Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Djokovic lascia l’Australia, ma le polemiche continuano nella saga dei vaccini

L’Australia ha preso la sua decisione, ma le opinioni in tutto il mondo rimangono divise su Novak Djokovic e se dovrebbe essere autorizzato a competere agli Australian Open nonostante non sia stato vaccinato contro il COVID-19.

Domenica, in un centro di tennis a Phoenix, il dipendente Stan Taylor ha detto che la lobby era piena di una sola domanda quando sono arrivati ​​i giocatori: “Cosa ne pensi di Novak Djokovic?”

Non c’era consenso sul fatto che il primo giocatore maschile avesse tentato di manipolare il sistema nella sua ricerca di un’esenzione dalle rigide regole di vaccinazione australiane o avesse il diritto di difendere il suo titolo agli Open del mondo. Alla fine il ministro dell’immigrazione del Paese ha annullato il visto per motivi di interesse pubblico e Djokovic è stato espulso Domenica.

Taylor ha detto che sapeva che Djokovic preferiva metodi non convenzionali Per tutta la vita, ma ha voluto vedere la stella del tennis mostrare la sua leadership nel dibattito polarizzante sul vaccino contro il COVID-19.

“Adoro vederlo combattere”, ha detto Taylor, che vive a Phoenix e segue da vicino la storia. “L’ho visto strappare la vittoria dalla bocca della sconfitta… Quindi ama il gioco, ma questa cosa non era qualcosa che meritava. Ha scelto la battaglia sbagliata e ha perso”.

A Djokovic è stata concessa un’esenzione dalle regole di vaccinazione per giocare agli Australian Open, sulla base di una precedente infezione con il Corona virus. Ma all’arrivo, i funzionari di frontiera hanno affermato che l’esenzione non era valida e si sono mossi per espellerla, innescando una battaglia legale di 10 giorni e un dramma politico in corso.

READ  L'irruzione negli uffici della Juventus, mentre il club indagava su irregolarità finanziarie

Djokovic ha un sostegno schiacciante dalla sua nativa Serbia, il cui capo ha detto che l’Australia si è imbarazzata e ha esortato il suo connazionale a tornare dove è il benvenuto.

Alcuni hanno anche considerato il tennista un eroe del movimento anti-vaccino. Un manifestante tiene in mano un poster a sostegno della star del tennis durante una manifestazione nei Paesi Bassi domenica.

Altri si sono affrettati a criticare. Uno dei più grandi tennisti italiani, Adriano Banata, ha descritto l’espulsione di Djokovic dall’Australia come “la conclusione più naturale in questo caso”.

Non capisco come l’Australia possa aver concesso il visto. “Ha commesso grandi errori, creando una causa internazionale quando avrebbe potuto farne a meno”, ha detto Banata all’agenzia di stampa italiana La Presse.

Nel frattempo, la tennista francese Alice Cornet ha espresso la sua simpatia per il mantenimento dell’arbitro.

“So troppo poco per giudicare la situazione”, ha scritto su Twitter. “Quello che so è che Novak è sempre il primo a difendere i giocatori. Ma nessuno di noi gli è stato vicino. Sii forte”.

Il britannico Andy Murray ha detto che spera che una situazione del genere non si ripeta al prossimo torneo.

A questo punto, Djokovic potrebbe ancora giocare nel prossimo torneo del Grande Slam, l’Open di Francia di maggio e giugno, se le regole del virus non sono cambiate prima di allora. Il ministro dello sport Roxana Marasinho ha confermato all’inizio di questo mese che Djokovic si qualificherà per una “bolla sanitaria” che consentirà ai giocatori che non sono immuni di allenarsi e giocare.

Lo stesso potrebbe valere per Wimbledon. L’Inghilterra ha consentito l’esenzione da vari regolamenti sul coronavirus per gli atleti in visita, se rimangono nel loro alloggio quando non stanno gareggiando o non si allenano. La US Tennis Association, che gestisce gli US Open, ha affermato che seguirà tutte le regole stabilite dai governi federale, statale e locale in merito allo stato di vaccinazione.

READ  Pronostici tra Inter e Salernitana, quote, come vederli, diretta: 4 marzo 2022 Pronostici Serie A

Dillon McNamara, che gestisce un’accademia di tennis a Las Vegas, ha detto che le apparizioni di Djokovic in quei tornei piaceranno sicuramente a coloro che vogliono vedere giocare grandi giocatori.

“Non sono affatto un fan di Novak Djokovic… ma mi sarebbe davvero piaciuto vederlo giocare”, ha detto, sostenendo che gli Australian Open avrebbero potuto mettere in atto misure per mantenere il torneo al sicuro oltre a vietare i non vaccinati .

Forse c’è solo una cosa su cui tutti possono essere d’accordo. Come ha detto Murray, “Non è mai stata una buona situazione per nessuno”.

___

Libro dell’Associated Press Joseph Wilson a Barcellona, ​​Spagna; Howard Fendrich di Washington. Dusan Stojanovic a Belgrado, Serbia; Rob Harris e Sylvia Hoy da Londra; Jerome Bogmer a Parigi; Francis Demeglio a Roma ha contribuito a questa storia.