Agosto 1, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Decine di persone sono state uccise in un incendio in una fabbrica in Bangladesh e i lavoratori sono stati rinchiusi all’interno

Kazi Abdul Rahman, direttore generale delle esportazioni del gruppo, ha affermato che la fabbrica che ha preso fuoco giovedì era affiliata al Sajib Group, una società del Bangladesh che produce succhi sotto la Shezan International Limited con sede in Pakistan.

Secondo il sito web del gruppo, l’azienda esporta i suoi prodotti in una serie di paesi tra cui Australia, Stati Uniti, Malesia, Singapore, India, Bhutan, Nepal e paesi del Medio Oriente e dell’Africa.

Abdul Rahman ha detto per telefono all’Associated Press che la società era pienamente conforme agli standard internazionali, ma non era sicuro che l’uscita della fabbrica fosse chiusa. Secondo le leggi di fabbrica del Bangladesh, la fabbrica non può chiudere la porta di uscita quando i lavoratori sono all’interno durante le ore di produzione.

“Siamo un’azienda prestigiosa, manteniamo le regole – ha detto – Quello che è successo oggi è molto triste. Ce ne rammarichiamo”.

Quando venerdì sono iniziati gli sforzi di recupero, le vittime si sono ammucchiate in sacchi bianchi in una flotta di ambulanze mentre i loro parenti piangevano. Mentre il fumo denso continuava a sgorgare dalla fabbrica ancora in fiamme, i familiari piangenti dei lavoratori scomparsi aspettavano con ansia notizie dei loro cari fuori dal sito carbonizzato.

Un vigile del fuoco all’interno di una fabbrica di cibo e bevande in fiamme.a lui attribuito:AP

In precedenza, i membri della famiglia si sono scontrati con la polizia mentre aspettavano tutta la notte senza dire a nessuno il destino dei loro cari.

Il governo ha ordinato un’indagine sulle cause dell’incendio.

Le tragedie industriali del passato sono spesso attribuite a lacune di sicurezza di cui soffre ancora il paese dell’Asia meridionale nonostante la sua rapida crescita economica.

READ  I vigili del fuoco statunitensi si preparano per il tempo pericoloso mentre 70 incendi bruciano in California e Oregon and

Nel 2012, circa 117 lavoratori sono morti intrappolati dietro uscite chiuse a chiave in una fabbrica di abbigliamento a Dhaka.

Il peggior disastro industriale del paese è arrivato l’anno successivo, quando la fabbrica di abbigliamento Rana Plaza fuori Dhaka è crollata, uccidendo più di 1.100 persone.

Caricamento in corso

Le autorità hanno imposto regole di sicurezza più rigorose dopo quel disastro e da allora l’industria dell’abbigliamento del paese è diventata ampiamente conforme alla supervisione locale e globale. Ma molte altre industrie nazionali non sono riuscite a mantenere la conformità alla sicurezza e i disastri sono continuati.

Nel febbraio 2019, un incendio è divampato in un quartiere di 400 anni pieno di appartamenti, negozi e negozi nella parte più antica di Dhaka e ha ucciso almeno 67 persone. Un altro incendio nella Vecchia Dhaka in una casa che immagazzinava illegalmente sostanze chimiche ha ucciso almeno 123 persone nel 2010.

L’ILO ha affermato in un rapporto del 2017 che il quadro normativo e le ispezioni del Bangladesh “non sono stati in grado di tenere il passo con lo sviluppo del settore”.