Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cosa sta facendo l’Italia per combattere il cambiamento climatico?

Gli italiani stanno subendo il cambiamento climatico. I loro ghiacciai si stanno sciogliendo e le loro stazioni sciistiche sono per lo più prive di neve. Le inondazioni di fango devastano i centri delle città collinari e le temperature estreme riducono i raccolti. In Umbria e in altre parti del centro Italia l’importante raccolta delle olive lo scorso autunno si è dimezzata; La tarda primavera è stata causata dalle nevicate e dal caldo intenso dell’estate.

L’ampio studio climatico 2020 del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite non sorprende gli italiani, anche se lo fa agli altri europei: l’81% degli intervistati italiani ha espresso fiducia in un’emergenza climatica e il 78% ha affermato che il proprio Paese dovrebbe fare tutto il possibile per rispondere. Per quello.

Entrambi i punteggi sono alti nel sondaggio.

Questa è una buona notizia; La cosa peggiore è che l’Italia è decisamente nel mezzo dell’avanzata verso gli obiettivi dello zero netto. Sebbene le sue prestazioni non siano scomode, il paese relativamente ricco, benedetto da generose quantità di calore e luce solare, può funzionare molto meglio.

Il Corporate Knights Earth Index ha confermato la performance neutrale dell’Italia.

Nel 2019, l’anno prima dell’epidemia, l’Italia ha segnato il 54% dell’indice, il che significa che la sua riduzione delle emissioni quell’anno è stata solo la metà di quella necessaria per raggiungere l’obiettivo dichiarato dal Paese. In Europa, Germania e Regno Unito hanno ottenuto risultati migliori e l’UE nel suo insieme è stata molto migliore.

I risultati dell’Earth Index sono in linea con l’ultimo net zero readiness index della società di revisione anglo-olandese KPMG, dove l’Italia si colloca al 10° posto tra 32 paesi ricchi e a reddito medio per riduzione delle emissioni di gas serra.

READ  Il primo green bond italiano riceve un caloroso benvenuto, contribuendo ad alleviare il rischio finanziario

Come molti paesi, l’Italia ha brillato in una zona, è leggermente avanzata nell’altra e si è capovolta in almeno una.

“È necessario sostenere il cambiamento burocratico per facilitare il cambiamento ambientale e ridurre le pratiche a lungo termine”.

-Pier Mario Barzaghi, KMPG Italia,
Leader in Sostenibilità e Cambiamenti Climatici

Nel settore dell’energia elettrica, il Paese ha superato l’obiettivo nel 2019 grazie all’aumento delle energie rinnovabili. Il maggiore consumo di gas ed elettricità in Italia, si misura in base al valore di mercato. Promette di ridurre le emissioni dirette (obiettivo 1) dell’80% entro il 2030 rispetto al 2017 e vuole che l’87% dei suoi ricavi operativi provenga da prodotti e servizi a basse emissioni di carbonio.

L’Italia ha fatto buoni progressi nella riduzione delle emissioni industriali, sebbene l’industrializzazione sostenibile possa spiegare alcuni dei successi di questa categoria.

Il Dipartimento dei Trasporti italiano ha registrato una performance scadente nell’indice. Il paese sta diventando un importante ingorgo a causa della proliferazione di vecchie auto e camion diesel. I veicoli elettrici sono ancora rari.

Trovare i soldi per accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio non è un vero problema (l’anno scorso, il programma nazionale di ripresa e recessione ha stanziato 59 miliardi di euro per finanziare la conversione energetica, compreso il miglioramento della capacità edilizia). La burocrazia è il vero killer. “È necessario sostenere il cambiamento burocratico per ridurre le lunghe approvazioni per la realizzazione di impianti rinnovabili per aiutare nei cambiamenti climatici”, afferma PierMario Barzaghi, responsabile della sostenibilità e del cambiamento climatico di KMPG in Italia.

L’Italia riceve circa 200 miliardi di euro sotto forma di prestiti e sovvenzioni dall’Epidemic Relief Fund. La componente verde sarà una parte importante di questo set, che andrà bene per le ambizioni di zero netto del Paese nonostante un inizio lento.

READ  I playoff iniziano a prendere la forma di un weekend pieno di drammi calcistici in arrivo

Eric Reguli è il capo dell’ufficio europeo di The Globe and Mail e ha sede a Roma.