Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Due laptop inestimabili rubati vent’anni prima della loro comparsa

Nessuno si aspettava di imbattersi nei taccuini di Darwin rubati vent’anni fa… ma è stato senza fare affidamento su un misterioso sconosciuto che ha fatto sorridere gli accademici di Cambridge.

Nel Regno Unito, la Cambridge University Library è una delle istituzioni più prestigiose della comunità scientifica. Ospita pezzi di straordinario valore storico e scientifico; Ci sono pezzi eccezionali come una prima versione di Bibbia di Gutenbergche è la prima versione annotata di proprietario per Newton, o libro CERN.

20 anni fa, è stata vittima di una raccapricciante rapina. Gli autori hanno preso di mira l’opera di Charles Darwin, il più famoso naturalista passato alla storia per formulare la teoria dell’evoluzione. Versione prima edizione di Origine delle specie, l’opera fondamentale scritta da Darwin, è intatta. D’altro canto, Sono stati rubati due laptop.

Questi quaderni contengono una raccolta di appunti scritti a mano che rappresentano molte finestre nella mente di uno dei più grandi teorici della storia umana. Uno di questi contiene anche il disegno originale del famoso “Albero della vita”. Questo diagramma apparentemente semplificato rappresenta in realtà il trattato fondatore di CategoriaQuesta disciplina mira a studiare la diversità del mondo vivente.

Un risultato felice e del tutto inaspettato

Quindi è stata una grave perdita e un vero crepacuore per tutti gli appassionati di storia della scienza. Nonostante le ricerche approfondite, tutti sono tornati a mani vuote. Lo stesso dalle chiamate al pubblico rimaste senza risposta. Quindi lo erano tutti Hanno in qualche modo rinunciato all’idea di mettere le mani su questi tesori Un giorno… finché non accade un vero miracolo.

READ  Progetto di area aperta in Val d'Or per migliorare l'accesso dei giovani all'assistenza sanitaria

In effetti, i taccuini sono stati restituiti di recente, e in circostanze particolarmente misteriose. Sono stati depositati in una piccola borsa rosa vicino all’ufficio di Jessica Gardner, capo tesoriere di Cambridge per i tesori di carta. L’unico indizio: una piccola busta contenente il messaggio “Biblioteca: Buona Pasqua”.

Il ladro sembrava essersi preso molta cura del suo bottino; Perché i due oggetti sono stati accuratamente avvolti in un involucro di plastica e in una scatola blu. Dopo l’analisi, è attualmente considerato integro. Ma l’identità del ladro rimane un mistero. Potrebbe rimanere così per qualche tempo. In assenza della minima prova, è probabile che la persona in questione porti il ​​suo segreto nella tomba.

© Stuart Roberts/Biblioteca dell’Università di Cambridge

Due monumenti scientifici a livello mondiale

Ma l’aspetto legale non ha importanza per Jessica Gardner. “Il senso di sollievo che ho provato quando ci sono stati restituiti questi due taccuini è veramente profondo, quasi impossibile da descrivere.‘, riconosciuto in un comunicato stampa.Come molti altri, sono stato rattristato quando si sono persi e la mia gioia nel ritrovarli è immensa.‘, ammette, sembra essere molto colpita.

“Sono molto felice di sapere che questi taccuini sono stati restituiti al sicuro alla loro vera casa, insieme al resto dei meravigliosi archivi di Darwin”, Il vicepresidente Stephen J. Superiore. “Elementi come questi sono essenziali per la nostra comprensione non solo della storia della scienza, ma di tutta l’umanità”.Lui dice.

Questo non è un eufemismo. Se questi due importanti funzionari sono così appassionati è perché sono un pezzo davvero eccezionale; Occupa un posto centrale nella storia di una delle più grandi scoperte scientifiche mai documentate. “Può essere piccolo – appena le dimensioni di una cartolina – ma il suo impatto sulla storia della scienza e sulla sicurezza del nostro gruppo è inestimabile”.Gardner insiste.

READ  Entrare nella pelle degli insetti
© Stuart Roberts/Biblioteca dell’Università di Cambridge

In effetti, questi due taccuini furono illustri confidenti di Darwin durante il suo illustre viaggio a bordo dell’HMS Beagle. Si unì a lei come naturalista ufficiale, responsabile della documentazione della fauna, della flora e della geologia di New Horizons per conto di Sua Maestà.

E il giovane naturalista ha preso molto sul serio il suo lavoro. Ha registrato un gran numero di note la cui accuratezza e significato erano impressionanti in quel momento. Quando il Beagle tornò finalmente a casa in Cornovaglia nel 1836, Darwin tornò immediatamente a Cambridge per valutare la sua spedizione.

Origine Origine delle specie

Pochi mesi in più sarebbero bastati al suo leggendario intuito per mettere a posto questa montagna di schizzi e osservazioni. In questo momento, ha ipotizzato pubblicamente per la prima volta nel suo taccuino rosso che alcuni tipi potrebbero cambiare nel tempo. Possiamo, ad esempio, citare il suo ragionamento su “Gli uccelli di DarwinDarwin ha scoperto in questi quaderni che la forma del becco di uccelli simili cambia a seconda del tipo di seme preferito; una nota che in seguito attribuisce a una forma di selezione naturale.

Una nota segreta, ma oggi sappiamo che ha implicazioni enormi; Dopo aver lasciato che questi pensieri si stabilissero per un altro anno, ha finalmente riassunto le sue osservazioni in un’infografica ormai famosa chiamata The Tree of Life.

Sopra, il famoso Albero della Vita. © Stuart Roberts/Biblioteca dell’Università di Cambridge

Questo disegno, che ricorda un albero genealogico, occupa un posto speciale nella storia della scienza. Informalmente, è in una certa misura la tesi fondamentale della tassonomia e della biologia evolutiva. Questo stato sarà ufficializzato tra circa 20 anni, quando questo taccuino rosso diventerà una delle opere più importanti della storia, tutte le discipline si uniscono: Origine delle specie.

Daftrian è tornato dalla sfida?

Quindi questi due quaderni sono il materiale di base che ha permesso di creare una delle teorie più fondamentali di tutta la scienza. Oltre al suo eccezionale valore storico, ha quindi un grande valore economico; Molti collezionisti senza scrupoli non esiterebbero a sborsare diversi milioni di sterline per tali documenti.

READ  Corona virus in Francia: risultati per questo sabato 26 giugno

Ma fortunatamente, questi taccuini sono stati immediatamente inseriti in elenchi come PSYCHE o Art Loss Register. Si tratta di elenchi che di solito vengono utilizzati per tenere traccia delle opere d’arte rubate per evitare che vengano rivendute al di fuori dei canali ufficiali. Concretamente, il ladro avrebbe avuto difficoltà a sbarazzarsi di lui a meno che non fosse passato per il mercato nero.

Un caso che potrebbe aver contribuito alla restituzione dei taccuini… a meno che il ladro non si trasformi in un buon samaritano dopo aver contemplato quello che ha fatto per due decenni. Ma qualunque cosa accada, queste perle della biblioteca di Cambridge sono tornate a casa. E questa volta auguriamo tanto coraggio a chi vorrà avvicinarsi a lei; Sarebbe sicuramente necessario trasmettere il cadavere di Gardner e le sue forze, che non li lascerebbero partire con nessun pretesto!