Novembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Donald Trump attacca Ivanka “ritirata” dopo aver ammesso di aver perso le elezioni

Il giorno dopo il comitato della Camera del 6 gennaio ha rivelato un videoclip mai visto Figlia dell’ex presidente Donald Trump e del suo consigliere capo, Ivanka Trumpaffermando di aver accettato la dichiarazione dell’allora procuratore generale Bill Barr secondo cui il Dipartimento di giustizia non aveva trovato alcuna frode sufficiente per annullare le elezioni, e l’ex presidente ha risposto dicendo che era stato “esaminato a lungo”.
“Ivanka Trump non è stata coinvolta nell’esame o nello studio dei risultati elettorali. Ha controllato i risultati delle elezioni molto tempo fa e, secondo me, stava solo cercando di rispettare Bill Barr e la sua posizione di procuratore generale (fa schifo!)” Trump ha scritto sulla sua piattaforma di social mediaVerità sociale.

Mentre Trump cerca di minimizzare il ruolo di sua figlia nella sua amministrazione al momento delle rivolte del 6 gennaio 2021, Ivanka Trump stava ancora accompagnando suo padre alla manifestazione alla Casa Bianca che ha preceduto l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, a sinistra, afferma che sua figlia Ivanka Trump è stata “tirata” e non stava esaminando i risultati delle elezioni. (GT)

In una clip della sua testimonianza andata in onda giovedì sera, a Ivanka Trump è stata chiesta la sua reazione quando Barr ha detto che non c’erano frodi elettorali diffuse.

“Ha influenzato il mio punto di vista”, ha detto Ivanka Trump. Ho rispettato il procuratore generale Barr, quindi ho accettato quello che stava dicendo”.

Ivanka Trump ha effettivamente incontrato il comitato ad aprile per quasi otto ore e la CNN aveva precedentemente riferito di aver corroborato la testimonianza critica di altri testimoni che affermavano che l’allora presidente era riluttante a cercare di respingere i rivoltosi nonostante le sue richieste in tal senso.

Il presidente del comitato Benny Thompson ha detto alla CNN delle interviste del comitato con Ivanka Trump e suo marito, Jared Kushner.

La testimonianza invisibile di Ivanka Trump è apparsa all'audizione della commissione in prima serata il 6 gennaio.
La testimonianza invisibile di Ivanka Trump è apparsa all’audizione della commissione in prima serata il 6 gennaio. (AFP)

“Quindi, a questo proposito … siamo stati in grado di riempire sistematicamente, attraverso la nostra testimonianza e interviste con altri testimoni, molte lacune”, ha detto Thompson.

Il pannello ha anche fatto riferimento alla dichiarazione chiusa di Barr, in cui ha affermato che le accuse di Trump erano “tori”. Barr, che si è dimesso nel dicembre 2020, ha affermato che parte del motivo per cui ha lasciato l’amministrazione Trump era dovuto alle false accuse di frode di Trump (sebbene all’epoca non lo avesse dichiarato pubblicamente).

“Ho chiarito che non sono d’accordo con l’idea di dire che le elezioni sono state rubate e di mettere giù queste cose, che ho detto al presidente erano una stronzata”, ha detto Barr nella trasmissione video del comitato giovedì.

6 gennaio: il giorno che ha scosso la democrazia americana

READ  Il comitato della Camera degli Stati Uniti che indaga sull'attacco al Campidoglio convocato ai servizi segreti per aver "cancellato" i messaggi