Maggio 25, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Diversi esportatori britannici affermano che l’accordo commerciale sulla Brexit sta danneggiando gli affari; L’aumento dei prezzi è all’orizzonte. Aumentano le richieste di disoccupazione negli Stati Uniti | Affare

Buongiorno e benvenuti alla nostra rinnovata copertura dell’economia globale, dei mercati finanziari, dell’eurozona e delle imprese.

Le aziende britanniche chiedono al governo un maggiore aiuto per esportare in Europa, dopo che un nuovo studio ha rilevato che molte aziende ritengono che l’accordo commerciale dell’UE non le stia aiutando a crescere o aumentare le vendite.

La British Chambers of Commerce (BCC) ha intervistato 1.000 aziende e ha scoperto che la maggior parte ha affermato di aver creato problemi come l’aumento dei costi, l’aumento delle scartoffie e dei ritardi e lo svantaggio competitivo del Regno Unito.

Solo l’8% delle aziende ha convenuto che un accordo commerciale e di cooperazione (TCA) “consente alla propria attività di crescere o aumentare le vendite”, mentre il 54% non è d’accordo.

Per gli esportatori britannici, il 12% (o solo uno su otto) ha convenuto che il TCA li aiuta, mentre il 71% non è d’accordo.

La BCC ha ricevuto 59 commenti sui vantaggi del TCA, concordati alla vigilia di Natale 2020, tra cui:

  • Ha permesso ad alcune aziende di continuare a fare trading senza molti cambiamenti
  • Ha incoraggiato le aziende a guardare ad altri mercati globali
  • Ha fornito stabilità per consentire alle aziende di pianificare.

Ma quel numero superava i 320 commenti che criticavano l’accordo, come ad esempio:

  • Ciò ha comportato costi più elevati per le aziende e i loro clienti
  • Le piccole imprese non avevano tempo e denaro per affrontare la burocrazia che hai introdotto
  • Ha impedito ai clienti dell’UE di prendere in considerazione beni e servizi britannici, a causa dei costi e delle complessità percepiti.

William PayneResponsabile della politica commerciale presso bccHa affermato che le aziende più piccole stanno soffrendo particolarmente del cambiamento nelle relazioni commerciali tra Regno Unito e UE.


“Questa è l’ultima ricerca BCC che mostra chiaramente che ci sono problemi con l’accordo commerciale dell’UE che devono essere migliorati.

“Quasi tutte le aziende in questa ricerca hanno meno di 250 dipendenti e queste piccole aziende stanno risentendo maggiormente dei nuovi oneri di TCA.

“Molte di queste aziende non hanno il tempo, il personale o il denaro per gestire le pratiche burocratiche aggiuntive e l’aumento dei costi associati al commercio nell’UE e non possono permettersi di creare una nuova base in Europa o pagare intermediari per rappresentarla”.

La BCC ha avanzato una serie di suggerimenti, comprese iniziative per ridurre la complessità delle esportazioni di cibo e per affrontare le restrizioni sui viaggi e sulle attività lavorative nell’Unione europea.

La scorsa settimana, i parlamentari sul controllo della spesa del Parlamento hanno avvertito che la burocrazia della Brexit stava danneggiando il commercio della Gran Bretagna con l’Unione Europea. Temono che la situazione possa peggiorare a meno che il governo non collabori con Bruxelles per ridurre i disagi ai porti del Regno Unito,

Un portavoce del governo ha affermato, tuttavia, che le aziende stanno ricevendo supporto per aiutare con i cambiamenti della Brexit:


L’accordo commerciale e di cooperazione è il più grande accordo di libero scambio al mondo senza tariffe e senza quote. Le aziende in Gran Bretagna possono commerciare liberamente con l’Europa, pur essendo in grado di cogliere nuove opportunità commerciali con paesi di tutto il mondo.

“Siamo sempre stati chiari sul fatto che essere al di fuori del mercato unico e dell’unione doganale significherà cambiamenti e che le aziende dovranno adattarsi a nuovi processi. Questo è il motivo per cui garantiamo alle aziende il supporto di cui hanno bisogno, anche attraverso la nostra libertà di utilizzare il servizio di supporto per l’esportazione.

“Le esportazioni di merci verso i paesi dell’UE sono state del 4% in più l’anno scorso rispetto al 2020. Tuttavia, data la pandemia di Covid-19, la recessione globale e l’interruzione della catena di approvvigionamento, è ancora troppo presto per trarre conclusioni definitive sugli effetti a lungo termine di un nuovo rapporto commerciale con l’UE. Unione Europea”.

Ma ci sono prove di un commercio debole nel Regno Unito negli ultimi anni. Le esportazioni di beni del Regno Unito verso l’Unione Europea sono diminuite di 20 miliardi di sterline lo scorso anno rispetto all’ultimo periodo di commercio stabile con l’Europa, secondo i dati ufficiali che segnano il primo anno intero dalla Brexit.

Altrove oggi, ci sono aziende come annidarsi, rickett Benckiser e Standard noleggiato I risultati sono riportati.

Il benchmark europeo dovrebbe aprire leggermente al ribasso, con una forte attenzione alla crisi ucraina.

Lo hanno detto gli Stati Uniti Russia Ha dispiegato altri 7.000 soldati al confine, mentre l’Ucraina ha negato le accuse dei separatisti sostenuti dalla Russia di aver lanciato attacchi di mortaio sul loro suolo.

Il primo squillo
(primo Squawk)

L’Ucraina nega le posizioni da scellino dei separatisti nell’Ucraina orientale


17 febbraio 2022

IGSquawk
(IGSquawk)

Inaugurazione europea:#FTSE 7565 -0,51%#DAX 15276 – 0,61%#CAC 6915 – 0,71%# ASCIA 750 – 1,11%#MIB 26738 -0,86%#carib 8677 – 0,69%#OMX 2251 – 0,53%#SMI 12153 – 0,32%#STOXX 4105 – 0,79%#IGOpeningChiama


17 febbraio 2022

programma di lavoro

  • 7:00 GMT: Nuove immatricolazioni di auto europee per gennaio
  • 9.3 GMT: l’indagine settimanale dell’Ufficio nazionale di statistica sull’attività economica e il cambiamento sociale
  • 13:30 GMT: permessi di costruzione mensili statunitensi per gennaio
  • 13:30 GMT: numeri settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti

READ  Più di 1.200 migranti arrivano sull'isola italiana in barca