Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Crollo del mercato BEV in Italia a febbraio 2022: in attesa di nuove offerte

Mentre l’Europa viaggia per una crescita più ambiziosa per i veicoli elettrici, non tutto va bene in Italia, il quarto mercato automobilistico più grande del continente. Sebbene altri importanti mercati automobilistici europei abbiano seguito forti aumenti nell’adozione di veicoli elettrici a febbraio, il Bel Paese sembrava essersi quasi fermato. Perché?

Nota dell’editore: Questo articolo è stato originariamente pubblicato Opportunità: Energia.

Come ufficiale Statistiche mensili da AnnRay Febbraio è un altro mese preoccupante per le vendite di auto. In modo simile Dati di vendita di gennaioCome nei mesi precedenti, le immatricolazioni complessive di auto in Italia sono diminuite del 22% anno su anno (YoY), portando il totale a 112.000 immatricolazioni rispetto alle 144.000 dell’anno precedente.

I propulsori a benzina e diesel sono scesi rispettivamente al 26,4% e al 22,3% dalla quota di mercato (rispettivamente 32,8% e 25,1%), mentre le scorte sono scese relativamente basse, mentre i numeri di immatricolazione assoluti per entrambi i tipi di motori sono diminuiti di oltre un terzo circa . Le tradizionali ibride blackless hanno aumentato la loro quota di mercato al 34,2% (28,8% dodici mesi fa), mentre il numero assoluto è diminuito del 7,5%, indicando il peggioramento delle condizioni del mercato automobilistico italiano.

Un totale di 3.175 unità sono state immatricolate per la quota di mercato del 2,8%, con tutti i veicoli elettrici che hanno mostrato segni contrastanti. Sebbene ciò rappresenti un aumento di peso rispetto all’eccezionale dello scorso anno (quota del 2,4% a febbraio 2021), è in calo dell’8% rispetto ai 3.460 record di un anno fa e il dato di vendita assoluto più basso da ottobre 2020. .

READ  Omigron: Gran Bretagna, Germania e Italia confermano casi di nuova variante Govt-19

Questa è la prima volta da anni che le vendite mensili di auto completamente elettriche sono diminuite (ad eccezione di aprile 2020, quando le serrature complete hanno paralizzato il Paese). Il motivo è semplice: dopo la fine del pacchetto finanziario originario lo scorso dicembre e l’immediata flessione del mercato, il governo italiano sta discutendo nuove concessioni.

Tuttavia non sono ancora confermati ed è inevitabile che i clienti dovranno attendere nuovi incentivi prima di finalizzare gli acquisti di BEV. Prima il governo chiarirà (e finanzierà), più velocemente l’intero mercato delle auto elettriche tornerà al suo ritmo di crescita abituale.

Gli ibridi plug-in hanno seguito un percorso diverso rispetto a tutti gli altri propulsori questo mese, rispetto all’elettrico. Con 5.473 immatricolazioni, i PHEV hanno rappresentato il 4,9% del mercato, l’11% in più rispetto ai livelli dello scorso anno, in calo rispetto al 3,4% dello scorso anno. Un ottimo risultato per questa tecnologia intermedia, sembra essere la preferita dai consumatori italiani e ovviamente dai concessionari di auto. Le loro buone prestazioni hanno consentito alla quota di mercato combinata di tutti i propulsori plug-in di raggiungere il 7,7%, un risultato molto inferiore ma in miglioramento rispetto al 5,8% raggiunto a febbraio 2021.

In un mercato così in declino, quali BEV hanno venduto meglio nonostante l’attesa di nuovi incentivi? I primi 10 grafici mensili mostrano alcuni risultati insoliti e nuove voci.

La Fiat 500e ha vinto la sua prima corona dell’anno, raggiungendo 509 record in un mese senza il miglior concorrente Dacia Spring Volume Delivery. La Smart ForTwo è arrivata seconda con 297 unità, aiutata dall’assenza di un altro rivale sul podio della Divisione A, la Renault Twingo ZE.

READ  Rhythmovi sostiene la start-up del movimento italiano finanziata dallo sviluppo

Due delle Mini di successo di Renault potrebbero essere state di breve durata e saranno presto rivisitate. Nel frattempo, una sfida impossibile del segmento D è salita al terzo posto: la Tesla Model Y, che detiene ad oggi la sua posizione più alta nel mercato italiano BEV con 223 record, altrimenti segnata come l’assenza della Tesla Model 3 ancora. .

Fuori dalla piattaforma, la VW ID.3 si è classificata quarta con 152 unità, appena davanti alla Renault Zoe con 145. Una new entry nella classifica si è classificata al sesto posto, l’Audi Q4 e-tron, una notevole concorrente di Tesla Model Y. La possibilità non è stata ancora confermata in Italia. Poco dopo, la nuovissima BMW i4 ha debuttato al settimo posto con 101 record, in coppia con l’esperta Hyundai Kona EV, che presto si trasformerà in un modello completamente nuovo. La Peugeot e-2008 e la Nissan Leaf hanno coperto una classifica con un numero insolitamente elevato di modelli di classe superiore.

2022 BMW i4 M50 in Frozen Portimao Blue Metallic

Il secondo mese è arrivato senza una chiara politica di guida elettrica da parte del governo italiano e il mercato automobilistico generale è crollato, comprese le vendite di modelli BEV più economici a causa della mancanza di offerte, riducendo così drasticamente i numeri complessivi di immatricolazione dei veicoli elettrici per quel mese.

I modelli full electric di fascia alta, invece, continuano a vendere al ritmo consueto data la bassa sensibilità agli sconti. Per la prima volta, l’impatto dell’intero mercato automobilistico è stato avvertito in modo più chiaro e le autorità hanno preso atto della situazione. Per aiutare il settore a riprendersi dalla crisi, da diverse settimane è in discussione un nuovo piano di incentivi. Non posso venire presto.

READ  La Nuova Zelanda ha perso contro la squadra maschile nella finale italiana da record