Agosto 17, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

È tempo di valutare | Questo sistema sanitario che gestisce le nostre vite

Siamo, cronologicamente in questi giorni, nel secondo seminterrato dell’anno. Dal 26 al 30 dicembre, questi giorni sono sospesi tra due festival, Madness. Cinque giorni sfuggono al calendario e le sue notti sono profonde. Tra due parti, farcite, oziose, ne approfittiamo per valutare. Che è incredibile.


Questi giorni nel limbo ci mettono faccia a faccia con noi stessi. Intravediamo brevemente l’imperfezione del nostro essere, siamo presi dal panico e ci precipitiamo in decisioni famose, queste false soluzioni all’ansia che ci abita. Questi giorni in più che ci costringono all’autoriflessione sono un passaggio necessario al nuovo anno.

Ne parlo perché ho l’impressione che sulla scala temporale social, da 22 mesi, abbiamo avuto Peyton bloccato sul colosso del 26-30 dicembre. Siamo a 28 o 29 anni? Non lo so. Ma siamo chiaramente al buio, i segni sono sfocati e il riflesso è più appartato che uniforme. Viviamo in tempi difficili, noi che, per la grande maggioranza, non abbiamo visto la nostra vita attraversare l’ira della storia. Viviamo piegati e tappezzati.

E se potessimo approfittare di questa eclissi, questo equivalente globale dei giorni vuoti dell’anno, per pensare alla nostra società, che si rivela malata del suo sistema sanitario? La storia per avere un piano quando, inevitabilmente, il mondo si illuminerà di nuovo…

Non sto nemmeno parlando di chiedere una commissione d’inchiesta sulla gestione catastrofica dell’epidemia in diversi CHSLD nella primavera del 2020, che comunque ne vale la pena. Va molto oltre. Chiedo una riflessione globale sul modo in cui è gestito il sistema sanitario del Quebec. Perché il nostro Paese è gestito come un ospedale. È il numero di posti letto disponibili che alla fine determina quante persone possono incontrarsi in Turchia, cosa faremo, se c’è un coprifuoco e quali attività dovranno essere chiuse.

READ  Maxime Blanchett Juncas nominato vicepresidente della commissione per la nuova scienza e la ricerca

Il governo gestisce l’intera vita della popolazione in base al numero di posti letto disponibili negli ospedali, senza fare nulla per aumentare la capacità del sistema sanitario. Non è la capacità dei caregiver di prendersi cura di un essere umano: il numero dei posti letto! Trascende l’ideologia. È la responsabilità stabilita per i governi successivi come sistema.

Certo, da questa inevitabilità familiare ci sono persone meravigliose e badanti perfetti, ma sono anche vincolati dalla logica coerente del numero di posti. È normale e salutare? È anche un processo matematico che detta non solo la logica della cura (chiudere la sala operatoria in tempi “normali”), ma in tempi di crisi, organizzare la vita dell’intera azienda nei minimi dettagli è davvero speciale?

La crisi del COVID-19 sarà una rivelazione straordinaria: alla fine, il buon funzionamento della società del Quebec nel 2021 non dipende dal suo livello di istruzione, dalla sua preoccupazione per le sue divisioni sociali e territoriali e nient’altro che dal desiderio di risolvere le disparità economiche . No. Ciò che comanda la levigatezza della società, ed è la sua base, è una domanda stupida sulla famiglia disponibile. Ma qual è questa logica disumana?

È più di un semplice accentramento ospedaliero, è una perversione della morale pubblica e della vita democratica.

Il sistema sanitario è fragile, certo, negli anni sono stati investiti miliardi di dollari. Descritto giustamente come un gigante, funziona attraverso il dono di sé delle persone che ci lavorano e che lo tengono a distanza. Era già saturo prima della pandemia e conserviamo il Botox finché non sembra vivo, mentre le sue domande dovrebbero essere universali. Viviamo in Absordistan.

READ  Perché l'Organizzazione Mondiale della Sanità è sfavorevole a far circolare la terza dose del vaccino anti-Covid? - lanciare

Il numero di posti disponibili in un sistema malato dipende non solo dalla nostra salute e dalla nostra vita, ma da chi vediamo, quando e in quali circostanze. È semplicemente pazzesco.

Operatori sanitari, politici, burocrati, etici, utenti del sistema, la popolazione in generale: tutti noi chiediamo, credo, una revisione profonda di questo sistema, ferito a morte, che sta trascinando la società nel suo tragico crollo.

Le notti dei nontiscordardime dell’anno sono le più lunghe per noi, ma anche combinate. Questo fine anno figurativo è durato 22 mesi. Utilizziamo il tempo di riflessione a nostra disposizione. Perché in calendario, al termine di questo lungo periodo, arriva il nuovo anno ricco di tutte le possibilità. Quindi diamoci da fare per cambiare la volontà di ispirarci collettivamente…