Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Dieci personaggi raccontano la loro commozione cerebrale | Commozioni cerebrali e sport

Un nuovo libro raccoglie le testimonianze di personaggi dello sport, oltre che di circoli artistici, che hanno subito una commozione cerebrale. Include, tra gli altri, le storie di Alexander Despati, Sebastian Tottant, Marianne Saint Gillais, Elise Marquez e Isabel Richter.

In questo libro, gli studiosi Véronik Sicard, William Archambault e il dottor Dave Ellemberg colgono l’occasione per spiegare, analizzare o promuovere ciò che questi personaggi hanno assistito.

La nostra collega di Radio-Canada Sports Diane Sauvé è anche una coautrice di questo libro.

Abbiamo parlato con il coautore William Arcampault, che è uno studente di dottorato presso il Laboratorio di neuroscienze dello sviluppo, esercizio e visione presso l’Università di Montreal e docente presso la McGill University.


S. Sei uno specialista in commozione cerebrale, cosa ti ha colpito o notato mentre partecipavi a questo libro?

A: Quello che ho notato personalmente è che poiché ci sono molte informazioni condivise mentre la scienza si evolve e mentre ci sviluppiamo in uno shock, molte delle persone che hanno condiviso queste informazioni con noi non erano a conoscenza di tutto.

Conoscevano pochissimi pezzi qua e là, e variavano molto in base alla loro esperienza e al tipo di seguito che avevano. Sì, ne sappiamo di più. Ma allo stesso tempo le informazioni non arrivano dappertutto.

Mi ha fatto capire che non siamo tutti uguali quando si tratta di commozione cerebrale.


D: Anche se non ne parliamo da alcuni anni e poiché la commozione cerebrale è invisibile, rimane un mistero per molte persone?

R. Certamente. Disegno molte delle somiglianze tra commozioni cerebrali e problemi di salute mentale. Perché hanno la proprietà di essere invisibili. C’è ancora molto stigma sulla salute mentale e alle persone che soffrono di depressione, ansia o schizofrenia a volte viene detto che è solo nelle loro teste. Le persone con una commozione cerebrale sono le stesse. Sentono lo stesso tipo di incomprensione.

READ  La bandiera è davanti ai tribunali

Penso che nella classe di Heidi Hollinger, i suoi figli abbiano avuto difficoltà a capire perché la loro madre fosse così a corto di energia e incapace di prendersi cura di loro. Mostra quanto sia difficile capire gli altri. È anche difficile comprenderlo per chi lo vive. Rimane un mistero per noi scienziati ed esperti, quindi immagino quanto sarebbe misterioso per gli altri.


D: Le testimonianze mostrano le somiglianze, ma anche tutti possono sperimentare la loro commozione cerebrale in modo diverso.

A: Spero che questo sia ciò che il nostro libro sarà in grado di spiegare. Diciamo che ogni commozione cerebrale è unica. La persona A e la persona B possono avere una commozione cerebrale e saranno diverse.

Anche per la persona A, che ha avuto una commozione cerebrale nel 2020 e ha un’altra commozione cerebrale nel 2022, la seconda commozione cerebrale sarà diversa dalla prima. Letteralmente, ogni commozione cerebrale è diversa.


S. La capacità di analizzare o spiegare situazioni specifiche di figure sportive o artistiche aiuta la tua promozione a funzionare?

A: Di sicuro aiuta. Raggiungeremo un pubblico più ampio. C’è molta attenzione sulla commozione cerebrale nello sport. Ci sono molti rischi e ne sentiamo parlare molto a causa della popolarità dell’hockey o dei giocatori di calcio. Ma ci sono molti scossoni in altri sport meno popolari.

Quando si cercano artisti, persone del mondo culturale o giornalistico, questo indica che colpisce tutti. Tanto quanto è un atleta della domenica, che gioca a hockey league in casa, o qualcuno che corre o cammina con il suo cane. Ho sentito che qualcuno ha avuto una commozione cerebrale perché il loro cane ha iniziato a correre dietro a qualcosa, e la persona è inciampata e ha battuto la testa. Non era una persona molto atletica. Mostra che può succedere a chiunque.

READ  Fantascienza e studi di genere - Seminario di dottorato in SF - Sessione 3 - ActuSF

Stiamo gettando una rete più ampia, democratizzando un piccolo stigma nel senso che non solo gli atleti ce l’hanno, ma può essere chiunque.


D: Abbiamo fatto molta strada scientificamente, ma c’è ancora molto da fare?

A: Questa è la bellezza della ricerca. Ogni volta che rispondi a una domanda di ricerca, dovresti avere una dozzina di popup in più. Non dovremmo mai arrivare alla fine di tutto questo, questa è scienza.

È un progresso continuo. Quindi mettiamo lì la nostra energia. Penso che questo tipo di certificazione provenga da una parte della ricerca che è ricerca qualitativa ed è più importante per le scienze sociali. In campo medico, siamo più interessati ai numeri e alle cose oggettive.

Dobbiamo trarre vantaggio guardando gli esperimenti per darci ipotesi: Bene, potrebbe esserci questo aspetto che abbiamo sottovalutato, di cui le persone ci parlano, e non viene mostrato sui nostri schermi, e forse possiamo creare nuovi strumenti per misurarlo.


D: C’è un misto di certificazione, analisi scientifica e anche qualche consiglio. Possiamo definire un libro come questo?

A: Lasciamo che i personaggi parlino delle loro esperienze. Abbiamo chiesto loro di condividere i loro consigli, suggerimenti e tipi di trattamenti a cui potevano accedere. Sicuramente noi, insieme ai miei colleghi Veronique (Sicard) e al Dr. Dave Elberg, abbiamo fatto la differenza. Ad esempio, Simon Gagné afferma di aver eseguito un trattamento in camera iperbarica. Sembra un piccolo sacco a pelo e aumenta la pressione in quell’ambiente per un più alto livello di ossigenazione.

Queste sono macchine che costano una fortuna, e il signore e la signora Non tutti hanno accesso a quello. È qui che veniamo a prendere le sfumature, sì. Hanno accesso a cose che la maggior parte delle persone non può permettersi.

Ma c’è anche una scienza incerta, proprio perché non sono molte le persone che hanno avuto accesso a queste cure. Non è certo che funzioni per tutti, ma è importante dire che ci sono cose da provare e che potrebbero esserci dei lead. Queste tecnologie saranno democratizzate e quelle che opereranno secondo standard scientifici, saremo in grado di consigliarle. Per altri diremo: Buon tentativo, ma migliore fortuna la prossima volta.


D: Nella descrizione del libro puoi leggere la parola speranza. È importante per te confermare che si può riprendersi da una commozione cerebrale?

un. Certamente! Ci sono due gruppi, quelli che non hanno mai avuto una commozione cerebrale prima. Non hanno davvero alcuna esperienza con esso e ci sono molte incognite. Sentiamo parlare dei casi più pericolosi, ma è in minoranza e la maggior parte dei casi non è così grave. Ma è comunque importante. Devono stare con loro, perché non sanno davvero dove finisce il tunnel. Può dare loro speranza.

READ  Seminario: membri della piattaforma sanitaria Mama Na Moana in formazione.

La seconda categoria è una minoranza di persone sfortunate che hanno commozioni cerebrali più complesse e complicazioni che durano più a lungo. Si trovano innaturali. Dicono a se stessi: Conosco qualcun altro che è guarito in tre o quattro giorni. Sono passate tre o quattro settimane e non ho ragione. Cosa mi sta succedendo?

Ci sono molti dubbi anche là fuori e speriamo di dare loro speranza. Ci sono alcuni che sono più alti per loro, altri che sono più bassi per loro e sono tutti unici. Devi solo prenderti cura di te stesso. Dopodiché, non controlliamo necessariamente il resto.

Il libro delle commozioni cerebrali: dieci personalità testimoni, spiegano gli studiosi.

Foto: cortesia: Flammarion

Commozione cerebrale: dieci personalità testimoniano, spiegano gli scienziati

Flammarion Quebec, 2021