Dicembre 3, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Donare un corpo: The Core Reform – Editing

Alla fine del 2019, la stampa ha rivelato la sfortunata situazione del Centro per la donazione dei corpi dei Santi Padri dell’Università di Parigi Descartes. Edifici fatiscenti pieni di roditori, corridoi pieni di cadaveri in decomposizione … questo luogo elevato di necroscopia era più simile a una fossa comune che a un rifugio scientifico. rapporto Dai due ministeri di vigilanza (Solidarietà, Salute, Istruzione superiore, Ricerca e Innovazione) sono state rivelate le cause, tra cui un modello di gestione pernicioso, tecnici in ritardo e una gestione inattiva nonostante i numerosi avvertimenti dal 2012.

Dopo essere usciti dal silenzio, i donatori hanno messo in dubbio il loro gesto. Nell’Ile-de-France, le famiglie arrabbiate per il tradimento della loro generosità hanno formato un’associazione – Charnier Descartes, giustizia e dignità per i donatori – per chiedere un risarcimento legale. Studenti e professori che praticavano un’anatomia rispettosa ed etica erano inorriditi. Superati i sentimenti, tutti hanno voluto inquadrare meglio il gesto con regole comuni e unanime che recepissero le nuove aspettative della comunità.

Dai un significato

Dare, accettare e usare il nostro corpo significa affrontare la santità della morte e i rituali che la circondano. A volte una donazione può aumentare il dolore delle famiglie o, al contrario, ha senso lasciare la persona che ami. La donazione porta a un contratto etico che vincola il defunto e il professionista: in risposta al loro desiderio di rimanere utili dopo la morte, il professionista e le istituzioni che ne beneficiano sono tenuti ad essere irreversibili durante tutte le fasi, dalla registrazione dei donatori alla loro considerazione. I cadaveri si fanno pagare per il loro uso e tornano al funerale.

Non possiamo invocare le restrizioni finanziarie e organizzative dell’uso del corpo umano nell’insegnamento e nella ricerca per giustificare la sua inutilità e quindi la sua scomparsa. L’accesso ai corpi rimane essenziale: i modelli 3D, la realtà virtuale e le simulazioni digitali rimangono insufficienti per un’istruzione e una ricerca di qualità. Pertanto, per la formazione chirurgica, secondo il principio del “mai la prima volta sul paziente”, l’accesso ai corpi donatori è indispensabile. Complessità di anatomia, consistenza, dimensione emotiva e simbolica: niente può portare meglio ad apprendere il gesto corretto, prevenire errori, progettare un intervento chirurgico, strumento diagnostico, protesi e cercare un lavoro con benefici tangibili come l’accesso a questi corpi.

READ  Determinanti sociali di COVID

“Scienza”

In Francia, ciò che si intende per “scienza” deriva solo da una donazione fatta durante la sua vita a beneficio del centro di insegnamento e ricerca. Questo atto altruistico non viene compensato, nel rispetto del principio della libera donazione. Ventotto centri ricevono un totale di oltre 2.500 carcasse all’anno di forme eterogenee (università, associazione) e operano. Anche il loro finanziamento è variabile: le infrastrutture e il personale sono spesso responsabilità delle università; La cremazione è raramente il costo del trasporto e delle cerimonie. Ironia della sorte, i centri devono quindi compensare la mancanza di finanziamenti nazionali per un’attività che è comunque di interesse pubblico attraverso la partecipazione finanziaria dei donatori o attraverso le partnership, con il rischio di deriva commerciale e conflitti di interesse.

Ecco perché presentiamo sei proposte per fissare il dono della carne.

1. Istituire un Centro nazionale per la donazione di organi (CNDC) responsabile del coordinamento, della supervisione etica e finanziaria dei centri locali. I centri locali e il Centro nazionale saranno gestiti da consigli aperti della società civile (anatomisti, personale, rappresentanti della famiglia ed esperti indipendenti, in particolare in etica ed etica) e gestiti da anatomisti, sotto la supervisione del Ministero dell’Istruzione Superiore, della Ricerca e innovazione.

2. Rispetto delle regole etiche: non pagare la quota di donazione, utilizzare agenzie esclusivamente per la ricerca e l’istruzione, occultare l’identità durante le donazioni, rintracciare i corpi, ridursi in cenere e organizzare cerimonie d’onore.

3. Comunicare chiaramente ai donatori e incoraggiarli a coinvolgere le loro famiglie e designare una persona di contatto.

4. Rispettando l’inappropriatezza dell’autorità e l’eredità extra dell’organizzazione derivante dalla donazione, cioè rifiutando qualsiasi transazione finanziaria su quest’ultima, e consentendo alle università di imporre solo compensi alle industrie e ai partner per la fornitura di edifici, attrezzature pubbliche e dipendenti. Il reddito derivante da questo lavoro strettamente controllato sarà utilizzato per la ricerca e l’insegnamento di anatomia e tornerà alle scuole di medicina.

READ  Katherine Johnson, matematica alla conquista dello spazio

5. Adottare un modello economico omogeneo e sostenibile che garantisca completamente il budget dei centri di donazione locali. Oltre ai laboratori di anatomia e alle dotazioni universitarie, proverrà da finanziamenti nazionali dedicati e dalla partecipazione di potenziali donatori.

6. Migliorare lo status, i salari e le prospettive di carriera dei dipendenti nei centri di donazione del corpo e nei laboratori di anatomia e fornire loro una formazione qualificata sotto gli auspici del French Medical College of Anatomy Teachers (CMFPA).

Seguendo l’esempio degli scandali dell’Associazione per la ricerca sul cancro (ARC) che hanno portato alla carta della “Donazione Riservata”, il sangue è stato contaminato imponendo una riforma sull’organizzazione della donazione del sangue, il Centro di Parigi. Riforma strutturale della donazione di corpi. Il beneficio della donazione, l’etica del suo utilizzo e il suo finanziamento dovrebbero onorare il donatore e apprezzare il lutto per i suoi cari. La donazione dell’organizzazione è ora prevista dalla legge sulla bioetica, e donatori, famiglie, studenti ed educatori faranno in modo che queste proposte non rimangano sulla carta come i rapporti presentati a loro tempo ai Ministri dell’Istruzione Superiore e della Salute.

Firmatari: Patrick Paquet, PU-PH Anatomy, Preside della Facoltà di Medicina di Nizza – Università della Costa Azzurra, Presidente della Facoltà di Medicina Francese dei Professori di Anatomia; Alexander Boy RaggettVicepresidente incaricato delle considerazioni etiche dell’Associazione nazionale degli studenti di medicina della Francia; Lawrence David Moalitch, Figlia dei donatori (Nantes Amiens); Lawrence DeseleyAssociazione dei donatori di giustizia e dignità Charnier Descartes. Patrice DeutPU-PH, Preside della Facoltà di Medicina di Tours, Presidente della Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Medicina; Fabrice DuparcAnatomical PU-PH, Università di Rouen-Normandy, ex presidente della Società europea di anatomia clinica, membro del comitato del Programma federale internazionale di ricerca anatomica; Thierry Gillinard, Il donatore e il rappresentante eletto dei donatori, Tor; Morgan Judd Henrik, Presidente dell’Associazione Nazionale degli Studenti di Medicina della Francia; Jean-Jacques GinshardAssociazione dei donatori di giustizia e dignità Charnier Descartes. Philip MarrPU-PH, Presidente dell’Accademia Nazionale di Chirurgia; Gregoire Motel, PU-PH, Medicina legale e diritto sanitario, Specialista in questioni etiche in ambito sanitario, Direttore del Regional Ethical Thinking Space in Normandia, Membro del Comitato Etico Inserm.