Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Donare il corpo alla scienza: nonostante lo scandalo, non hanno perso la fiducia nella scienza

I promotori del progetto dell’Associazione nazionale per la donazione dei cadaveri, i cui statuti sono redatti in provincia, erano il 22 settembre, a Limoges, tra i relatori invitati dal Collegio medico francese dei professori di anatomia.

“Abbiamo preferito non sapere”

Jean-Jacques Guinchard è figlio e nipote di donatori. Nel 2006 e nel 2022, suo zio e sua zia sono stati assistiti senza incidenti presso il Centro di donazione di Lione. Ma i corpi dei suoi genitori, morti due anni dopo, furono donati al centro parigino di rue Saint-Pierre.

“Per mio padre, a fine 2015, ho ricevuto una lettera consolidata, in cui si affermava che il suo corpo utilizzato per le operazioni educative era stato cremato e le sue ceneri erano state disperse. Per mia madre, morta nel 2017, non avevo niente… Non so se la sua donazione è utile. Temo che anche il suo corpo non sia stato usato. Ma con i miei due fratelli, nonostante la rabbia, abbiamo preferito non sapere cosa fosse successo. A che serve, se non per renderlo ancora più doloroso…”

sebbene, Jean-Jacques Guinchard è uno dei 170 parenti che hanno sporto denuncia in questo caso spregevole. Fu anche tra i fondatoriCharnier Paris Descartes Società di giustizia e dignità for Donors (CDJD), che riunisce le famiglie delle vittime.

In che modo la Facoltà di Medicina di Limoges si prende cura dei cadaveri conferiti alla scienza

Pronto a fungere da “sala di formazione”

Thierry Gyllenard è nella lista dei donatori dal 2017. E nonostante lo shock, non ha cambiato idea. Perché conosce molto bene il centro di cui si occupa a Tours: “Uno dei più grandi in Francia, con una media di 250 donazioni all’anno”. Attualmente dirige ancheAssociazione del Centro Ovest per la donazione del corpoentrato in carica nel 2018.

NL {“path”:”mini-inscription”,”id”:”PC_Sante”,”accessCode”:”14189342″,”allowGCS”:”true”,”bodyClass”:”ripo_generic”,”contextLevel”:”KEEP_ALL “,”filterMotsCles”:”3|10|96|97″,”gabarit”:”generic”,”hasEssentiel”:”true”,”idArticle”:”4189342″,”idArticlesList”:”4189342″,”idDepartement “:”306″,”idZone”:”39577″,”motsCles”:”3|10|96|97″,”premium”:”true”,”pubs”:”banniere_haute|article”,”site”: “PC”,”sousDomaine”:”www”,”urlTitle”:”don-du-corps-a-la-science-malgre-le-scandale-ils-n-ont-pas-perdu-foi-en-la -Scienza”}

Questo impegno è alimentato da diverse esperienze: nuove cure sperimentate sul padre, malato di cancro nel 1986, problemi di salute della madre per dieci anni senza cure, e l’amputazione della gamba nel 2015. E anche da una forte convinzione: Perché la ricerca progredisca, per una buona formazione dei medici, hanno bisogno di un “materiale” per la praticaE questa non potrebbe essere la prima volta su un paziente. »

Quindi Thierry Gillenard è disposto a donare il suo corpo alla scienza in modo che possa essere utilizzato come “modello”, “pezzo di prova”. “Penso alle generazioni future”.

Dialogo con gli anatomisti

A lui interessa anche il futuro, Jean-Jacques Genchard. Ammette “più che in passato”. Quindi entrambi hanno unito le forze in una nuova dinamica: promuovere una migliore regolamentazione della donazione del corpo.

Hanno anche scelto di dialogare con gli anatomisti. Opzione a volte fraintesa. Jean-Jacques Guinchard ricorda: “Sono stato rimproverato, all’interno della Società Charnier di Parigi Descartes, per aver comunicato con persone essenzialmente sospette, che avrebbero potuto seminare Omerta. Volevo correre il rischio. Quando mi sono avvicinato agli anatomisti, ho visto che anche loro erano scossi da questo scandalo. Che oserei paragonare al sangue contaminato. Sentivano che si trattava di un tradimento professionale da parte del Tempio francese dell’anatomia, un luogo prestigioso, anche allora intoccabile…”

Con lo scandalo Thierry Guillenard e Jean-Jacques Guinchard si sono trovati coinvolti nella riforma del sistema, e hanno partecipato a una commissione che ha portato al decreto emanato il 27 aprile 2022. Un testo “abbastanza sciatto”, con “imprecisioni”, “incongruenze ” e “impossibilità legali”, che li lascia con un sentimento misto.

READ  Tunisia: Mechichi va al ministero della Salute e presiede una riunione sull'ipossia

“Dal male può venire il bene”

Ma l’approccio che li ha avvicinati molto. “All’inizio non andavamo sempre d’accordo, ma andavamo d’accordo”, dice Thierry Gillenard, che ammette di aver cambiato certi atteggiamenti.

“Quando ho deciso di donare il mio corpo dopo la mia morte, l’ho annunciato alla mia famiglia senza spiegazioni e ho capito grazie a Jean-Jacques che poteva essere difficile per lei e che era necessario passare un po’ di tempo a parlarne”.

Insieme hanno deciso di andare oltre, attraverso la creatività – con Nikola Naiditch, sociologo specializzato in materia e figlio di un benefattore -, Associazione nazionale per la donazione del corpo.

Obiettivi? Semplificare la vita ai donatori, tutelare i loro interessi, sostenere le famiglie, fornire informazioni pratiche… L’Assemblea Generale Costituente deve convocarsi entro la fine del 2022.

Jean-Jacques Guinchard riassume: “Dal male può nascere il bene”.

Helen Boomer