Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Di che colore sono i dinosauri? Scopri come la scienza risolve questo enigma

Sono passati più di vent’anni da quando abbiamo scoperto che il colore dei dinosauri, così come la disposizione fisica, non si limitavano alle “lucertole” marroni o grigio scuro, e che infatti non solo alcuni di loro avevano capelli e piume, la maggior parte degli antichi gli animali che governavano la terra avevano colori vivaci e meravigliosi.

Oggi abbiamo già molti dati scientifici sull’aspetto della maggior parte dei dinosauri, ma come siamo arrivati ​​a questa conclusione? Inoltre, come possiamo determinare la verità di questo giorno?

Leggi anche

Contrariamente alle affermazioni della cultura popolare, i dinosauri avevano colori brillanti e sappiamo esattamente come distinguerli grazie alle microscopiche sacche di melanina trovate nei fossili (Foto: Danielle Eskridge/)

Ebbene, la risposta sta negli animali contemporanei e in alcuni dei loro antenati, secondo Jacob Venther, professore associato di macroevoluzione all’Università di Bristol nel Regno Unito. In un’intervista a LiveScience, ha spiegato come l’ha scoperto per caso.

“Stavo analizzando l’inchiostro fossilizzato di calamari e polpi antichi”, ha detto l’esperto. “Sono state sorprendentemente ben conservate. Puoi estrarre l’inchiostro da una vera seppia o da un polpo comprato in galleria e osservarlo al microscopio elettronico: vedrai delle palline perfettamente rotonde. E se guardi l’inchiostro fossile, lo vedrai vedi la stessa forma: punti perfettamente rotondi.

Secondo Vinther, queste “palle” sono chiamate “melanosomi”. Essenzialmente, sono minuscoli corpi sferici pieni di melanina, la stessa sostanza che colora i capelli, la pelle, gli occhi, la pelliccia e le piume in tutto il regno animale. In passato, abbiamo erroneamente pensato che questo dispositivo fosse solo una raccolta di batteri che hanno scavato nei corpi dei dinosauri. Bene, abbiamo pensato male.

La ricerca di Finther infrange il vecchio mito scientifico secondo cui la melanina non può sopravvivere al processo di ossificazione. Ebbene, non solo può, ma ci dice esattamente di che colore l’organismo è stato estratto, grazie al fatto che assume forme specifiche che determinano quale colore produrrà.

“Se guardi una persona dai capelli neri o un uccello dalle piume nere, questi melanosomi sembrano salsicce”, ha detto il ricercatore. “Se hai i capelli rossi, come un petto di mughetto [um tipo de pássaro do norte dos EUA] O i capelli di una testa di carota [comediante americano, nome real: Scott Thompson] – Poi avranno le forme delle polpette. Quindi stai cercando salsicce o gnocchi e con queste informazioni determini il colore degli animali che sono scomparsi quando erano vivi.

Concretamente, è la forma del melanosoma che determinerà il modo in cui interagisce con la luce, producendo così un colore particolare. Nel caso dei dinosauri, vi era una predominanza di grandi melanosomi grassi (pigmentazione blu o grigia) e alcuni melanosomi piatti o cavi – segno di iridescenza e aspetti più mineralizzati.

Sulla base di queste conoscenze, è possibile identificare altri aspetti della fauna: ad esempio, i dinosauri noti per essere spaventosi erano molto appariscenti. Pensa prima Jurassic ParkDove il velociraptor insegue i bambini in cucina – infatti, questi animali non saranno squamosi e nudi, ma piuttosto multicolori e piumati, semi-metallici, visivamente.

Allo stesso tempo, i dinosauri di tipo difensivo avevano colori meno brillanti per creare un mimetismo naturale e mimetizzarsi con l’ambiente circostante.

Questa scoperta permette anche di determinare l’habitat dell’animale: dove c’era un grande contrasto di colori, il dinosauro viveva probabilmente in spazi aperti, con forte luce. Colori meno vividi, invece, indicano un’esperienza nel bosco, dove il sole era più diffuso.

Hai visto i nostri nuovi video su Youtube? Iscriviti al nostro canale!