Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Decine di residenti hanno registrato i voti della loro città

Questo è il primo del suo genere in Francia su una scala così ampia. Da più di 6 mesi, decine di residenti di Rezé registrano i rumori del loro quartiere tramite un’app. Iniziativa della città di Rzes e dell’Università Gustave Eiffel di Beugnet. Obiettivo: individuare zone tranquille e zone rumorose, trovare soluzioni comuni per combattere l’inquinamento acustico.

Robert vive a Rezé da 23 anni. Anche se dice di vivere in una zona relativamente tranquilla, è molto infastidito da un po’ di rumore. “Quello che mi infastidisce di più è il rumore degli aerei quando decollano”. Identifica.

Registra suoni dal vivo

Sono stati questi disturbi nel rumore che hanno spinto Rezéen a provare un nuovo esperimento chiamato “Sonorezé”. Grazie all’app per smartphone Noise Capture, da 6 mesi registra tutti i suoni che lo circondano.

Una forma di scienza partecipativa, che ha sedotto anche Marie-Pierre, che ha vissuto a Rize per sei anni. “Penso che la scienza dei cittadini sia il futuro. Consente di tenere conto di tutti i punti di vista in modo logico. Lo trovo molto costruttivo”.

La scienza partecipativa consente una raccolta dati affidabile.

L’esperimento è stato condotto in collaborazione con l’Università Gustave Eiffel di Bugna. “Noi ricercatori saremo in grado di catturare ambienti acustici in una piccola città, ma non in una città come Rezé, Spiega Arnaud Kahn, ricercatore in acustica ambientale presso l’Università Gustave Eiffel di Beugnet. “Ecco perché la scienza partecipativa è essenziale per noi. Ci permette di raccogliere dati più affidabili e, soprattutto, vedere come la popolazione sta sfruttando questa opportunità”.

Questo raccoglie dati audio in tempo reale Quindi i partecipanti possono discuterne con i funzionari eletti. “L’idea è di coinvolgere tutti in tutto il mondo, Claire Joyo, assistente di Nature City in Rize, spiega. Non sono solo i dati scientifici che devono essere presi in considerazione, ma anche le sane percezioni quotidiane della popolazione.

Alla fine, l’obiettivo è Mappa del controllo dell’inquinamento acustico e acustico. E anche se i risultati sono già disponibili, i partecipanti affermano di voler continuare a registrare i suoni che li circondano. Se erano una ventina di volontari all’inizio della sperimentazione a gennaio, ora sono circa 130 partecipanti.

READ  Aurelien Rousseau lascia l'agenzia sanitaria regionale dell'Ile-de-France