Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

E adesso dopo la devastazione dell’Italia che ha perso il secondo Mondiale consecutivo? | Italia

wAlexander Drajkovsky si è fregato la scarpa destra e ha rimandato l’Italia appena in tempo: per novembre 2017, il loro momento più basso, un sogno degli ultimi quattro anni e mezzo di tentativi di fuga da un Paese. All’epoca Carlo Taveccio, presidente della Federcalcio italiana, definì l'”Apocalisse” il mancato Mondiale. Quale parola può descrivere la fine di tutto?

Roberto Mancini è rimasto senza risposta dopo la sconfitta per 1-0 dell’Italia contro la Macedonia settentrionale giovedì. Si è incolpato, ma ha pronunciato la stessa frase più di una volta mentre poneva domande sulla partita e sul suo futuro: “Non so cosa dire”.

Un fallimento come questo era, in apparenza, indescrivibile. L’Italia, che ha vinto l’Europeo la scorsa estate, deteneva il 65% dei possedimenti e ha preso 32 dei quattro tiri della Macedonia del Nord. Non ci sono statistiche che spieghino la loro superiorità: dai conteggi d’angolo (da 16 a 0) agli obiettivi previsti (da 1,98 a 0,18).

Tuttavia, c’erano alcune ovvie possibilità. Un gol sembrava davvero possibile quando il portiere della Macedonia del Nord Stole Dimitrovsky ha incrociato il Dominico Ferrari al 29′ e ha segnato la rete. Il giocatore italiano ha fatto rotolare la palla nelle mani di Dimitrovsky.

Potresti chiamarla una notte sfortunata. Al 92′ era inevitabile che Trojkovsky seppellisse brillantemente il suo tiro, anche se era tornato ai Renzo Barbera Studios dove tre anni fa giocava per il Palermo.

Allo stesso tempo, questa competizione non è là fuori. Sotto Mancini, l’Italia a volte sembrava imbattuta, stabilendo un record internazionale di imbattibilità in 37 partite e alla fine si è arresa alla Spagna dopo aver giocato più della metà della top 10 della Nations League. Ma da tempo non hanno l’abitudine di vincere.

Solo due delle nove precedenti partite si sono concluse con la vittoria in 90 minuti. Avevano bisogno di un rigore per battere Spagna e Inghilterra nelle finali di Euro 2020.

Il lusso li ha immersi in questo pasticcio dei playoff. Asuri ha preso 27 dei 27 tiri della Bulgaria in una partita terminata 1-1 lo scorso settembre. Hanno pareggiato due volte con la Svizzera quando Georginho ha sbagliato i rigori vincendo entrambe le partite. Ne basterebbe uno per arrivare in testa al gruppo.

Di chi è la colpa se una squadra dimentica come segnare? Completando tre volte in Serie A, sarebbe facile fare il sacrificio del centravanti Zero Immobile. capocannoniere – ha eguagliato il record di campionato con 36 gol due stagioni fa – ha comunque trovato la rete 15 volte inferiore alle 55 presenze con l’Italia. In entrambe le gare della sconfitta nei playoff contro la Svezia nel 2017 ha segnato una vittoria contro la Macedonia del Nord.

Tuttavia è stato un fallimento collettivo. La forma di Lorenzo Insane a Napoli è diminuita in modo significativo da Euro 2020, con i critici che affermano che ha già deciso di unirsi al club MLS Toronto in estate. Federico Cisa è rimasto ferito. La Ferrari è stato l’unico membro dell’attacco che è arrivato in piena salute e buona forma. Perché Mancini è rimasto con l’attaccante, davvero una creazione, e non ha più funzionato? Non è stato più lo stesso da quando Leonardo Spinasola si è infortunato contro il Belgio la scorsa estate.

La domanda più fastidiosa del calcio italiano è che le alternative non bastano. Quando l’Italia cercava un gol in Sicilia, Mancini manda addosso Giacomo Raspadori, un giocatore di 30 anni che ha segnato uno dei suoi ultimi 13 gol, un talento promettente ma originale che ha segnato una volta in sette presenze con la Nazionale. Partite per Cochlear, 17° in Serie A.

Lo ha ammesso giovedì sera Gabriele Gravina, successore di Tavecchio alla Confederazione Calcio Italiana. “Ci sono pochissimi giocatori tra cui scegliere”, ha detto. “Dobbiamo capire perché così tanti giovani non si allenano [by their club teams]. “

Una cosa è diagnosticare una malattia, un’altra è trovare una cura per essa. Dopo il 2017 molte parole sono state spese sui fallimenti dello sviluppo giovanile del calcio italiano e sulla necessità di fare le cose diversamente. Cinque anni dopo, siamo qui.

Nulla si può dire che sia cambiato in meglio. Mancini Gian non è Piero Ventura, non ha mai saputo l’inizio della vittoria e il suo mandato si è concluso con un’apparente ribellione dalla propria panchina sostitutiva. La caratteristica principale della squadra che ha vinto gli Europei resta, e i talenti in crescita vanno da Alessandro Bastoni difensore centrale a Sandro Donali a centrocampo.

Gravina Mancini ha insistito per restare e un gran numero di italiani l’avrebbe sostenuto. Le cose belle che sono successe negli ultimi tre anni e mezzo non sono scomparse tutte in un colpo solo.

La febbre: iscriviti e ricevi la nostra e-mail quotidiana sul calcio.

Il fatto inevitabile, però, è che l’Italia perderà costantemente un secondo Mondiale: un disastro per una generazione di giocatori. Jorgenho, che è arrivato terzo al Pallone d’Oro lo scorso anno e rappresenta l’Italia dal 2016, difficilmente verrà convocato per una partita che gli assiri hanno vinto quattro volte. Brasile Marco Verdi, che ha avuto un’infanzia orribile in Italia nel 2014, compirà 33 anni nel 2026.

Mancini, che ha firmato quell’estate, ha faticato a rispettare giovedì sera. “L’attuale frustrazione è tale che non possiamo parlare del futuro”, ha detto. “Il successo dello scorso luglio è stato come la cosa più bella che abbia mai vissuto a livello professionale. È la delusione più grande di tutte”.

READ  Divertiti a navigare in un viale italiano mentre sei sulla Grande Mela