Agosto 10, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Dichiarazione dei ministri degli Esteri del G7 sulla sicurezza energetica

Noi, Ministri degli Esteri di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti d’America e Alto Rappresentante dell’Unione Europea, siamo fermi nella nostra condanna della brutale, ingiustificata e ingiustificata Russia. Una guerra illegale di aggressione contro l’Ucraina. Condanniamo e non riconosceremo i continui tentativi della Russia di ridisegnare i confini con la forza. Questa è una flagrante violazione del diritto internazionale, in particolare una grave violazione della Carta delle Nazioni Unite, e mina gravemente l’ordine internazionale basato sulle regole. Ribadiamo la nostra richiesta che la Russia metta fine a questa guerra scelta, cessi immediatamente e incondizionatamente tutte le ostilità e ritiri le sue forze e l’equipaggiamento militare dall’intero territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti.

Condanniamo anche i tentativi russi di armare le sue esportazioni di energia e di utilizzare l’energia come strumento di coercizione geopolitica. Quindi la Russia non è un fornitore affidabile di energia. Lavoreremo in solidarietà e in stretto coordinamento per mitigare l’impatto delle interruzioni dell’approvvigionamento sulle economie e sui cittadini a livello globale e nei nostri paesi, in particolare al fine di proteggere i gruppi vulnerabili. Stiamo lavorando per garantire che la Russia non approfitti della sua posizione di produttore di energia per trarre vantaggio dalla sua aggressione a spese dei paesi deboli. Ci baseremo sulle misure che abbiamo adottato di recente per garantire l’approvvigionamento energetico, stabilizzare i mercati e mitigare gli aumenti dei prezzi dell’energia guidati dalle azioni della Russia e da condizioni di mercato insolite. Ciò include i nostri sforzi per ridurre la nostra domanda di energia russa e il nostro sostegno alle azioni volontarie collettive dell’AIE. Rimaniamo impegnati a diversificare le nostre fonti di energia e risorse e incoraggiamo mercati energetici competitivi, affidabili e convenienti che siano trasparenti e aderiscano a standard ambientali, sociali e di governance elevati. Ribadiamo il nostro sostegno a un’ambiziosa e rapida transizione globale dell’energia pulita verso lo zero netto entro il 2050, coerentemente con il limite di riscaldamento di 1,5°C e l’attuazione della Carta del clima di Glasgow. Ciò è necessario per raggiungere i nostri obiettivi comuni nei settori del clima, della sicurezza e della ripresa economica. Prima raggiungeremo questa trasformazione, più sicure saranno le nostre comunità.

READ  Sandbox italiano: la prima finestra dell'applicazione si aprirà presto | Hogan Lovells

Continuiamo a esplorare ulteriori misure per impedire alla Russia di beneficiare della sua guerra di aggressione e per ridurre la capacità della Russia di fare la guerra. Man mano che eliminiamo gradualmente l’energia russa dai nostri mercati nazionali, cercheremo di sviluppare soluzioni che riducano i ricavi degli idrocarburi russi, sostengano la stabilità nei mercati energetici globali e riducano al minimo gli impatti economici negativi, in particolare sui paesi a basso e medio reddito. Rimaniamo impegnati a prendere in considerazione una serie di approcci, comprese le opzioni per un divieto totale di tutti i servizi che consentono il trasporto marittimo di petrolio greggio russo e prodotti petroliferi a livello globale, a meno che il petrolio non sia acquistato al prezzo o al di sotto del prezzo concordato in consultazione con i partner internazionali . Nel considerare questa e altre opzioni, prenderemo in considerazione anche i meccanismi di mitigazione insieme alle nostre misure restrittive per garantire che i paesi più vulnerabili e colpiti mantengano l’accesso ai mercati energetici, inclusa la Russia.

Ridurremo la nostra dipendenza dall’energia nucleare civile e dai beni correlati provenienti dalla Russia e aiuteremo i paesi che cercano di diversificare le loro forniture. In tutte queste azioni, ci sosterremo a vicenda e coordineremo le nostre azioni per preservare l’unità del G7 e per migliorare la sicurezza della nostra energia e resilienza collettiva. Accogliamo con favore gli sforzi dei partner volti a ricostituire le riserve di gas e ad aumentare la sicurezza e la resilienza energetica, in mezzo alla crescente militarizzazione energetica della Russia. Allo stesso tempo, continueremo i nostri sforzi con i nostri partner in tutto il mondo per rendere il risparmio energetico e l’efficienza una priorità globale.

Rimaniamo saldi nella nostra solidarietà con l’Ucraina e riaffermiamo il nostro fermo impegno a sostenere il governo e il popolo ucraino nella loro valorosa difesa della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina e nella loro lotta per un futuro pacifico, prospero e democratico.

READ  rinnovamento vespa | Financial Times