Maggio 12, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ecco perché la nostra mente risolve i problemi aggiungendo cose, non rimuovendo

Hai mai notato come di solito cerchiamo di risolvere i problemi aggiungendo altro piuttosto che eliminando? Più riunioni, più moduli, più pulsanti, più scaffali, più sistemi, più codice, ecc. Gli scienziati ora pensano che potrebbero sapere perché questo è.

Uno studio su 1.585 persone in 8 diversi esperimenti ha mostrato che il nostro cervello tende a non essere all’altezza dell’addizione piuttosto che della sottrazione quando si tratta di trovare soluzioni – in molti casi, sembra che non abbiamo idea di una strategia per escludere qualcosa.

I ricercatori hanno scoperto che questa preferenza per l’aggiunta era evidente in tre scenari in particolare: quando le persone sono sotto una maggiore pressione cognitiva, quando c’è meno tempo per considerare altre opzioni e quando i volontari non ricevono promemoria specifici che la sottrazione era un’opzione. .

“Succede nella progettazione ingegneristica, ed è la mia principale preoccupazione”. Dice l’ingegnere, Lady ClotsDall’Università della Virginia. “Ma succede anche per iscritto, cucinare e tutto il resto – pensa solo ai tuoi affari e lo vedrai”.

“La prima cosa che ci viene in mente è: cosa possiamo aggiungere per renderlo migliore? Il nostro articolo mostra che lo facciamo a nostre spese, anche quando l’unica risposta corretta è la sottrazione. Anche con lo stimolo fiscale, non lo facciamo ancora. Non pensare di portare via. “

In un esperimento, ai partecipanti è stato chiesto di migliorare il loro scheletro Lego in modo che potesse aumentare di peso. A metà dei volontari è stato ricordato che potevano rimuovere i mattoni oltre che aggiungerli, e alla metà non è stato ricordato.

Nel gruppo che ha ricevuto il promemoria, il 61% ha risolto il problema rimuovendo un mattone, che era un modo più veloce ed efficace per installare lo chassis. Nel gruppo che non ha ottenuto il richiamo, solo il 41% è andato con il metodo di rimozione dei mattoni.

READ  Perché il nuovo iPad di Apple sarà sorprendentemente innovativo

In un altro test, ai soggetti è stato chiesto di creare una griglia di blocchi di colore su uno schermo di computer simmetrico con il minor numero di clic possibile, notando quale numero 5 appariva sopra di esso: uno scenario multitasking progettato per aggiungere un carico cognitivo aggiuntivo.

Sebbene la rimozione di alcune tessere fosse il modo più rapido per raggiungere l’obiettivo, quando questo carico cognitivo aggiuntivo è, è più probabile che i partecipanti inizino ad aggiungere nuove caselle di colore.

“Altre idee vengono in mente rapidamente e facilmente, ma le idee presentate richiedono uno sforzo cognitivo maggiore”, Dice lo psicologo Benjamin ConverseDall’Università della Virginia. “Poiché le persone spesso si muovono rapidamente e agiscono con le prime idee che vengono in mente, finiscono per accettare soluzioni aggiuntive senza nemmeno pensare alla sottrazione”.

I ricercatori hanno alcune idee su cosa potrebbe accadere. Il nostro cervello potrebbe trovare i cambiamenti aggiuntivi più facili da elaborare, oppure potremmo collegare l’aggiunta ai pensieri di qualcosa di più grande e quindi migliore nel subconscio.

Potrebbero anche esserci associazioni nella nostra mente con lo status quo come qualcosa che deve essere preservato il più possibile – e probabilmente sbarazzarsi di qualcosa è più dannoso per lo status quo che aggiungere qualcosa di nuovo.

Oltre ai modelli Lego e ai giochi per il cervello, i ricercatori affermano che il loro lavoro è importante in un senso molto più ampio: per le organizzazioni che cercano di semplificare, ad esempio, e anche per la razza umana che cerca modi per gestire meglio le risorse del pianeta.

“Più persone fanno affidamento su strategie aggiuntive, più è possibile accedervi cognitivamente”. Dice la psicologa Gabrielle AdamsDall’Università della Virginia.

READ  Aggiornamento Fortnite 16.20 Note sulla patch completa: pneumatici Chonkers fuoristrada, correzioni di bug e modifiche importanti

“Nel tempo, l’abitudine di cercare idee additive può diventare sempre più forte e, a lungo termine, finiamo per perdere molte opportunità di migliorare il mondo per sottrazione”.

La ricerca è stata pubblicata in Natura temperata.