Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Covid-19: forte aumento dei test positivi, predomina la variante delta

Tra il 4 e il 10 luglio c’è stata una media di 1.006 contaminazioni al giorno, con un aumento dell’83%. Nello stesso periodo sono stati somministrati 60.500 test (-4%) per un tasso di positività dell’1,8%, in lieve aumento rispetto alla settimana precedente.

Sebbene molti infortuni siano associati alla partenza e al ritorno dalle vacanze, questo non spiega tutto. “Stiamo assistendo a un aumento della percentuale di test positivi nelle persone asintomatiche e nei contatti ad alto rischio di quelle persone”, ha detto la portavoce. Ciò significa che il virus si sta nuovamente diffondendo vigorosamente tra la popolazione.

I giovani sono i più colpiti perché la metà delle infezioni riguarda persone di età pari o inferiore a 24 anni. “Possiamo vedere un leggero aumento della popolazione anziana”, ha detto Yves van Lethem. “Se l’aumento continua, probabilmente penetrerà nei gruppi di età più avanzata”.

Tutte le province e le regioni sono interessate, ma nelle Fiandre occidentali e nella provincia del Lussemburgo l’aumento è stato il più elevato con rispettivamente il 157% e il 122%.

La variabile delta continua ad evolversi a spese di altre variabili. Questo ora rappresenta il 63% delle nuove infezioni. Quel tasso era del 50% la scorsa settimana.

Anche per quanto riguarda i ricoveri si è osservato un leggero aumento. Tra il 7 e il 13 luglio sono state ricoverate in media 18 persone al giorno rispetto alle 16 del periodo precedente, ovvero l’11% in più. Tuttavia, il numero di persone ricoverate in ospedale continua a diminuire.

Attualmente sono 239 le persone ricoverate in ospedale con coronavirus (-5%) di cui 90 in terapia intensiva (-11%). “Questo calo sta rallentando sempre di più e non c’è dubbio che presto raggiungeremo un plateau con circa 90 persone in terapia intensiva”, ha confermato Yves van Lethem.

READ  Il governo "incoraggia tutti gli operatori sanitari" a rafforzare gli ospedali

In termini di decessi, la media è di due decessi al giorno, il che equivale a una diminuzione del 35%. In particolare, il 7 luglio, non ci sono stati fischi di morte, i primi in quasi un anno.

Infine, circa 7.615.000 persone hanno ricevuto almeno una prima dose del vaccino nel nostro Paese, ovvero l’81,3% della popolazione adulta. Gli adulti con copertura vaccinale completa rappresentano il 66,1%. (