Maggio 18, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

COVID-19: sintomi neurologici per il 44% dei bambini ospedalizzati

L’autrice principale, la dott.ssa Erica Fink, medico di terapia intensiva pediatrica (NICU) presso il Children’s Hospital di Pittsburgh e professore associato di medicina di terapia intensiva e pediatria presso l’Università di Pittsburgh, mantiene il tasso al 44%. Per l’incidenza media di questi sintomi neurologici, tra i bambini ricoverati in ospedale, testati o presunti positivi per SARS-CoV-2.

Nei bambini, i sintomi neurologici vengono spesso con la terapia intensiva

Questi stessi bambini, oltre ai loro sintomi neurologici, hanno in realtà maggiori probabilità di aver bisogno di cure intensive. “SARS-CoV-2 può colpire i pazienti pediatrici in diversi modi” : puo ‘causare,

  • Una malattia acuta caratterizzata da sintomi patologici che si sviluppano poco dopo l’infezione,
  • La malattia infiammatoria chiamata MIS-C settimane dopo l’eliminazione del virus è una sindrome infiammatoria multisistemica caratterizzata da febbre, infiammazione e disfunzione d’organo.

studiando, multicentrico, eseguito in 30 centri di terapia intensiva pediatrica nel mondo, ha seguito un totale di 1.493 bambini ricoverati, di cui l’86% è stato diagnosticato con SARS-CoV-2 grave e il 14% ha avuto MIS-C.

  • Le manifestazioni neurologiche più comuni correlate al COVID-19 acuto sono state mal di testa, encefalite acuta e convulsioni,
  • Quelli associati a cefalea MIS-C, encefalopatia acuta e vertigini;
  • Altri sintomi rari sono stati osservati con entrambe le condizioni, tra cui perdita dell’olfatto, disturbi della vista, ictus e psicosi.
  • I tassi di mortalità in questi bambini sono rimasti bassi a causa della grave SARS-CoV-2 e MIS-C;
  • D’altra parte, la frequenza delle manifestazioni neurologiche è elevata;
  • Potrebbe essere molto più alto del tasso del 44% identificato nello studio, perché questi sintomi non sono sempre adeguatamente documentati nella cartella clinica. Ad esempio, un bambino piccolo non sarà in grado di rivelare il suo mal di testa.
READ  La salute orale viene ad integrare la scuola

Manifestazioni nervose frequenti, sì, ma in quali bambini? L’analisi mostra che le manifestazioni neurologiche sono più comuni nei bambini con MIS-C rispetto ai bambini con SARS-CoV-2 grave e che i bambini con MIS-C hanno maggiori probabilità di sviluppare due o più manifestazioni neurologiche contemporaneamente.

A seguito di questi risultati, è stato avviato uno studio di follow-up per determinare se SARS-CoV-2 e MIS-C acuto – con o senza manifestazioni neurologiche – abbiano effetti duraturi sulla salute e sulla qualità della vita dei pazienti pediatrici dopo la dimissione dall’ospedale.

L’obiettivo è creare un database delle manifestazioni neurologiche pediatriche “nel tempo”, non solo per SARS-CoV-2, ma anche per altre infezioni.