Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Diversi siti di notizie australiani internazionali sono inattivi tra cui BBC, New York Times, SMH, Age

I clienti sono stati avvertiti che stavano ancora riscontrando problemi dopo che una sfilza di siti web nazionali e internazionali si sono bloccati all’unisono martedì sera, tra cui il New York Times, la CNN e la BBC.

Anche The Verge, Financial Times e Bloomberg hanno subito interruzioni di quasi un’ora, mentre The Guardian, Nine, SMH e The Age sono stati colpiti localmente, inclusi Channel 10 e 10 online. Gli utenti hanno anche segnalato problemi con il 7Plus.

L’interruzione ha raggiunto i siti Web della Casa Bianca e il sito Web del governo del Regno Unito – gov.UK.

Anche il gigante della vendita al dettaglio Amazon, Reddit, Netflix, Pinterest, Twitch, PayPal e Shopify sono stati colpiti.

Sembra che i siti Web di News Corp non siano stati interessati dall’interruzione.

Relazionato: La prima pagina del New York Times rivela l’orrore

Relazionato: La BBC riceve 110.000 lamentele sulla copertura

Gli investigatori di Internet hanno parlato di un “attacco grave”, ma l’interruzione è stata dovuta al provider del data center, Fastly, con sede a San Francisco.

La maggior parte degli utenti riceveva messaggi di “errore 503” durante il tentativo di accedere ai siti e, durante l’applicazione della correzione, gli utenti venivano avvisati che potevano “continuare a riscontrare riscontri bassi nella cache e sovraccarichi di risorse al ritorno dei servizi globali”.

“Quando interruzioni così massicce colpiscono Internet, vengono generalmente ricondotte a un fornitore di servizi centrale, come AWS”, ha affermato The Verge, che è stato costretto a comunicare attraverso. documenti Google.

In questo caso, il problema sembra essere causato da una società chiamata Fastly, che fornisce servizi CDN (Content Delivery Network) a molti siti Web.

READ  Il principe Carlo dice ai giovani agricoltori familiari di unirsi

The Age ha confermato che i team tecnici in nove pubblicazioni, “incluso questo masthead, hanno confermato che il problema è correlato al fornitore CDN Fastly”.

I CDN sono reti di server “spaziati graficamente”, che “contribuiscono a ridurre i ritardi nel caricamento dei contenuti delle pagine Web, riducendo la distanza fisica tra server e utenti”, secondo The Australian’s David Swan.

Questi server si trovano in “data center” in tutto il mondo, collegati tramite cavi sottomarini.

Fastly è uno dei quattro provider di hosting che si occupano di CDN, Akamai, Cloudflare e Amazon Web Services, essendo gli altri tre.

sul suo sito web, Velocemente Ha detto: “Il problema è stato identificato e risolto. I clienti potrebbero riscontrare un sovraccarico di risorse quando i servizi globali ritornano. “

I siti hanno iniziato a tornare, ma rapidamente non sono riusciti a indicare cosa fosse successo in primo luogo.