Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Demistificazione della sezione aurea – Scienza e vie

1, 61 80339887 5 …… nella sua forma decimale infinita, oppure (1 + √5) / 2 secondo la sua formula esatta: il rapporto aureo esiste effettivamente come oggetto matematico. Gli è stata attribuita una lettera greca (phi). Irragionevolmente, questo numero è circondato da miti complessi. Certo, ha una proprietà aritmetica sorprendente e unica: moltiplicarlo per se stesso significa aggiungergli 1 (1,618 x 1,618 = 2,618 = 1,618 + 1). Non abbastanza per spiegare il suo status di star della matematica. Se è così affascinante, è perché sarà la pietra angolare del mondo materiale e delle opere d’arte, associata a standard di bellezza e armonia cosmiche. La leggenda vuole che si trovi nella struttura e nelle proporzioni dei dipinti di maestri rinascimentali, nell’architettura gotica, sulla facciata del Partenone, nella Piramide di Cheope e fino al cuore delle spirali formate dalle galassie.

Inizialmente, è definito geometricamente. Per dirla semplicemente: se tagliamo una sezione a metà in modo non uniforme, si dice che sia divisa secondo il “rapporto aureo” quando il rapporto tra la parte più grande e la più piccola è uguale a quella dell’intero settore con il più grande. Troviamo tracce di questa particolare proporzione fin dall’antichità. “Negli Elementi di Euclide, il manuale di riferimento per la geometria per secoli, vengono discusse alcune di queste sezioni e la loro relazione con le forme geometriche, inclusa questa”, osserva Catherine Goldstein, storica delle scienze matematiche e direttrice della ricerca al CNRS. Il grande matematico Luca Pacioli, nel suo lavoro dall’inizio del secolo, difende la superiorità di questo rapporto, che considera particolarmente impressionante. “Pacioli adotta questa idea che ci mette in contatto con l’universo, con Dio. È il momento in cui le opere d’arte vengono mostrate ai grandi mecenati, e dove è comune avvolgere la bandiera nel discorso religioso, spiega lo storico.

READ  Spac dedicata alla salute lanciata al pubblico ad Amsterdam

Ci sono, quindi, tracce di un fascino per il rapporto aureo nella storia, ma sono molto isolate. “

Scivolando nel terreno

Nel corso della storia, la “proporzione divina” è stata associata al suo valore algebrico ed è chiamata numero aureo dal XIX secolo. All’inizio del Novecento i movimenti di intellettuali interessati al rapporto tra matematica, arte e poesia, raggruppati attorno a figure come Paul Valéry o Roman Matila Ghika, hanno mostrato un interesse particolarmente rinnovato per il numero o … di cercare e trovare da tutte le parti! Tuttavia, questo posto dato al rapporto aureo nell’arte sembra essere molto esagerato. “Molti artisti dell’Alto Rinascimento preferivano l’armonia, la chiarezza delle composizioni e l’equilibrio delle situazioni. Ma senza costruire il loro lavoro su una proporzione di proporzioni molto complessa”, spiega Laurie Wagnaert, supervisore della ricerca del fondo. Ricerca Scientifica (FRS-FNRS) e Docente presso l’Università di Liegi (Belgio). “Tuttavia, alcuni ricercatori sembrano tentare un’analisi successiva per analizzare le opere rinascimentali inserendo una tale figura o tale architettura in un rettangolo aureo o in una spirale”.

C’è un’idea che la matematica sia noiosa e che per renderla divertente devi far sognare la gente

Questa ossessione di mantenere vivo il mito, a tutti i costi, turba un certo numero di matematici che hanno perso molto interesse per la sezione aurea mentre scivola verso l’esoterismo. “C’è l’idea che la matematica sia noiosa e che per renderla divertente devi far sognare le persone. Anche se significa dire cose false”, si lamenta Katherine Goldstein. Le leggende sono dure a morire. Soprattutto il più bello.