Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Duterte, nelle Filippine, è l’ultima vittima della battaglia della Cina nel Mar Cinese Meridionale

La Cina ha appena vinto un’altra battaglia nella sua occupazione del Mar Cinese Meridionale, senza sparare un solo colpo.

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha ceduto il controllo delle zone di pesca nel suo paese.

Nel suo famoso libro The Art of War, l’antico stratega Sun Tzu dichiarò: “Sottomettere l’esercito nemico senza combattere è il vero apice dell’eccellenza”. Sembra che funzioni bene per Pechino.

Il presidente filippino Duterte sembra essere l’ultima vittima.

Duterte ha affrontato questa settimana per la prima volta la crisi di centinaia di navi della milizia cinese che si sono ammassate intorno alla campagna di Whitson e alle isole Spratly, rimuovendo le barche filippine dalle loro tradizionali zone di pesca.

Dopo più di un mese di tumulto internazionale, Duterte ha finalmente chiarito la sua posizione.

Non vuole guai.

“Non sono molto interessato alla pesca ora”, ha dichiarato in un discorso pubblico registrato. “Non credo che ci siano abbastanza pesci per litigare.”

Relazionato: Dutton: Non ci “arrenderemo” alla Cina

Vuole restare in rapporti amichevoli con Pechino.

Tuttavia, desideroso di rassicurare il nervoso pubblico di casa, Duterte ha aggiunto una condizione: “Se iniziano a perforare petrolio lì … manderò lì le mie navi grigie per rivendicare il reclamo”.

Da quando è entrato in carica nel 2016, il controverso presidente ha rifiutato i tradizionali legami del suo paese con Washington e ha cercato di costruire una nuova alleanza con Pechino. La sua promessa di miliardi di dollari in prestiti cinesi a buon mercato e fondi di investimento “Belt and Road” deve ancora dare i suoi frutti.

Ora la pazienza del pubblico sta finendo. Ma i danni che si sono già verificati potrebbero essere irreversibili.

Sarà sanguinoso

Duterte crede di non essere in grado di rispondere all’accaparramento di terre da parte di Pechino.

E ha detto nel suo intervento: “Se andiamo lì per confermare la nostra competenza, sarà sanguinoso”.

Fa eco ai commenti precedenti in cui ha insistito sul fatto che Manila non aveva la forza di difendere il suo territorio e ha avvertito che tentare di farlo avrebbe scatenato una guerra unilaterale.

Relazionato: La Cina minaccia ritorsioni “paralizzanti”

Ha detto: “Il Mar delle Filippine occidentali (Mar Cinese Meridionale) è stato occupato da un atto unico che non si è ritirato dalla Cina”. Questa è la regola del diritto internazionale. Quando sei il primo a partire, significa che non è veramente tuo. “

Duterte ha detto che Pechino non ha rispettato un lodo arbitrale emesso da un tribunale internazionale.

READ  Il controverso piano del carbonio dell'Europa potrebbe essere un punto di svolta globale

Né ci si aspettava che rispettasse alcun mandato delle Nazioni Unite. “Pensi che la Cina lo darà gratuitamente solo su richiesta delle Nazioni Unite?” Chiesto.

Ma Duterte ha cercato di preservare i diritti delle Filippine su qualsiasi petrolio o minerali preziosi sotto le Isole Spratly, se non il suo pesce.

“Dirò alla Cina, fa parte del nostro accordo? Se non fa parte del nostro accordo, cercherò anche petrolio lì”. Se ottengono il petrolio, è allora che dobbiamo agire “.

Tuttavia, è improbabile che Pechino sia più generosa nel riconoscere la giurisdizione del diritto internazionale di Manila sul petrolio rispetto ai frutti di mare.

“Le isole del Mar Cinese Meridionale e le barriere coralline di cui ho parlato sono territorio cinese”, ha detto ai media questa settimana il vice ministro degli Esteri Lu Yucheng.

“Abbiamo svolto alcuni lavori di costruzione sulle nostre isole e barriere coralline al fine di migliorarne le condizioni, al fine di migliorare la sicurezza della navigazione e il comfort delle navi di passaggio. Non lo vedo come un problema”.

Una crisi esplosiva

Le Filippine non sono l’unico paese colpito dal sequestro del Mar Cinese Meridionale da parte di Pechino.

Il Vietnam colloca vongole anche nelle isole Paracels e Spratly, così come nella Zona Economica Esclusiva (ZEE) concessa in base alle linee guida del diritto dei mari delle Nazioni Unite (UNCLOS).

Poi ci sono Malesia, Brunei, Indonesia e Taiwan.

Tutti respingono l’affermazione della Cina secondo cui il precedente storico le conferisce piena sovranità sul Mar Cinese Meridionale, come definito nella mappa delle “nove linee” risalente all’era degli anni Quaranta.

La Corte internazionale di arbitrato delle Nazioni Unite ha accolto l’appello delle Filippine contro la rivendicazione della Cina nel 2016.

Questa sentenza inapplicabile da allora è stata ignorata e condannata da Pechino, e ha continuato a completare una serie di forti insulari artificiali all’interno di quella regione.

Da parte sua, il Partito comunista cinese insiste sul fatto che le tensioni regionali regionali sono interamente colpa degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

“Gli Stati Uniti hanno visto chiaramente la disputa tra le Filippine e la Cina su alcuni pescherecci cinesi che si riparavano intorno alla barriera corallina di Niu (Whitson) nel Mar Cinese Meridionale il mese scorso come un’opportunità per mostrare di nuovo i muscoli nel Mar Cinese Meridionale, e sperano di farlo Farlo. Per promuovere i suoi interessi strategici nella regione “, ha detto il punto vendita Global Times.

READ  Un cliente malato terminale lascia una mancia di $ 1.000 al ristorante

“Tuttavia, l’agitazione dei problemi degli Stati Uniti è destinata al fallimento perché la Cina ei paesi del sud-est asiatico rimangono irremovibili nei loro sforzi per impedire che il Mar Cinese Meridionale diventi un crogiolo di conflitti”.

Ma questa unità, ammettono le parole di Duterte, dipende dal fatto che ogni nazione oppressa si arrenda alle richieste arbitrarie di Pechino.

Questo potrebbe essere il motivo per cui quest’anno la Cina ha permesso alla Guardia Costiera di aprire il fuoco nei suoi “mari giudiziari”.

Questo termine non è riconosciuto dal diritto internazionale del mare. Ma Pechino lo usa quando si riferisce a tutto ciò che rientra nella sua linea di nove punti.

“I paesi del mondo devono unirsi per respingere fermamente la Cina, altrimenti se la Cina riuscirà a impadronirsi del Mar Cinese Meridionale, oa fare del Mar Cinese Meridionale il proprio lago nazionale … Allora la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare lo farà Crollo perché anche altre potenze marittime si impossesseranno dei mari di loro proprietà “avverte il presidente del tribunale in pensione Antonio Carpio”.

Le tensioni aumentano

Duterte potrebbe accontentarsi di lasciare che Pechino controlli la sua ZEE. Ma senatori schietti ed ex giudici – e parti delle forze armate – non lo sono.

“È un codardo o un traditore?” Annunciata la senatrice Risa Hunteros. Ad ogni modo, ha deluso il nostro paese.

Non è riuscito a difendere la nostra sovranità, i nostri mari e il nostro popolo. Potrebbe essere pronto a consegnare le Filippine e il popolo filippino non rinuncerà mai alla sovranità del paese “.

Non era l’unico membro del governo che usava un linguaggio così potente.

Il rappresentante Carlos Zarate ha scritto su Twitter: “In senso figurato, (Duterte) si è recato in Cina, agitando e consegnando la bandiera bianca della resa”.

Si riferiva alla sua promessa per la campagna del 2016 in cui Duterte si vantava che sarebbe andato alle Isole Spratly e avrebbe piantato una bandiera per consolidare la sovranità filippina.

È una sensazione che risuona altrove nei corridoi del potere.

L’ex ministro degli Esteri Albert Del Rosario ha dichiarato: “Esortiamo rispettosamente il presidente a respingere questa narrativa cinese di guerra, perché mira a intimidire i paesi dal sottomettersi alla volontà della Cina all’occupazione illegale del Mar Cinese Meridionale”.

“Negli ultimi giorni, siamo stati in grado di esercitare pressioni sulla Cina affinché disperdesse le sue navi nella campagna di Julian Philip (Whitson), non attraverso la guerra o lo spargimento di sangue, ma attraverso la coraggiosa affermazione dei nostri diritti da parte dei nostri funzionari e soldati”.

READ  Una donna su Facebook parla dei pasti in quarantena in un hotel in Nuova Zelanda

L’ambasciatore filippino negli Stati Uniti Jose Manuel Romualdez ha cercato di rassicurare i pescatori filippini arrabbiati che avevano simpatia internazionale.

Ha detto: “È chiaro che gli Stati Uniti stanno aspettando che li contattiamo se abbiamo bisogno del loro aiuto per rimuovere o ordinare navi parcheggiate nella nostra area di responsabilità o nella nostra zona economica”.

area grigia

Il Partito comunista cinese insiste sul fatto che la sentenza del tribunale delle Nazioni Unite del 2016 a favore delle Filippine è “illegale, nulla e non valida”. Questo è il motivo per cui Manila deve “fermare immediatamente la campagna pubblicitaria sconsiderata”, come ha avvertito questa settimana un portavoce del Dipartimento di Stato.

Fa parte della “diplomazia guerriera del lupo” di Pechino – insistere sul fatto che qualcosa è vero è sufficiente per renderlo vero.

Combinato con la coercizione economica e militare e la deliberata disinformazione, diventa ciò che gli analisti occidentali chiamano “guerra ibrida”.

È qui che vengono sfruttate le “zone grigie” del diritto internazionale e la comunità internazionale è pronta ad agire.

È una tattica progettata per separare e conquistare – sia il nazionale che quello internazionale.

Il senatore filippino Panfilo Laxon ha avvertito che immaginare che Manila si arrenda alle richieste di Pechino potrebbe essere disastroso.

Non sto dicendo che il presidente stia effettivamente alzando bandiera bianca, ma questo è il significato. Ha aggiunto che se gli ufficiali e gli uomini delle forze armate delle Filippine prendessero la questione in questo modo, potrebbe essere disastroso per la sovranità filippina.

“Allora lavoriamo su questa linea. Non dobbiamo sentirci soli … Perché stiamo sprofondando nell’angolo? Ci sono paesi più forti, anche l’Europa. Sono pronti ad aiutarci”.

Duterte era irritato dal suggerimento che avrebbe potuto perdere il sostegno tra gli influenti militari filippini.

Ha detto: “Ogni volta che il segretario alla difesa pubblica Delphine Lorenzana dice che non ho più bisogno di lui, puoi chiedere a tutti loro e dire che vado a casa”.

“Se non riesco a ottenere la collaborazione delle forze armate, allora non ha senso lavorare con questo governo”.

Jimmy Seidel è uno scrittore freelance Incorpora un Tweet