Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Elezioni in Perù: i sostenitori dei candidati rivali sciamano nelle strade in mezzo a discussioni sul risultato | Perù

I sostenitori dei candidati presidenziali rivali del Perù – il socialista Pedro Castillo e l’ala destra Keiko Fujimori – sono scesi in piazza nell’incertezza sulla sfida legale al risultato delle elezioni del 6 giugno.

Sabato, migliaia di sostenitori di Castillo hanno marciato verso piazza San Martin nella capitale Lima, a un isolato dalla sede della giuria elettorale che deciderà l’esito. Portavano enormi striscioni e foto del candidato socialista che lo chiamava chiara vittoria elettorale essere confermato.

A pochi isolati di distanza, migliaia di sostenitori di Fujimori che esibivano bandiere peruviane e striscioni con la scritta “No alla frode”, sono arrivati ​​in piazza Polonissi, dove era stato allestito un podio prima dell’arrivo previsto del governatore.

Castillo precede Fujimori di 44.000 voti, con tutti i voti contati. Ma il suo rivale di destra ha cercato di escludere i voti, in gran parte nelle aree rurali che hanno sostenuto la sinistra, facendo accuse di frode con poche prove.

Sabato Keiko Fujimori partecipa a una manifestazione a Lima. Foto: Jian Masco/EPA

Il partito Free Peru di Castillo ha negato le accuse di frode, mentre i monitor delle elezioni internazionali hanno affermato che il voto è stato condotto in modo pulito. Il Dipartimento di Stato americano ha descritto l’operazione come un “modello di democrazia”.

I sostenitori di Fujimori includevano membri di vari partiti di destra e di centrodestra, nonché personale militare in pensione che sosteneva le sue accuse di frode. Molti di loro avevano cartelli che dicevano “No al comunismo”, una critica che spesso rivolgevano a Castillo.

“Non siamo chavista, non siamo comunisti e non prenderemo proprietà da nessuno, e questo è un errore… Siamo democratici”, ha detto Castillo ai suoi sostenitori sabato sera. “Le differenze e le disparità sono sparite”.

Molti dei suoi seguaci indossavano gli stessi cappelli a tesa larga che Castillo aveva usato nella campagna. Alcuni indossavano costumi delle regioni andine del paese e ballavano, mentre altri portavano fruste come quelle usate dai “ronderos” della polizia rurale.

Sabato sera Fujimori ha detto ai suoi sostenitori che vuole semplicemente giustizia elettorale. “Quello che vogliamo è analizzare tutte queste irregolarità”, ha detto.

Castillo, un ex insegnante di scuola elementare di 51 anni e figlio di contadini, ha in programma di riscrivere la costituzione del paese per dare allo stato un ruolo più attivo nell’economia e raccogliere una quota maggiore dei profitti delle compagnie minerarie.

Ma ha ammorbidito il suo tono nelle ultime settimane nel tentativo di placare le preoccupazioni del mercato. Sabato ha detto che sarebbe desideroso di mantenere il rispettato capo della banca centrale, Giulio Vilardi, un importante segno di stabilità per gli investitori.

Un processo elettorale già teso è precipitato nel caos questa settimana dopo che uno dei quattro giudici della giuria che esaminava i voti contestati si è dimesso dopo essersi scontrato con altri funzionari per le richieste di voto.

Sabato, la giuria elettorale ha giurato un’alternativa per consentire la ripresa del processo, chiave per ripristinare la stabilità nella nazione andina ricca di rame, scossa da un voto restrittivo.

“La giustizia elettorale non può essere paralizzata o ostacolata, figuriamoci a questo punto del processo”, ha affermato Jorge Salas, presidente della giuria elettorale nazionale. “Queste arti provinciali non fioriranno”.

Una portavoce della commissione ha affermato che lunedì la giuria riprenderà il suo lavoro esaminando i voti contestati. La revisione deve essere completata prima che venga annunciato un risultato ufficiale.

Le elezioni hanno diviso profondamente i peruviani, con gli elettori rurali più poveri che si sono radunati dietro Castillo, mentre gli elettori urbani più ricchi hanno sostenuto Lima Fujimori, la figlia dell’ex presidente incarcerato Alberto Fujimori.

READ  Due genitori uccisi in un incidente in moto, lasciando orfane cinque ragazze