Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Determinanti sociali di COVID

Con la povertà e la discriminazione, la sicurezza del lavoro diminuisce – e quindi nessun congedo per malattia – spazi di lavoro meno sicuri, case più piccole e accesso all’assistenza sanitaria più difficile: quattro fattori: chiavi o quattro ”. Determinanti sociali della salute », Tutti gli esperti di sanità pubblica menzionati.

Ma come scrive la giornalista Amy Maxmine In una relazione La rivista lo ha pubblicato il 28 aprile natura, “Sebbene gli studi sui determinanti sociali della salute abbiano acquisito slancio per decenni, il lavoro reale per affrontare le cause sottostanti è complesso e politicamente rischioso e quindi scarso”.

Il giornalista ha trascorso gli ultimi mesi esplorando questi “determinanti sociali”, tra le altre cose da parte dei lavoratori agricoli della California – che sono spesso ispanici, poveri e in qualche modo legali. Quando l’epidemia iniziò a farsi sentire lì, c’erano molte organizzazioni comunitarie sul campo, che distribuivano informazioni sulle misure sanitarie e organizzavano campagne di screening, oltre a cercare di spiegare perché le condizioni di lavoro e gli alloggi erano improvvisamente migliorati sono diventati più importanti di prima.

“Questi tipi di interventi sociali ed economici sono ciò di cui abbiamo veramente bisogno per affrontare le disuguaglianze sanitarie, ma molti ricercatori e responsabili politici sono riluttanti a premere pubblicamente per tali misure”.

In altre parole, molti degli esperti intervistati per questo rapporto affermano che non è solo una questione che spetta ai responsabili politici o alle autorità sanitarie. Anche gli esperti medici dovrebbero parlare, e non solo di considerazioni mediche: “Dobbiamo parlare più forte di cose che non sono nel nostro campo”, dice l’epidemiologa Mary Bassett, per esempio.

READ  Vaccinazione degli operatori sanitari | Il Quebec prenderà presto una decisione

Una pandemia può avere almeno una cosa buona: ha plasmato quegli avvertimenti che hanno fatto parte di una realtà che gli esperti di salute pubblica hanno osservato per decenni. Anche per più di un secolo e mezzo, se crediamo che nel 1848 il medico prussiano Rudolf Virchow documentò nel suo libro Rapporto sull’epidemia di tifo Quattro fattori: fame, analfabetismo, povertà e depressione. Ha scritto quattro determinanti sociali di base per comprendere la diffusione dell’epidemia.

Il sociologo americano WEB Du Bois ha aggiunto uno strato all’inizio del ventesimo secolo attaccando le teorie razziali del tempo, sostenendo che la povertà era soprattutto la questione delle morti premature nelle comunità nere. . È stato uno dei primi a sviluppare indicatori che mostrano che i cambiamenti nel tasso di mortalità in una grande città – Filadelfia – erano principalmente e in ultima analisi una funzione della qualità abitativa, dell’istruzione, del tipo di lavoro e di altre variabili, e che queste misure erano le stesse indipendentemente dal colore della pelle delle persone.

Oggi tutti sanno che l’aspettativa di vita alla nascita è più bassa nei paesi poveri. Ma molti ancora ignorano – o scelgono di ignorare – che nel loro paese, l’aspettativa di vita alla nascita può variare a seconda del codice postale in cui una persona è nata. In alcuni casi, come negli Stati Uniti, i contrasti molto vividi, documentati negli anni ’80, rimangono gli stessi oggi. Non sorprende quindi che l’epidemia abbia trovato fattori più favorevoli alla sua diffusione in determinati quartieri o province. E che la campagna di vaccinazione dovrà affrontare più ostacoli in alcune società rispetto ad altre.

READ  Le Prime Nazioni dello Yukon e della Columbia Britannica settentrionale stanno affrontando il cambiamento climatico utilizzando la conoscenza e la scienza aborigena

Le soluzioni sono anche note: migliore istruzione per giovani e anziani e migliore accesso all’assistenza sanitaria per i più vulnerabili. Nel caso degli Stati Uniti, assicurazione sanitaria universale. Ma alcune soluzioni vacilleranno di più tra coloro che controllano le catene monetarie: imporre migliori condizioni di lavoro nelle industrie. La maggior parte “sono a rischio Imporre una migliore protezione per i lavoratori con status precario o background di immigrati.

Collegare la povertà all’epidemia è una cosa, affrontare lo status quo è un’altra. Avviso Esperto di sanità pubblica Ronald La Ponte, Università di Ottawa. Tuttavia, prima o poi esperti di diverse discipline dovranno affrontare questo status quo, altrimenti la storia si ripeterà.