Gennaio 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Deal with Hensoldt amplia la partecipazione di Leonardo nel business dei radar Eurofighter

ROMA – Leonardo ha vinto 260 milioni di euro (296 milioni di dollari) nel business dei radar Eurofighter dalla tedesca Hensoldt, il che significa che l’azienda italiana ha ora un ruolo importante in tutti e tre i nuovi radar a scansione elettronica in costruzione per i clienti Typhoon.

L’accordo per lavorare sugli aggiornamenti radar per gli aerei spagnoli e tedeschi segue la chiusura del 3 gennaio di un accordo da 606 milioni di euro (691 milioni di dollari) che ha conferito a Leonardo una partecipazione del 25,1% in Hensoldt, una mossa che secondo la società l’aiuterebbe a prendere il guida. nel mercato dell’elettronica per la difesa in Europa.

I nuovi contratti di Hensoldt coprono i lavori sul radar a scansione elettronica europeo congiunto del sistema radar Mk1 ordinato da Germania e Spagna per il retrofit di circa 130 caccia Eurofighter a metà del 2020.

“Leonardo condurrà il lavoro di sviluppo sulle nuove capacità di banda larga e fornirà le parti principali della nuova antenna radar, APSC (Antenna Power Supply & Control) e del suo processore”, ha affermato la società in una nota.

Hensoldt è l’autorità di progettazione del radar e ha fornito le unità trasmettitore/ricevitore costruite in Germania, mentre Airbus integrerà i sistemi.

Leonardo cercherà di sviluppare modi per sfruttare meglio i ricetrasmettitori tedeschi per migliorare il raggio di rilevamento e la precisione dell’ECRS Mk1.

L’accordo rispecchia il track record di Leonardo nel business della scansione elettronica in Europa: è già autorità di progettazione del cosiddetto radar Mk 0 ordinato per 28 kuwaitiani e 24 qatarini Typhoon, costruiti dal consorzio Euroradar guidato da Leonardo UK in collaborazione con Leonardo Italia, Indra e Hensoldt.In Spagna.

READ  Come un uomo di Toronto ha rinunciato al suo lavoro in banca per diventare il capo di se stesso

Il tedesco e lo spagnolo Mk 1 si basano in parte sul lavoro di sviluppo svolto per il Mk 0 da Euroradar.

Leonardo è anche l’autorità di progettazione per la versione Mk 2 in fase di sviluppo per i Typhoon della RAF, che sarà un passo avanti rispetto alla versione tedesca e spagnola offrendo funzionalità di attacco elettronico e guerra elettronica su larga scala.

Un’altra novità è la possibilità di registrare passivamente le emissioni di bersagli e minacce che fornisce dati che possono essere combinati con i dati ricevuti dal Defense Assistance Subsystem (DASS) e dal sensore a infrarossi dell’hacker.

La versione britannica, che l’Italia ha ora firmato per acquisire, sarà anche in grado di trasmettere dati, mentre i moduli loosen saranno saldati nella parte anteriore dell’antenna, una mossa che gli ingegneri ritengono migliorerà le prestazioni.

Leonardo ha affermato che il suo nuovo lavoro con Hensoldt sull’Mk 1 “migliorerà le capacità aeree di combattimento a terra della Germania”.