Luglio 2, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Dall’Italia a Invercarg: perché l’eruzione del Tongano è stata ascoltata in tutto il mondo

La violenta eruzione del vulcano sottomarino Hanga Tonga Hanga Habai è stata ascoltata sabato in Nuova Zelanda ed è lontana quanto il Regno Unito e l’Italia. Cosa si chiedeva veramente la gente, quanto lontano viaggiavano le onde d’urto? Chiediamo agli esperti.

Brian Hamilton ha sentito il suono dell’artiglieria lontana dalla sua casa rurale nel sud-ovest di Auckland.

Il meteorologo stava guardando le immagini satellitari.

Un amico ha stimato che il suono li avrebbe raggiunti nella mezz’ora successiva.

Ha fatto la cosa giusta. Il primo rumore è iniziato dopo le 19:00 e suonava ancora più forte alle 20:00.

“Era come cannoni lontani, come uno scoppio … perché in un giorno d’estate puoi sentire il bellissimo cielo azzurro e come fuochi d’artificio in lontananza.”

Hamilton era sordo e captava solo gli altoparlanti, ma sua moglie ascoltava di più. “Puoi sentirlo nelle tue orecchie.”

È stato uno dei tanti che ha sentito parlare di un’eruzione di un sottomarino a 2000 km in tutta la Nuova Zelanda.

I social media brulicavano di persone che postavano ad Auckland, Touranga, Napier, Wellington e fino a Invercargill.

“Sento lo #sfruttamento di #Tonga dalla mia casa a Wellington, in Nuova Zelanda? Sicuro al novanta per cento”, ha detto Daniel, di Lower Hut.

“È così pazzesco. Ero nel bel mezzo di un barbecue, era come se fosse sopra di me! Ho sentito due o tre minuti di distanza”, ha detto C.J.

“Sonic Boom a Napier ora ha notato #Tonga”, ha twittato Craig Irason, che è durato circa 20 minuti.

Richard Easter, professore di fisica all’Università di Auckland, ha affermato che l’eruzione dell’Hanga ha inviato un’enorme quantità di energia nell’atmosfera. “Più grande è l’esplosione, più aria viene agitata, quindi è più forte.”

READ  La messa in Italia non richiede la prova del vaccino, ma è richiesta per determinate funzioni

“Non è un muro sonoro continuo, è la pulsazione del suono, che agisce a modo suo, diffondendosi efficacemente in un cerchio centrato sul vulcano”.

Quelli dell’Isola del Nord l’avrebbero sentito prima di quelli dell’Isola del Sud.

Il suono viaggia di un chilometro ogni tre secondi, quindi il dottor Marcus Wilson, docente di fisica senior presso l’Università di Waikato, stima che ciò che i neozelandesi hanno sentito sarebbe accaduto circa due ore prima a Tonga, a circa 2400 km di distanza.

Mentre il suono viaggia, una singola esplosione si dissiperà e arriverà come un rumore duraturo che può durare per diversi secondi. “Sono i suoni più bassi che puoi sentire, il rumore più profondo.”

“Alcuni lo sentiranno più forte di altri… queste sono onde di pressione, che sostanzialmente comprimono l’aria.”

Alcuni post sui social media lo hanno chiamato “Sonic Boom”, ma gli esperti dicono che è un termine improprio.

Sonic Boom è un’onda d’urto che viaggia più veloce della velocità del suono, come Concorde o jet da combattimento ad alte prestazioni.

Secondo Easter, l’esplosione potrebbe aver generato un’ondata sonora alla fonte, ma quando l’onda di pressione è arrivata in Nuova Zelanda si sarebbe spostata al suono normale.

Dall’altra parte del mondo, l’Ufficio meteorologico del Regno Unito ha raccolto le onde d’urto del vulcano Tonga nei suoi siti di monitoraggio, confermando le precedenti letture dei meteorologi.

Usando le letture delle stazioni meteorologiche del cortile delle persone, il padre di Dunedin David Orlovich Sardegna e Sicilia, Kingston e le Florida Keys.

READ  Un giro in barca dalla Sicilia, Favignana è uno dei viaggi più belli in Italia

Storicamente, grandi eruzioni vulcaniche sono state viste e ascoltate fino a Krakatoa in Indonesia nel 1883 e Taravera in Nuova Zelanda nel 1886.

“La gente (Taravera) sull’Isola del Sud ha sentito e pensato che fosse una sparatoria”, ha detto Easter.

Hanga fa parte di una serie di vulcani che formano l’Arco di Tonga, che si è formato sotto la placca indo-australiana della placca tettonica del Pacifico.

Il vulcano ha eruttato più volte nel secolo scorso nel 1912, 1937, 1988, 2009 e 2014.

Non si sa molto di ciò che accadde all’inizio del 1900, ma Marco Brenna, docente senior presso l’Università di Otago, dice che gli ultimi tre volumi eruttati. L’eruzione di sabato sembra essere il vulcano più grande della storia recente.

Ha detto che un serbatoio di magma a circa 5-6 chilometri sottoterra si stava nutrendo di precedenti eruzioni e potrebbe esserci anche un’eruzione attuale.

I dettagli dell’eruzione di sabato devono ancora essere rivelati. Gli scienziati concordano sul fatto che questa non sarà l’ultima e che sono possibili eruzioni simili.

– Qiuyi Tan, di NZ Herald