Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Dopo l’accordo delle Isole Salomone, la Cina vuole che 10 paesi ratifichino un accordo globale dalla sicurezza alla pesca

L’Australia ha risposto alle pressioni della Cina affinché 10 nazioni del Pacifico firmino un nuovo accordo di sicurezza globale, poiché il Segretario di Stato Penny Wong e il suo omologo a Pechino iniziano viaggi diplomatici reciproci nella regione.

Wong dovrebbe volare alle Fiji giovedì per incontrare il primo ministro Frank Bainimarama, dove il ministro degli Esteri Wang Yi e una delegazione di 20 persone inizieranno a visitare più di sei paesi del Pacifico.

Le visite arrivano dopo che i rapporti sono stati rivelati Cina Vuole 10 piccoli Pacifico I paesi ratificano un accordo globale che copre tutto, dalla sicurezza alla pesca, in quello che un leader ha avvertito essere un tentativo “rivoluzionario” da parte di Pechino di strappare il controllo della regione.
Il ministro degli Esteri Penny Wong e il primo ministro Anthony Albanese si sono rivolti ai media in una conferenza stampa durante l’incontro dei leader del Quartetto a Tokyo. Foto: Alex Ellinghausen (Alex Ellinghausen)

“La Cina ha chiarito le sue intenzioni. Così come quelle del nuovo governo australiano”, ha detto Wong in una dichiarazione mercoledì, giurando di essere un visitatore abituale del Pacifico.

“Vogliamo aiutare a costruire una famiglia più forte nel Pacifico. Vogliamo portare nuova energia e più risorse nel Pacifico e vogliamo dare un contributo australiano unico, anche attraverso programmi di Azione per il Pacifico e nuove opportunità di immigrazione permanente”.

Wong ha detto in precedenza che la visita alle Fiji, la sua seconda missione già internazionale da quando ha prestato giuramento lunedì, ha dimostrato l’importanza che il governo entrante attribuisce alle relazioni dell’Australia con le Fiji e il resto della regione.

Una bozza di accordo ottenuta dall’Associated Press mostra che la Cina vuole formare agenti di polizia del Pacifico, cooperare nella “sicurezza tradizionale e non tradizionale” ed espandere la cooperazione con le forze dell’ordine.

La Cina vuole anche sviluppare congiuntamente un piano di pesca marittima – che includerà la proficua pesca del tonno nel Pacifico – aumentare la cooperazione nella gestione delle reti Internet della regione e istituire istituti e aule culturali Confucio.

Il ministro degli Esteri Wang Yi e una delegazione di 20 persone hanno iniziato a visitare la regione questa settimana. (Foto AP / Mar (AFP)

La Cina menziona anche la possibilità di istituire una zona di libero scambio con i paesi del Pacifico.

Wang sta visitando sette paesi che spera avallare la sua “Visione di sviluppo comune”: le Isole Salomone, Kiribati, Samoa, Fiji, Tonga, Vanuatu e Papua Nuova Guinea.

Wang sta anche tenendo incontri virtuali con gli altri tre potenziali firmatari: le Isole Cook, Niue e gli Stati Federati di Micronesia.

Si augura che i due Paesi ratifichino l’accordo precedentemente scritto nell’ambito di una dichiarazione congiunta dopo l’incontro previsto per il 30 maggio alle Fiji con i ministri degli Esteri di ciascuno dei 10 Paesi.

Ma il presidente della Micronesia David Panuelo ha scritto una lettera di otto pagine ai leader di altre nazioni del Pacifico dicendo che il suo paese non sosterrebbe il piano e avvertendo delle terribili conseguenze se altri lo facessero.

Il primo ministro delle Figi Yozaya Furiki Bainimarama (a sinistra) parla con il primo ministro cinese Li Keqiang durante una cerimonia di firma presso la Grande Sala del Popolo di Pechino nel 2017 (Foto Nicolas Asfouri / AFP / Pool) (AFP)

Nella sua lettera, ottenuta dall’Associated Press, Panuelo ha affermato che dietro le parole accattivanti dell’accordo come “equità” e “giustizia” c’erano molti dettagli inquietanti.

Tra le altre preoccupazioni, ha affermato, l’accordo apre le porte alla Cina per possedere e controllare le infrastrutture di pesca e di comunicazione della regione. Ha detto che la Cina potrebbe intercettare le e-mail e ascoltare le telefonate.

Nella sua lettera, Panuelo ha affermato che l’accordo “mira a trasformare quelli di noi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina molto vicine all’orbita di Pechino, collegando intrinsecamente le nostre intere economie e società”.

Ha avvertito che l’accordo aumenterebbe inutilmente le tensioni geopolitiche e minaccerebbe la stabilità regionale.

Nella sua lettera, Panuelo ha affermato che la visione dello sviluppo condiviso era “l’accordo più rivoluzionario proposto nel Pacifico in qualsiasi momento della nostra vita” e “minaccia di inaugurare al massimo un’era di nuova Guerra Fredda, e una guerra mondiale nel peggiore dei casi”.

FILE – Gli spettatori tengono la bandiera cinese mentre assistono alla cerimonia di apertura di Independence Street a Port Moresby, Papua Nuova Guinea, nel 2018 (AP Photo/Mark Schiefelbein) (AFP)

Panuelo ha rifiutato di commentare la lettera o l’accordo proposto.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha dichiarato mercoledì di non conoscere il messaggio di Panuelo.

“Ma non sono affatto d’accordo con l’argomento secondo cui la cooperazione tra la Cina e gli Stati insulari del Pacifico meridionale lancerà una nuova guerra fredda”, ha affermato.

Ha affermato che la Cina “ha una lunga storia di relazioni amichevoli con i paesi insulari del Pacifico meridionale” e ha fornito loro da tempo assistenza economica e tecnica senza alcuna restrizione politica.

Come alcuni altri paesi del Pacifico, la Micronesia si trova sempre più intrappolata tra gli interessi in competizione di Washington e Pechino.

La Micronesia intrattiene strette relazioni con gli Stati Uniti attraverso il Patto di Libera Associazione. Ma contiene anche quella che Panuelo descrive nella sua lettera come una “grande amicizia” con la Cina che spera continui nonostante la sua opposizione all’accordo.

Questo accordo ha sollevato timori che la Cina potesse inviare truppe nella nazione insulare o addirittura stabilire una base militare lì, non lontano dall’Australia. Le Isole Salomone e la Cina affermano che non ci sono piani per stabilire una base.

L’incontro del 30 maggio sarà il secondo tra Wang e i ministri degli Esteri delle Isole del Pacifico dopo aver tenuto un incontro virtuale lo scorso ottobre.

FILE – Il presidente di Kiribati Tanetti Mamao, a sinistra, e il presidente cinese Xi Jinping camminano insieme durante una cerimonia di benvenuto presso la Grande Sala del Popolo a Pechino, lunedì 6 gennaio 2020. La Cina vuole che 10 piccole nazioni del Pacifico accettino un accordo globale coprendo tutto, dalla sicurezza alla pesca, un leader ha avvertito che è un tentativo rivoluzionario di Pechino di strappare il controllo della regione. (Foto AP/Mark Schiefelbein, file) (AFP)

Coloro che seguono il ruolo della Cina nel Pacifico esamineranno la formulazione del progetto di accordo.

Tra le sue disposizioni: “La Cina organizzerà una formazione di polizia di livello medio e alto per i paesi delle isole del Pacifico”.

L’accordo afferma che i due paesi rafforzeranno la “cooperazione in materia di sicurezza convenzionale e non tradizionale” e “amplieranno la cooperazione nell’applicazione della legge, combatteranno congiuntamente la criminalità transnazionale e stabiliranno un meccanismo di dialogo sulla capacità di applicazione della legge e sulla cooperazione di polizia”.

L’accordo vedrà anche gli stati “estendere gli scambi tra governi, legislature e partiti politici”.

Il progetto di accordo afferma inoltre che i paesi del Pacifico “aderiscono fermamente” al principio della Cina unica, in base al quale Pechino considera Taiwan, un’isola democratica e autonoma, parte della Cina.

Rispetterà anche il principio di “non interferenza” che la Cina vede spesso come un deterrente per gli altri paesi che parlano dei loro precedenti in materia di diritti umani.

Perché la disputa sul Mar Cinese Meridionale è importante

L’accordo afferma che la Cina ei paesi del Pacifico svilupperanno congiuntamente un piano spaziale marino per “migliorare la pianificazione dell’economia marina, sviluppare e utilizzare razionalmente le risorse marine, in modo da promuovere lo sviluppo sostenibile dell’economia blu”.

La Cina ha anche promesso maggiori investimenti nella regione mobilitando capitali privati ​​e incoraggiando “le società cinesi più competitive e rispettabili a partecipare agli investimenti diretti nelle nazioni insulari del Pacifico”.

La Cina ha anche promesso di inviare consulenti, insegnanti e volontari cinesi nelle isole.

L’AP ha anche ottenuto una bozza di un piano d’azione quinquennale destinato a affiancare la Vision for Shared Development, che delinea una serie di incentivi immediati che la Cina sta offrendo alle nazioni del Pacifico.

Nel piano d’azione, la Cina afferma che attuerà completamente 2.500 sovvenzioni governative fino al 2025.

La bozza di piano afferma che “nel 2022, la Cina terrà il primo programma di formazione per giovani diplomatici dei paesi insulari del Pacifico, a seconda della situazione epidemica”, aggiungendo che la Cina terrà anche seminari sulla governance e la pianificazione per i paesi insulari del Pacifico.

Nella sua bozza di piano d’azione, la Cina afferma che costruirà laboratori di indagine criminale secondo necessità delle nazioni del Pacifico che possono essere utilizzati per test delle impronte digitali, autopsie e analisi forense elettroniche.

La Cina afferma che spenderà anche altri $ 2 milioni ($ 2,8 milioni) e invierà 200 medici nelle isole per aiutare a combattere il COVID-19 e promuovere la salute, e si impegna ad aiutare i paesi nei loro sforzi per combattere il cambiamento climatico.

READ  Kharkiv sotto attacco, Kiev si prepara a un nuovo conflitto, Joe Biden sbatte Vladimir Putin nel discorso sullo stato dell'Unione, Il tempo a Sydney peggiora, le vittime delle inondazioni del NSW a Lismore, Grafton, Ballina evacuate, Continuano le inondazioni di Brisbane