, secondo un’analisi pubblicata all’apertura dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite Cop27. in Egitto.

Esaminando l’impatto sul carbonio degli investimenti di 125 miliardari, la ricerca ha rilevato che hanno una partecipazione collettiva di 2,4 trilioni di dollari in 183 società. In media, le emissioni degli investimenti di ogni miliardario hanno generato 3 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno. Un milione di volte in più rispetto alle emissioni medie di 2,76 tonnellate di anidride carbonica per coloro che vivono nel 90% più povero dei percettori di reddito. Complessivamente, i 125 membri delle nazioni ricche emettono 393 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno, lo stesso della Francia, che ha una popolazione di 67 milioni.

Il Rapporto Oxfam Ha sostenuto la regolamentazione degli investimenti dei ricchi e l’imposizione di un’imposta sul patrimonio con un alto tasso di aumento degli investimenti nelle industrie inquinanti.

Danny Sriskandragah, CEO di Oxfam GB, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno poliziotto 27 Per esporre e cambiare il ruolo che le grandi imprese e i loro ricchi investitori svolgono nel trarre profitto dall’inquinamento che guida la crisi climatica globale. Sono le persone nei paesi a basso reddito che hanno fatto di meno per far soffrire di più questo problema, come stiamo vedendo con la devastante siccità in Africa orientale e le catastrofiche inondazioni in Pakistan”.

Gli investimenti sono stati nel settore dei consumi, energia e materiali, con una media del 14% dei loro investimenti in industrie inquinanti, come combustibili fossili e cemento. C’era solo una società di energia rinnovabile nel campione. Gli studi dimostrano che il 50-70% delle emissioni proviene dagli ultra ricchi provengono dal loro investimento.

READ  Il Vietnam è pronto a combattere nel Mar Cinese Meridionale mentre le navi militari sono schierate nell'area

I ricercatori hanno effettuato i calcoli partendo da un elenco di 220 delle persone più ricche del mondo, secondo la Bloomberg Billionaire List dell’agosto 2022. Hanno collaborato con un fornitore di dati per determinare la percentuale di ciascuna società di proprietà di miliardari e Emissioni Scope 1 e 2 da queste aziende. I ricercatori hanno utilizzato l’analisi di Bloomberg di una ripartizione delle fonti di ricchezza dei miliardari per calcolare la percentuale di ciascuna società di proprietà dei miliardari. Hanno escluso i miliardari che detengono meno del 10% della quota di business. La ricerca è stata limitata perché basata su dati pubblicati dalle stesse aziende, che spesso non sono verificati esternamente.

“Ciascuno di questi miliardari dovrebbe circumnavigare il mondo quasi 16 milioni di volte in un jet privato per creare le stesse emissioni”, afferma il rapporto, aggiungendo che quasi quattro milioni di persone dovrebbero convertirsi ai vegetariani per compensare le emissioni di ciascun miliardario. .

Alcune delle persone molto ricche analizzate hanno effettivamente cercato di avere un impatto positivo per affrontare la crisi climatica. Mettono in luce Yvonne Chouinard, la miliardaria proprietaria del marchio di abbigliamento sportivo della Patagonia, che ha stabilito la proprietà dell’azienda in confidenza a favore degli sforzi ambientali e ha dichiarato che “la Terra è il nostro unico contributore”.

Il rapporto affermava che il miliardario della tecnologia Mike Cannon-Brooks aveva acquisito una grande partecipazione nella società energetica australiana AGL per impedirle di continuare a gestire centrali a carbone per altri due decenni.

Ma i ricercatori di Oxfam hanno affermato che questi sforzi di attivismo erano troppo limitati nel campione super ricco.

READ  L'Australia ha chiuso l'ambasciata di Kiev sull'intelligence statunitense di una probabile invasione russa

L’ente di beneficenza ha stimato che una tassa patrimoniale sui super ricchi del mondo potrebbe generare 1,4 trilioni di dollari all’anno, il che potrebbe aiutare i paesi in via di sviluppo più colpiti dalla crisi climatica ad adattarsi, affrontare perdite e danni e attuare una transizione equa verso le energie rinnovabili.

Raccomanda inoltre aliquote fiscali nettamente più elevate per gli investimenti nelle industrie inquinanti; Invita i governi ad agire per garantire che gli investimenti nell’estrazione e nell’uso di nuovi combustibili fossili e in industrie altamente inquinanti siano rigorosamente regolamentati e, in molti casi, vietati.

“Abbiamo bisogno che i governi affrontino urgentemente questo problema pubblicando i dati sulle emissioni per le persone più ricche, regolamentando gli investitori e le aziende per ridurre le emissioni di carbonio e tassando la ricchezza e gli investimenti inquinanti. Non possono essere autorizzati a nascondersi o fare il greenwashing”, ha affermato Sarskenderajh.

Il ruolo dei ricchi nei cambiamenti climatici estremi è raramente discusso. Questo deve cambiare. Questi investitori miliardari in cima alla piramide aziendale hanno l’enorme responsabilità di guidare il tracollo climatico. Hanno eluso la responsabilità per molto tempo”.