Ottobre 19, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Due persone sono state uccise e 1,1 milioni di persone sono state evacuate dal ciclone Yas, che ha colpito India e Bangladesh

Forti piogge e intense maree hanno colpito parti dell’India orientale e del vicino Bangladesh, mentre un ciclone è stato costretto a sbarcare mercoledì in un’area in cui più di 1,1 milioni di persone sono state evacuate durante un’ondata devastante del Coronavirus.

L’uragano Yas ha già causato due morti e danneggiato le case mentre le piogge torrenziali hanno colpito gli stati dell’Odisha e del Bengala occidentale prima che la tempesta iniziasse ad approdare nella tarda mattinata.

Il dipartimento meteorologico indiano ha affermato che la “grave tempesta ciclonica” è stata piena di venti sostenuti di 130-140 chilometri all’ora e tempeste fino a 155 chilometri all’ora.

Con la tempesta ormai quasi completamente approdata, i venti dovrebbero indebolirsi mercoledì sera.

In Bangladesh, migliaia di persone sono rimaste bloccate in 200 villaggi mentre le loro case, negozi e fattorie sono state inondate dalle onde di marea.

Mushfakur Rahman, alto funzionario del distretto, ha detto che più di 20 villaggi a Rangabali sono stati inondati nel distretto meridionale di Patukkale dopo che due delle rive del fiume sono state spazzate via. Ha detto che almeno 15.000 persone si sono rifugiate nei rifugi dei cicloni.

Una mucca passa nelle acque di alta marea a Digha Beach, sulla costa del Golfo del Bengala mentre l'uragano Yas si intensifica
Le piogge torrenziali inondano i villaggi del Bengala occidentale mentre il ciclone Yas ha colpito l’India orientale.(

AP: Ashem Paul

)

In India, le immagini televisive hanno mostrato acque profonde fino alle ginocchia che inondavano la costa e altre aree di Digha, una località turistica nel Bengala occidentale.

Il vento spingeva avanti e indietro le palme e l’acqua che scorreva traboccava dalle rive di diversi fiumi.

Il capo funzionario eletto dello stato del Bengala occidentale, Mamata Banerjee, ha detto ai giornalisti che 20.000 capanne di fango e rifugi improvvisati per i poveri sono stati danneggiati lungo la costa.

Il secondo grande uragano in una settimana

Martedì, Banerjee ha detto che un tornado ha interrotto le linee elettriche, fulminando due persone e danneggiando 40 case.

Il dipartimento meteorologico ha detto che da martedì sono caduti più di 17 cm di pioggia nelle regioni di Chandapali e Paradeep nello stato di Odisha. Sono state previste onde di marea fino a 4 metri.

Gli aeroporti di Calcutta e Bhubaneshwar sono stati chiusi e i servizi ferroviari annullati. Ai pescherecci e alle barche da pesca fu detto di mettersi al riparo.

Il tifone arriva in mezzo a un crescente coronavirus, complicando gli sforzi dell’India per far fronte a un’altra tempesta, il ciclone Taukta, che ha colpito la costa occidentale dell’India la scorsa settimana e ha ucciso più di 140 persone.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce sinistra e destra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto 12 secondi

Il ciclone Taukta ha colpito l’India la scorsa settimana, la tempesta più forte che ha colpito la costa occidentale degli ultimi due decenni.

Il primo ministro dell’Odisha Navin Patnaik ha fatto appello alle persone nei rifugi affinché indossino una doppia maschera e mantengano le distanze sociali.

Migliaia di personale di emergenza sono stati schierati per assistere con le operazioni di evacuazione e soccorso, ha affermato S.N Pradhan, Direttore della National Disaster Response Force in India. Anche l’Air Force e la Marina erano in attesa.

Un anno fa, il ciclone più potente in oltre un decennio ha colpito l’India orientale e ucciso quasi 100 persone.

Alcuni dei cicloni tropicali più mortali mai registrati si sono verificati nel Golfo del Bengala. Il tifone del 1999 ha ucciso circa 10.000 persone e ha devastato gran parte dell’Odisha.

Con previsioni migliori e un migliore coordinamento dei soccorsi, il bilancio delle vittime dell’uragano Phelen, una tempesta molto intensa nel 2013, è stato inferiore a 50, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale.

AP

READ  I casi di coronavirus in Nuova Zelanda aumentano di 70; Jacinda Ardern estende il blocco di Auckland