Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Covid: il settore sanitario a Geres affronta un nuovo monte Everest

primario
L’inquinamento sta esplodendo nel dipartimento. Il settore medico si organizza per affrontare senza cambiare il corso della cura del paziente.

Più di 900 persone sono state infettate dal virus Covid in una settimana a Gires. Con il tasso di infezione che ha raggiunto quasi 502 mercoledì, il dipartimento sta assistendo a un violento aumento dei casi rilevati. Questo porta ad un forte aumento dei ricoveri. Circa l’80% dei ricoveri riguarda persone non vaccinate o vaccinate da più di 5 mesi, spesso anziane e con comorbilità. Uno dei due casi verificatisi negli ultimi otto giorni ha coinvolto un uomo di 86 anni che non era mai stato vaccinato.

curva esponenziale

“Siamo andati dal Monte Bianco all’Everest in una settimana”, sospira Didier Pierre Florentine, direttore di Gers ARS, ammalatosi da solo. Segno di un forte aumento dell’epidemia, 12 dei 30 pazienti trattati a Osh, nella cosiddetta medicina tradizionale, sono stati ricoverati entro 48 ore.

A fronte di questa preoccupante curva, l’ARS regionale ha attivato il piano bianco. Nella fase 3, a Osh, il piano bianco non prevede la cancellazione di tutti gli interventi.

“La deprogrammazione non è all’ordine del giorno. Soprattutto perché ci sono persone che hanno visto la loro carriera medica molto interrotta per due anni. Dobbiamo garantire opportunità mediche per i pazienti. Mobiliteremo le capacità. Altre istituzioni, compreso il trattamento ospedaliero domiciliare, per essere in grado di fornire le cure necessarie.Chemioterapia, trasfusioni di sangue, ecc., saranno mantenute tutte le cure ambulatoriali possibili. Ma Didier-Pierre Fiorentino lo capisce: “Si fa sempre più complicato”.

esaurimento

Le aspettative indicano un picco netto a partire dalla prossima settimana prima di stabilizzarsi. Dovremmo augurare l’inizio della ribellione? Per recarsi al centro vaccinazioni, il direttore dell’ARS ha rimarcato: “Alcuni stanno arrivando: forse verso le feste di fine anno?” Secondo il suo direttore, Sylvie Lacarriere, il personale dell’ospedale di Ochs è oberato di pressioni. “Abbiamo tanti pazienti Covid quanti pazienti non Covid che arrivano al pronto soccorso. I letti stanno finendo”. Metà della capacità di rianimazione dell’ospedale – unico servizio del reparto – è già occupata da casi di Covid. “Ci stiamo preparando al picco annunciato, aprendo posti letto SSR e liberando posti in medicina. Ma chiediamo ancora tanto personale…”

READ  Le persone esiteranno alle restrizioni?

La costante oscillazione tra la crisi e il declino dell’epidemia non lascia tempo per il riposo alle équipe mediche e non. “La saturazione è reale. Questa quinta ondata sta esaurendo tutti. Le persone hanno davvero bisogno di ricordare le vaccinazioni e questo sarà l’unico modo per ridurre i ricoveri”.

Se in dubbio
Se pensi di avere il Covid, non c’è bisogno di andare al pronto soccorso saturi da martedì. Chiama il 15 o il 3966 o consulta il medico.