Settembre 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Divieto sulle navi della Marina australiana non confermato

Il Dipartimento della Difesa non è stato in grado di confermare oggi i rapporti secondo cui alle navi da guerra australiane verrà negato l’accesso alle acque circostanti Isole Salomone Dopo aver vietato le visite alle navi della marina straniera.

News Corp ha riferito oggi che le navi della Royal Australian Navy facevano parte del divieto alle navi militari straniere

Le Isole Salomone hanno chiesto ai paesi di non inviare navi militari nella nazione del Pacifico meridionale fino a quando le procedure di approvazione non saranno state fissate, tra le preoccupazioni per un nuovo patto di sicurezza tra le Isole Salomone e la Cina.

La scorsa settimana Oliver Henry ha cancellato un viaggio programmato in porto alle Isole Salomone a causa di ritardi burocratici. (Governo delle Isole Salomone)

Il governo ha presentato la richiesta dopo che la Guardia Costiera degli Stati Uniti è stata tagliata fuori Oliver Henry La motovedetta navale britannica HMS spiare Gli scali programmati sono stati cancellati la scorsa settimana a causa di ritardi burocratici.

Un portavoce del ministero della Difesa australiano non è stato in grado di confermare a 9News se all’Australia fosse stato chiesto di interrompere le visite navali.

“I permessi diplomatici per visitare le navi straniere sono una questione del governo delle Isole Salomone”, hanno affermato.

“L’Australia apprezza la nostra posizione di primo partner preferito per la sicurezza e lo sviluppo delle Isole Salomone.

“L’Australia e le Isole Salomone hanno una lunga e profonda storia di coinvolgimento nel settore marittimo e ci impegniamo a lavorare insieme per supportare le esigenze di sicurezza marittima delle Isole Salomone e la sicurezza collettiva del Pacifico blu”.

Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna temono che le Isole Salomone stiano costruendo relazioni diplomatiche e di sicurezza più strette con la Cina. Potrebbe portare alla costruzione di una base navale cinese nella nazione del Pacifico. (AFP)

All’inizio di questa settimana, il governo delle Isole Salomone ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava: “Abbiamo chiesto ai nostri partner di darci il tempo di rivedere e implementare le nostre nuove procedure prima di inviare ulteriori richieste per l’ingresso di navi militari nel Paese”.

Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna sono tra i paesi preoccupati che un nuovo accordo di sicurezza con Pechino possa portare alla creazione di una base navale cinese a meno di 2.000 miglia dalla costa nord-orientale dell’Australia.

Il primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavari ha affermato che i nuovi processi per la visita di navi militari straniere si applicheranno a livello globale a tutti i paesi.

Anche il segretario alla Difesa Richard Marles non è stato in grado di confermare se alle navi della Royal Australian Navy fosse ora vietato l’ingresso nelle Isole Salomone.

“In definitiva, queste decisioni spettano al governo delle Isole Salomone”, ha detto alla ABC.

Manasseh Sogavari, Primo Ministro delle Isole Salomone.
Il primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavari ha affermato che sono in corso di elaborazione nuove procedure per la visita di navi militari straniere. (AFP)

“Sono fiducioso che se faremo il lavoro come nazione, saremo il partner preferito per le Isole Salomone e faremo il lavoro”, ha detto Marlis.

Quando gli è stato chiesto se avesse chiesto chiarimenti alle Isole Salomone, Marlis ha detto che c’erano “colloqui in corso” con Honiara.

Segnalato dall’Associated Press

La Cina accusa gli Usa di “bullismo di navigazione”

READ  I funzionari hanno confermato che un Boeing 737-800 nella Cina orientale ha avuto 132 incidenti a bordo