Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Covaxin, un vaccino indiano a base di Covid – Salute

Il covaxin, un vaccino inattivato sviluppato dalla Bharat Biotech dell’India, è l’ottavo ufficialmente approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità. La sua efficienza è vicina al 79%. Ma quali sono le caratteristiche di questo nuovo vaccino di cui si parla ora?

Covaxin è stato inizialmente convalidato lo scorso gennaio per l’uso di emergenza in India e ora si è ufficialmente dimostrato, a seguito di una serie di studi. I risultati degli studi hanno mostrato che il vaccino aveva un’efficacia di circa il 79%. La percentuale che lo rende sicuro per l’uso in tutto il mondo, secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che accoglie con favore lo sviluppo di questa nuova arma contro il virus Corona.

Covaxin è stato inizialmente convalidato lo scorso gennaio per l’uso di emergenza in India e ora si è ufficialmente dimostrato, a seguito di una serie di studi. I risultati degli studi hanno mostrato che il vaccino aveva un’efficacia di circa il 79%. La percentuale che lo rende sicuro per l’uso in tutto il mondo, secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che accoglie con favore lo sviluppo di questa nuova arma contro il virus Corona. All’origine di questo nuovo vaccino? Bharat Biotech dell’India, che ha collaborato con il National Institute of Virology e l’Indian Council of Medical Research. Covaxin agisce insegnando al sistema immunitario a produrre anticorpi contro il coronavirus SARS-CoV-2. Gli anticorpi si attaccano quindi alle proteine ​​virali, come le proteine ​​spike che si diffondono sulla superficie del virus e sono fondamentali per introdurlo nelle cellule. Ciò che rende questo vaccino così speciale è che è stato creato dal virus Covid, e più specificamente da un campione del coronavirus che è stato isolato e inattivato per renderlo innocuo. Questo è chiamato vaccino inattivato. I ricercatori hanno prodotto grandi scorte di coronavirus, quindi le hanno spruzzate con una sostanza chimica chiamata beta-propiolattone. Questo processo di purificazione delle particelle virali rimuove il materiale genetico dal virus. In altre parole, questo composto disattiva i virus legandosi ai loro geni per impedire loro di riprodursi. Incapace di riprodursi, il Covid diventa abbastanza innocuo. Ma le sue proteine, comprese le punte, erano ancora intatte, quindi i ricercatori hanno preso i virus inattivati ​​e li hanno mescolati con una piccola quantità di un composto di alluminio chiamato adiuvante. L’aggiunta dell’adiuvante è essenziale nella maggior parte dei vaccini inattivati ​​se si vuole stimolare una risposta immunitaria che porti ad una buona protezione. Sono quelli che stimoleranno il sistema immunitario e, una volta somministrato il vaccino, le cellule immunitarie (cellule B e T) possono ancora riconoscere i virus, anche quando sono inattivati. Queste cellule invieranno quindi segnali di allarme per stimolare la risposta immunitaria e incoraggiare così la produzione di anticorpi necessari per combattere il coronavirus. Quindi il sistema immunitario può rispondere all’infezione con coronavirus vivi. Le cellule B producono anticorpi che si attaccano agli invasori. In particolare, gli anticorpi che prendono di mira la proteina spike possono impedire al virus di entrare nelle cellule. Altri tipi di anticorpi possono bloccare il virus anche in altri modi e, poiché i coronavirus usati per produrre Covaxin sono inattivati, possono essere iniettati nel braccio di un paziente senza timore di causare la malattia da COVID-19, rendendo questo vaccino particolarmente interessante per le persone con bassa pressione sanguigna immunità. Come la maggior parte dei vaccini attuali, Covaxin richiede due dosi, a distanza di quattro settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che può essere utilizzato come parte del Covax International Equivalent Program for Immunization. Questo vaccino è in realtà molto utile per i paesi poveri o a medio reddito perché è facile da conservare. A differenza dei vaccini mRNA, come quelli sviluppati da Pfizer-BioNTech e Moderna, Covaxin non richiede la conservazione. Stabile alle normali temperature di frigorifero da 2 a 8 gradi Celsius. Questo lo rende particolarmente adatto a molti paesi a basso e medio reddito con climi caldi, dove possono esserci frequenti blackout nelle aree rurali. Per quanto riguarda la durata della protezione dopo la vaccinazione, resta ancora da fare ricerca. Ma i ricercatori dicono di essere fiduciosi. Dopo che le due dosi sono state iniettate, il sistema immunitario conterrà già cellule speciali chiamate cellule B di memoria che possono contenere informazioni sul coronavirus e riattivare il sistema immunitario in qualsiasi momento. Quindi c’è una buona speranza che l’immunità duri per diversi anni, se non decenni…

READ  Supporto per Novavax in quanto studi cardine spingono i confini della scienza dei vaccini - Marseille News