Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Emergenza sanitaria: una carenza prevista da diversi anni

La situazione è ancora molto critica all’Urgence Santé e potrebbe andare avanti per un po’, poiché la mancanza di paramedici era molto preoccupante pochi giorni prima del weekend del Gran Premio di Formula 1 a Montreal.

• Leggi anche: Il Rapporto Savoia: una proposta nuova entità di coordinamento sanitario

• Leggi anche: Progetti pilota: i paramedici saranno in grado di eseguire più procedure mediche

“Stiamo facendo tutto il possibile per cercare di colmare le lacune. La più importante è la notte. I dirigenti scendono in campo per aiutare il più possibile a mitigare le conseguenze”, ha detto a QUB Radio il portavoce di Urgence Santé Stéphane Smith.

Carenza prevista per diversi anni

“In termini di carenza di personale, mancano ancora diversi anni, questo è certo. Stiamo cercando di essere al loro posto”, ha detto al conduttore Philippe Vincent Foisy.

Il signor Smith è ancora alla ricerca di manodopera, ma ha osservato che il progetto pilota annunciato martedì dal ministro della Salute, Christian Duby, consentirà di risolvere un po’ le emergenze.

I paramedici potranno eseguire alcune procedure mediche e intervenire a domicilio per guidare e assistere al meglio i pazienti che non hanno bisogno di recarsi al pronto soccorso.

A partire da martedì, il pronto soccorso del Jewish General Hospital di Montreal aveva una capacità del 223% con 118 pazienti. Nonostante tutto, Urgence santé si dice pronto a soddisfare i bisogni sulla Terra che inevitabilmente un Gran Premio causerà.

“Il weekend del Gran Premio è sempre un momento molto impegnativo per noi. Abbiamo squadre schierate esclusivamente per questo evento, ma è sicuramente un weekend difficile per tutti i paramedici con gli ubriachi e tutti gli eccessi”, ha sostenuto Stephen Smith su QUB Radio .

READ  Salute: spesa che si gonfia vertiginosamente anche al di fuori del Covid